username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Iole Troccoli

in archivio dal 18 ott 2006

Firenze

21 luglio 2008

I tuoi colori

I tuoi colori.
Il rosso, il giallo, l’azzurro della tavola che scende al sole
la tua fragranza lenta che mi accende

 

il viso caldo, le mani che ricordano tracciando segni,
l’aria nottambula di questa sera che non mi vuole uscire
dalle gambe.

 

Un prestito nascosto e l’oro giallo è mio
da lievitare in bocca
tra quei bagliori tesi che mi sussultano nel tempo
da venire

 

fresca saluta l’ambra della gola la densa scia del liquido
che riempie dolce la mia sete.

 

Tu sei la valle ed io quel fiume che salpa le sue ondine
macerate tra le ombre

 

come un rintocco sei di neve
e poi di sabbia in fumo profumato

 

poi sei quell’ultima ribelle
la stella matta che sorride e naviga il sipario di una quiete
assorta

 

tra me e te forse due lune
o uno scirocco disattento

 

la danza di una tenda bianca
al mio partire. 

 

27 maggio 2008

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento