10 di 17

Le vie del destino sono davvero difficili a comprendersi. Se non ci fosse una qualche compensazione nell'aldilà, allora questo mondo sarebbe davvero una beffa crudele.

C'era ancora una lapide: "Qui giace E.F. che odiò le pompe". "Un uomo modesto?" domandò Marcantonio. "No. Un pompiere."

In città, un funerale è solo un'interruzione del traffico. In un paese è una forma d'intrattenimento.

Non è che ho paura di morire. E' che non vorrei essere lì quando questo succede.

La paura della morte abita nella maggior parte di noi, a un livello più o meno alto, perché non è forse la morte considerata il grande «ignoto»?

La morte è la porta che tutti noi dobbiamo attraversare, ed è questo nostro io spirituale che, abbandonato il corpo fisico, ci farà continuare a vivere, a imparare e a crescere mentre proseguiamo.