username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cristina Tarabella

in archivio dal 12 mag 2006

24 marzo 1965, Lucca

segni particolari:
Tralcio di foglie tatuato su braccio e mano destra.

mi descrivo così:
Una che lavora molto. Oltre a gestire la mia cartolibreria insegno latino, greco, italiano, etc. Leggo molto e studio molto.

16 maggio 2006

Amazonia IV

Un bambino.

La mia mente.

Il tuo pianto di neonato.

Sgorgava vita ovunque e noi ne eravamo sommersi.

Occhi neri che celano una vita.

Sguardi opachi che rubano ombre ad un mondo alieno e strano.

Braccia di madre sul tuo corpo bambino.

Baci estranei.

Di stupore.

D’amore.

Di novità.

Per te era tutto così sconosciuto!

Ma anche per me.

Tu eri un magico mistero incomprensibile ai miei sensi di allora.

Ma la vita fluiva mugghiando come un fiume in piena.

E scardinò porte che tenevano celati segreti...

Sentimenti per un figlio.

Gioia di avere un bambino.

Stupore perfetto nell’ammirare la tua bellezza.

Così la tua forza mi ha reso madre.

E mi ha donato l’incanto unico di provare ad amarti.


Poesia pubblicata sull'Antologia del Premio Internaz. di Narrativa e Poesia "Firenze capitale d'Europa 2002"

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento