username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Sandro Tomolillo

in archivio dal 11 lug 2007

11 giugno 1953, Genova

mi descrivo così:
La forza delle parole non ha eguali; è libertà, pensiero che vede luce, è un po' di me che raggiunge altri.

13 luglio 2007

Persiane

Come finestre di un caruggio stretto,
tanto vicine che quasi si accarezzano
al pulir del vetro, a far entrar più luce;

 

se mi sarai di fronte, vedrai l’interno,
la mia casa intera, così com’è adesso.
Ormai è tempo che s’apran le persiane,

 

è questa l’aria, è arrivata la stagione;
chissà se troverò anche le tue dischiuse,
proprio allora, come le rose di maggio.

 

Sbircerò solo un poco nella tua vita,
se non vorrai, ora, che io la veda tutta,
guarderò l’oggi senza chieder com’era

 

e i tuoi perché; così mi vien da essere.
A sera ti chiederò d’accender una luce,
lì, nella cucina, con l’aroma del caffè,

 

sazia di un limpido giorno, di una festa;
sarai bella come il pensiero del sorriso,
sincera come il buon vino, sarai vera.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento