username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cristina Tarabella

in archivio dal 12 mag 2006

24 marzo 1965, Lucca

segni particolari:
Tralcio di foglie tatuato su braccio e mano destra.

mi descrivo così:
Una che lavora molto. Oltre a gestire la mia cartolibreria insegno latino, greco, italiano, etc. Leggo molto e studio molto.

16 maggio 2006

Ai Figli dell'Acre (Amazzonia)

Bambini; tanti.

Gli occhi raccontano la loro anima,

e si prova soltanto una vertigine immensa a guardarvi dentro.

E’ per questo che gli occhi dell’Acre sono così speciali:

guardi un bambino e vedi la stanchezza di un vecchio…

 

Tengo tra le braccia uno di voi, un vostro fratello,

un figlio di questa terra ostile, povera, piena di morte.

 

Lo amo…

E tu, piccolo vecchio mi chiedi:

“E’ tuo figlio?”

“Sì. E’ mio figlio.”

“Fortunato…”

Amo anche te, piccolo fratello del mio bambino.

 

Ma una marea infinita mi coglie e travolge il mio animo turbato.

Tu rimarrai, a piangere di notte,

perché il mondo non ti ha dato il pane.

Mio figlio partirà, con me, per una terra piena, ricca,

dove a volte, “Non è possibile!”- diresti tu-,

il pane si getta, solo perché è un po’ secco…

 

Ti regalo un dollaro… ma la vergogna mi assale.

Cosa può farti quel dollaro? Forse te lo ruberanno…

Forse ci comprerai foglie di coca, per non sentire la fame…

Mi vergogno.

Stringo forte al mio cuore, il vostro fratello,

mio figlio,

e penso alle migliaia di voi che mi lascio dietro…

 

E penso…E’ solo per un caso della Sorte, che vostro fratello e divenuto mio figlio.

 

Ma tutti voi siete figli!

Non posso sopportare il dolore di lasciarvi dietro di me…

Per questo sarete sempre tutti nel mio cuore.

Però le lacrime che ho  versato per voi, e che accompagneranno in eterno la mia vita,

non potranno mai darvi il pane…

 

Poesia premiata con il terzo premio assoluto al Concorso Internazionale di Poesia " Arte Nuova 2003"

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento