username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Sebastiano Impalà

in archivio dal 13 gen 2013

12 giugno 1960, Reggio Calabria - Italia

24 gennaio 2017 alle ore 20:47

La follia di Omero

Ho incontrato Itaca
nei lunghi viaggi
che mi condussero all’amore.
Pellegrino inquieto come Ulisse,
fui re per una notte sola
nell’alcova discutibile di Circe,
fra flebili richiami di sirene
e il caldo abbraccio di Nausicaa.
Avrei voluto mangiare la mia terra,
nutrirmi di cibi prelibati
e non soffrire per guerre e sotterfugi
che furon dagli Dei organizzati.
Ma il fato, si sa, non è mai probo,
riserva dolori e pentimenti
voltandoti la schiena all’improvviso
per riportarti indietro di vent’anni.
Seguii la mia sorte, con coraggio,
solcando mari impraticabili
e calpestando terre menzognere.
Infine ti trovai, isola mia,
stanco distrutto e amareggiato
per ricomporre le tessere di un sogno
che il folle Omero
aveva programmato.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento