username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Samantha Manta

in archivio dal 30 dic 2006

31 ottobre 1990, Nardò

segni particolari:
Credo che i "segni particolari" non esistano. Ci sono solo interpretazioni.

mi descrivo così:
Nel momento in cui ci si chiede il significato ed il vero valore della vita, si è malati. (Sigmund Freud)

12 maggio 2009

Automatismo marino

Ti sfiorano i miei pensieri.
E poi si ritraggono, per non provar più dolore.
Tu, come Medusa che mi strugge e mi lascia senza fiato,
mi fa anelare,
ora,
come avessi dei chiodi su quei tentacoli che vogliono me.

Ed è un piacere sublime,
un dolore gaudioso che mi innalza al di sopra di ogni cosa.
Ma io non posso non posso...
Quanto male che mi fai!


La spuma del mare ti porta sulla costa e tu,
in balia delle onde ti trascini sempre verso di me.
Mi stringi.
Poi la spuma si ritrae: ti allontani.


 

Per il tempo di quella ritrazione sembra che tutto perisca.


Non si sente più nulla.


E' il silenzio.


Poi tutto riprende a vivere quando
come ad uno schiocco di dita
s'ode il piacere gaudioso della spuma che s'unisce alla sabbia
e tu ritorni da me.


Quanto male che porta quel ritorno!
Invade la spiaggia su cui mi trovo,
la inquina
la sporca.
Invade il suo spazio, il mio.


 

Eppure mi piace.
Occupi il mio mondo col colore che vorrei,
stanca dei soliti colori marini,
seppur i più belli.


 

Ma tu... TU mi avvolgi mi travolgi e mi sconvolgi l'anima e il corpo.


Eppure...
ahimé,
TU lo fai senza coscienza, vittima dell'automatismo marino.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento