username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Laura Bertolotti

in archivio dal 25 gen 2020

18 gennaio 1954, Crema - Italia

mi descrivo così:
Non mi considero una poetessa, ma una donna che vuole mettere per iscritto le proprie emozioni... semplicemente

01 giugno alle ore 19:40

La Stellina e il suo Fiorellino

Il racconto

Dice il fiorellino alla sua stellina
“Perché non possiamo stare vicini?”
“Perché io sono nel cielo e irraggiungibile” 
“Ma potrò sempre vederti?”
“Certo... di notte mi vedrai sempre brillare... di giorno non mi vedi, ma ci sono.”
Il fiorellino sente di giorno la presenza della sua stellina e cerca in ogni modo di farle sentire che le è vicino e che farebbe per lei...qualsiasi cosa.
La notte il fiorellino ha lo sguardo sempre rivolto al cielo per contemplare l’unica stella che brilla nel suo cuore... la sua stellina.
Un giorno il fiorellino si accorse che accanto a lui c’era una piccola e tenera violetta. 
“Ciao come mai non ti ho mai vista prima?” 
“Io ci son sempre stata, ma tu guardavi sempre la stellina in cielo.”
Al fiorellino non piacciono le violette a lui piace la sua stellina, è un testardo e lo sa.
Ha osservato spesso gli altri fiori e più li osservava, più si accorgeva che non facevano parte del suo mondo.
La stellina prima che la sua luce si spegnesse aveva ottenuto dal Re Sole un’opportunità... 
scendere sulla terra sotto forma di margherita per poter stare accanto....anche per poco al suo fiorellino. 
La stellina lo desiderava tanto, ma capiva che non sarebbe stato possibile perché avrebbe sofferto immensamente  e perché voleva lasciare al suo fiorellino il ricordo di una stellina brillante e non quello di un’appassita margherita.
"Per il tuo fiorellino sei e sarai sempre  una stellina brillante  non sei e non sarai mai una margherita appassita può essere difficile da credere e capire ma è proprio così.
Un giorno però il fiorellino  si accorse di quanto potessero essere belli i fiori 
e si innamorò della tenera violetta.
Anche le stelle più luminose ad un certo punto si spengono e la stellina si accorse 
che la sua luce si affievoliva sempre più.
Ma non era triste perché negli ultimi momenti della sua vita aveva brillato più delle altre stelle per l’amore che le aveva donato... un dolce fiorellino.

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento