username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele Vertaglia

in archivio dal 14 dic 2007

07 gennaio 1958, Napoli

segni particolari:
Amo la vita, l'Amore, la musica classica, leggere tanto e scrivere le sensazioni che ne traggo.Non ho spazzole che "sparano" 100 colpi a notte per lenire le voglie di ninfomanie adolescenziali; né uso il pettegolezzo per accattivarmi le masse, ho solamente il cuore e la coscienza.

mi descrivo così:
Sono perché penso. Il mio pensiero é vita e dalla vita traggo sempre per descrivere i pensieri che nascon dalle cose. Dalle più orridi alle più odorose.

16 aprile 2009

Faccio parte 'è nù munno. Faccio parte di un mondo

Faccio parte è nù munno luntano, Faccio parte di un Mondo lontano,

dint’ò Tiempo, s’ è perzo pè mmane. Che nel tempo s’è perso per strada.


D’à miseria facevo ricchezza, Della miseria, ne facevo ricchezza,


dint’ è rrecchie ò rummore d’ò mare. Nelle orecchie il rumore del mare.


Mò nun sento cchiù niente Adesso non sento più niente


Ije stò troppe luntano. Io sono troppo distante.


La ricchezza nun basta La ricchezza non basta


P’è ccanzone d’ò mare. Per le canzoni del mare


Tu te pienze che à vita fernesce, Tu pensi che la vita finisce


quando siente nù ràntùlo ò core; quando avverti un rantolo nel cuore;


quanno ll’aria nun passa pè bronche, quando l’aria non passa pei bronchi,


j’è ricorde sò tutte scagnate; ed i ricordi son tutti sbiaditi;


comma à scola, è ritratto d’à vita, come la scuola è ritratto di vita,


è penziere s’affacciano ‘nziste, i pensieri s’affacciano insistenti,


comma ninno che piglia nà svista, come un bimbo che prende una svista,


e ò surbetto, tu l’hai da piglià. E il sorbetto tu lo hai da prendere.


Po’ t’accuorge ch’ò pantéco è overo poi t’accorgi dello spavento che è vero


e d’ò tempo nun se po’ ffà ‘meno. del tempo non si può fare a meno.


Te rimane int’ àll’uocchie ò ricordo ti rimane negli occhi un ricordo


è nà vocca vullente e felice di una bocca bollente e felice


che stù core, sulagne, mme ò ddice: che questo cuore, solitario, me lo dice:


“Era bello, nà vota ò campà!!“Era bello, una volta il vivere!!”


Faccio parte è nù munno che è doce, Faccio parte di un mondo che è dolce


che ò Dimane, nun pò  cchiù aspettà. Che il Domani, non può più aspettare..


17.12.2007



Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento