username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Ugo Mastrogiovanni

in archivio dal 26 ago 2006

12 marzo 1936, Orria (SA)

mi descrivo così:
Mi diletto a scrivere poesie da quando ero al liceo. Dopo la laurea, la mia vena poetica è stata bloccata dal lavoro. Ora che sono a riposo... spero nei lunghi periodi di riflessione e nipoti permettendo per recuperare i giorni perduti.

11 luglio 2012 alle ore 18:22

Tramonto

Tramonto sui muri alti, muti, ed in quattro,
serrando gelosi un più alto e muto silenzio.
Tramonto di raggi infuocati tra sbarre rossastre
di largo e pensoso cancello;
Tramonto d’un sole che bello godettero un giorno i defunti.
Oggi triste e sanguigno s’adagia tra filari di croci
che decoran di morte le marmoree piastre.
Pianto di raggi che crudi quel giorno
su loro si spenser per sempre.
Ora, pentiti e tremanti, con veste di lutto, proiettan le croci:
quasi in quell’ombre rendessero vita e il ricordo.
Sordo richiamo di purpurea luce
che trai fronzuti pini guarda crucciata.
Occaso di morte
su funereo manto di bigia terra ch’adornato di larve
cela dal freddo le infinite spoglie d’una vita antica.
(1960)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento