username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cristina Tarabella

in archivio dal 12 mag 2006

24 marzo 1965, Lucca

segni particolari:
Tralcio di foglie tatuato su braccio e mano destra.

mi descrivo così:
Una che lavora molto. Oltre a gestire la mia cartolibreria insegno latino, greco, italiano, etc. Leggo molto e studio molto.

16 maggio 2006

Il gioco dell'Universo

La spiaggia  brilla sotto le stelle ed il mare ne bagna le silenti propaggini.
Un’onda giunge fino a me… e si ritrae: sembra che voglia rapirmi.
Nuovamente torna ad accarezzare  e lambire i miei piedi;
gioconda sottrae la sabbia intorno facendo sì che io sprofondi un poco.

Forse la spiaggia vuol farmi prigioniera?

in un rapimento amoroso di amplessi marini?

Sembra un gioco bellissimo, nel quale sono complici

le acque ed i mille granelli di sabbia.

Ma nel gioco male si addice la mia immobilità: fissa nello stupore incredulo.

… Tutto in torno si muove e accarezza fremendo il mio corpo.

Perché rimango immobile?

La natura mi chiama mi incita a vivere… a giocare…

L’onda gaia continua il suo abbraccio e carezza sensuale la pelle del mio corpo stupito.

La spiaggia non accetta la fissità del mio essere;

fa vacillare i miei piedi, l’acqua marina che lenta si muove…

… Un attimo e tutte le membra son parte del mare.

La spiaggia mi ha gettata nel grembo fluido della madre schiumosa.

Il corpo sospira… si risveglia…

miriadi di gocce salate distruggono il torpore.

…Adesso!

la vita penetra in me.

Ed io con impeto, al fine travolto, prendo parte al gioco dell’universo.


Poesia pubblicata sull'antologia del premio letterario Internaz. Di Poesia e Narrativa “Val di Magra – R. Micheloni 2003”.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento