username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefania Ferregutti

in archivio dal 14 giu 2010

30 agosto 1983, Sorengo-Lugano

14 giugno 2010

Il violino

Dall'altra finestra,
ogni giorno,
aspetto,
quando la calura,
strema i corpi,
il suono del violino,
che da dietro la tenda,
ascolto,
mentre slego,
il mio reggicalze,
intravedeno,
capelli castani
ondulati,
che svolazzano,
impazziti,
fronte madida,
dita forti,
morbide,
sapienti,
nell'adulare le corde,
come fossero,
amiche consenzienti,
loro si allugano,
per divenire onda,
raggiungono,
la mia pelle,
accaldata,
come mosche,
rimanendo intrappolate,
nel umido salmastro,
che assaggio,
pensando,
con riso triste,
come potremmo mischiare,
i nostri sudori,
in un unica sinfonia.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento