username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele di Ianni

in archivio dal 03 mag 2011

02 maggio 1983, Gaeta (LT)

mi descrivo così:
...o poesia o la corda di violino appena sfiorata dall'animo che fugge...

16 marzo 2015 alle ore 15:06

Perle

Sconosciuta la tua goccia
di rugiada, giovane di mattino
a rigare lesta l'animo delicato
che sovente trema e s'abbraccia.

Per essa le mie mani imparano
il conforto, e la voce giace
nei bui nascosti luoghi nostri
dove forte regna l'intima volontà.

Goccia di rugiada e scrigno
dell'oro che regola il mio essere
che sulle onde sonore dei tuoi sguardi
apprende l'armonia e la passione.

Lontane perle di trasparente sconforto!

Che qui vive la vetta d'una comprensione
che più d'un cuore in tempesta odiato
sintonizza il suo sorriso all'amore.
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento