username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefania Ferregutti

in archivio dal 14 giu 2010

30 agosto 1983, Sorengo-Lugano

22 giugno 2010

Mia pianta divina

Sono giunta a te,
con la brocca
colma delle gocce d'acqua,
cadute una ad una,
dal grande tiglio,
protettore degli sposi,
per lavare i tuoi piedi,
per lavare le tue mani,
così che tu possa accarezzarmi,
senza lasciare segno,
ed io bacerò i tuoi capelli,
nuovamente,
manifestando il pianto,
consapevole,
che tu non mi appartieni,
tu sei ancora avviluppato,
alle bianche nubi,
scevro del mio bisogno,
non riesci a pensare
al mio seno,
come ad un fontana
di languidi ristori,
tu sorreggi il mio volto,
ma contempli in realtà
le musiche della natura,
ed io non sono,
la fiamma di dio,
se non nel tuo abbraccio,
eppure io ti canto,
mettendo radici nella terra,
finchè diverrò anch'io pianta,
sotto al quale troverai ombra,
mangiando le mie foglie,
carne degli umili.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento