username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele di Ianni

in archivio dal 03 mag 2011

02 maggio 1983, Gaeta (LT)

mi descrivo così:
...o poesia o la corda di violino appena sfiorata dall'animo che fugge...

18 novembre 2013 alle ore 14:40

Quattro balzi

Quei tuoi balzi d’estasi giovane
sconfinando le quattro punte dei venti
che s’alternano al tuo essere racchiuso
abile ad accogliere l’oro d’una minuzia
 
La dote che in te sublimata rende capaci
di veder tornado in un refolo di vento
accarezzar l’odore del tempo in pioggia
e percepir l’essenza nella risacca e tra la rena.
 
Perché gli occhi conoscono l’illusione
che un tempo consueto e solito dona
a chi lascia morire l’intento nel reale
e dimentico resta dell’impermanenza regina
 
Tu invece sfogli ridendo pagine gialle
ed hai avvicinato il suono del tuo corpo.
Tu che caparbia doni perle
di sorrisi e di sollievi
in fitta trama intessuto il mio respiro
al tuo
cercando la perfetta sincronia
con il moto dell’universo.
 

Commenti
  • Francesca Fichera suscita sensazioni familiari. Bella davvero.

    20 novembre 2013 alle ore 12:38


Accedi o registrati per lasciare un commento