username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefania Ferregutti

in archivio dal 14 giu 2010

30 agosto 1983, Sorengo-Lugano

22 giugno 2010

Il perdono fu nell'acqua

Sorella acqua,
io a te giungo,
dopo averti lasciata,
per dimorare,
tra le tue braccia,
culla beata,
dove il mio peso,
più non esiste,
tramutando la croce,
in una barca,
che veloce naviga,
laddove la felicità
mi trasforma ancora,
in giovane ragazza.
Tu,
che allieti le madri,
quando gli consegni,
i figli a lungo nutriti,
divenendo testimone,
di ogni manifesto
delle anime,
incarnate nell'uomo,
perdona,
coloro che ti trattano
con indifferenza,
non sanno ciò che fanno,
oh lode a te,
grande di compassione,
come una madre,
a cui accorro,
con reverenza,
chiedendo umile,
di essere perdonata ancora.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento