username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luca Gamberini

in archivio dal 29 apr 2008

30 maggio 1967, Bologna - Italia

segni particolari:
Ho una clessidra a inchiostro ne l'epitalamo

mi descrivo così:
Apprendista filologo

13 maggio 2012 alle ore 3:22

Le nuvole di Maggio

Il racconto

Maggio è un mese interminabile, che poi ti accorgi, al fine, che pareva appena cominciato. A Maggio fioriscono i pensieri seminati durante le giornate più corte, a Maggio difficilmente si ha paura, Maggio è un Settembre pieno di speranza, è il mese in cui tutto è cominciato, è un pretesto in cui recita bene perfino chi non conosce il testo. Fragole, asparagi, gerbere, un disco per l'estate che si ascolterà tre volte , la scelta del costume per andare alla spiaggia dei nudisti, il doposole controvento, i tramonti mozzafiato al cinguettar dei merli, le notti che si allungano accorciandole, il Roland Garros di Panatta , la Lotteria di Agnano di Varenne, il giro d'Italia di Battaglin. A Maggio puoi essere felice anche solo guardando un cane che salta un fosso spiccando il volo da un cespuglietto di erba stella per planare con dolcezza sul cerfoglio appena fiorito. A Maggio, ai bordi delle strade, fitti raduni di erbe selvatiche che fanno compagnia ai Rosari in quell'aspettar la sera, bici da gonfiare,si intensificano le orme in riva al mare e poi la festa del lavoro, vendo, anzi compro oro. A Maggio pare un peccato perfino inquinare, resti calmo anche se non sai dove andare, poca voglia di guidare, di nitrire, di abbaiare. Chi miagola in giardino? Forse è il gatto del vicino pronto a far la festa ai topolini di campagna o intento a rubare gli avanzi del rancio lasciati dalla cagna. E le nuvole, così veloci, guarda, guarda! Quella è Ayrton, quella è Gilles, simboli di fiori recisi a Maggio, uomini che hanno vinto le proprie paure finendo vinti dal proprio coraggio, caduti fino in cielo ed ora inarrestabili ricordi che rombano perfino nel cuore di chi ancora non aveva regali da scartare a Natale, giorno in cui non riesci a distinguere cosa è bene e cosa è male. Maggio è un ossimoro, è il mese di chi fa senza sebbene non possa farne a meno, è veloce come un treno, profumato come il fieno, è lento anche se nemmeno sfiori il freno. Maggio è un cantiere aperto, è il mese del primo concerto, è la fine della scuola e non te ne frega niente se poi dopo la maestra per tre mesi resta sola. Sono nato di Maggio in un giorno di sole, all'una del mattino, ho camminato tanto, forse troppo, o troppo poco. Ma si dai, in fondo anche Maggio è un gioco, non sta con April, Giugno e Settembre, quello è il mese di Novembre e di ventotto ce ne è uno, fuori i secondi, dentro gli attimi.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento