username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cristina Tarabella

in archivio dal 12 mag 2006

24 marzo 1965, Lucca

segni particolari:
Tralcio di foglie tatuato su braccio e mano destra.

mi descrivo così:
Una che lavora molto. Oltre a gestire la mia cartolibreria insegno latino, greco, italiano, etc. Leggo molto e studio molto.

24 febbraio 2010

Nei tuoi occhi

Nei tuoi occhi il bambino triste si nasconde.
Io ti guardo,
lo vedo;
lo vorrei cullare, e dirgli:
‘Tranquillo. Va tutto bene.
Ogni cosa si aggiusterà.’
Ma il bambino è un uomo
che sogna amori dolci e tenere carezze.
Non può più un semplice abbraccio
ingannare il bambino.

 

Occhi velati di un mondo infinito
di vite non vissute
e così fortemente desiderate…
I tuoi pensieri traboccanti di amore,
inascoltato… non capito…

 

Il tuo amore per la Vita
si trasforma in disperazione;
la Vita ti ricaccia in mondi di sofferenza
e tu non riesci a capire…
Devi fuggire da tutto questo…
Ti senti solo morire…
e sprofondi,
sprofondi,
sprofondi…

 

In un baratro infinito senza luce,
senza senso,
senza amore,
pieno di un freddo che uccide l’anima.
Cadi nel buio vuoto della tua mente…
Giù, sempre più giù…

 

Ma!
…un attimo…
una luce flebile appare lontano…
quasi non si vede.
E’ il tuo cuore che ancora batte!
e illumina l’Infinito Nulla.
E’ il tuo potente amore che scalda la Gelida Notte
…e in un attimo riempie tutto il Vuoto!

 

Un Amore immenso e accecante
esce dal tuo sorriso:

 

Sei tornato alla Vita
per la promessa di un Amore!

 

Cristina a Paolo,
con infinita amicizia.

Febbraio 2010.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento