username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luca Gamberini

in archivio dal 29 apr 2008

30 maggio 1967, Bologna - Italia

segni particolari:
Ho una clessidra a inchiostro ne l'epitalamo

mi descrivo così:
Apprendista filologo

30 gennaio 2015 alle ore 18:58

C'è una valigia vuota che aspetta la tua voce.

C'è una valigia vuota che aspetta la tua voce,
il verso taumaturgico del fruttivendolo non abita più la strada,
denutrite alchimie bizantine fingono orgasmi letterati,
quadricipiti in esposizione sui davanzali decorati di retorica.
C'è un giradischi spento che aspetta le tue mani,
proiettori di buio crocifissi ai muri ingrigiti dai ricordi,
posate di legno rivestite d'olio di gomito,
bandi di concorso ad annunciare l'abitudine alla sconfitta.
C'è un cassetto chiuso che aspetta il tuo sorriso, 
chiave di cera, una volta, arrugginita da saliva bollente,
archetipo in disuso ostentare familiarità con l'inesplorato,
ciclamini di velluto sbocciano su tele di seta dai capelli cotonati.
C'è un dolce profumo di occhi bagnati che illuminano,
i giorni felici sono gli attimi trascorsi con te,
tra le cose dimenticate dalla vita
c'è una valigia vuota che aspetta la tua voce.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento