username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Irene Pizzimenti

in archivio dal 28 nov 2005

??/??/19??, Palermo

mi descrivo così:
Silenziosa, testarda, amante dei piccoli ma costanti passi, osservatrice sorridente con forte empatia per il mondo tutto.

03 gennaio 2006

Ed io taccio

Sentirsi tornare la vita dentro
guardare fuori
chiudere gli occhi
avvertire allargarsi dentro il respirare

bianche nuvole
s’espandono sul mare
gocce di silenziose luce
gessetti chiari a ridare
colorate fantasie al giorno

sentirti tornare la vita dentro

ascoltare un vocìo antico ed amico
che l’aria  ti porta tra la tenda dentro casa
voci di conosciuti venditori di frutta e pesci
gente che si guadagna il pane
col quotidiano andare per  paesini
sotto l’acqua e il sole

allentarsi di un tempo che riveste ad ogni istante le lancette

fermarti silenziosa a guardare il mare
immobile liquidità  senza più onde
ritrovarlo amico nel suo riposo senza alcun rumore
lontana la confusione in un  settembre arrivato piano
che muto, t’entra accarezzandoti dentro il cuore

sentirsi tornare la vita dentro

nei gesti quotidiani della gente
sacchetti della spesa in mano
che ferma ai crocicchi delle strade
si racconta di tutto e di niente
scambio d’umanità che fila lento il filo
del sentirsi parte d’esserci
in questo mondo indaffarato
dove a volte l’ansia e le ferite
bendano stretti corpo ed anima

abbassare sorridendo gli occhi
sui portoncini delle  case dei pescatori
dove le donne tre volte al giorno lavano
pezzi di marciapiedi dinanzi all’uscio
un modo antico per passare il tempo
per parlare di piatti da cucinare e di mariti in mare

e scope all’aria ad ascoltare….

Sovrano il silenzio riunisce in questo vivere
l’uomo ai suoi vissuti

In fondo al mare
una torretta araba
estremo baluardo di terra
difesa nei secoli dall’invasore
raccoglie come sempre i miei pensieri
nella tempesta e nel silenzio quando la tregua
finalmente mi ridona pace tra l’antico e il nuovo

La saluto silenziosa
mura d’empatia ai travagli umani

Sigillo solitario 
scivola sulla mia guancia una sola lacrima

Ed io taccio

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento