username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele Vertaglia

in archivio dal 14 dic 2007

07 gennaio 1958, Napoli

segni particolari:
Amo la vita, l'Amore, la musica classica, leggere tanto e scrivere le sensazioni che ne traggo.Non ho spazzole che "sparano" 100 colpi a notte per lenire le voglie di ninfomanie adolescenziali; né uso il pettegolezzo per accattivarmi le masse, ho solamente il cuore e la coscienza.

mi descrivo così:
Sono perché penso. Il mio pensiero é vita e dalla vita traggo sempre per descrivere i pensieri che nascon dalle cose. Dalle più orridi alle più odorose.

09 giugno 2008

Maggio

Era ò mese d’è rrose, Era il mese delle rose
era ò mese ‘è ll’Ammore era il mese dell’Amore;
‘nchiuse dint’è penziere chiusi, dentro i pensieri
E ò silenzio è stù core. e il silenzio del cuore.


Ma mme pare ch’è ajere Mi sembra sia ieri,
Ero sulo e squitato, ero solo e celibe
ncè fernette ll’ammore. ci finì quest’amore
e ncè simmo lassato. E ci siamo lasciati.


So passate trent’anne Sono trascorsi trent’anni
E nù pizzico è vase; ed un pizzico di baci;
nù ricordo e tant’anne un ricordo di tanti anni
addiventa nù mese. Ridiventa in un mese


Mo sulagno s’apposa Adesso solo s’adagia
Chistu core è criature il mio cuore bambino
Cù nù trièmmolo amaro con un tremore amaro
Nun me fa cchiù campà. Non mi fa più campare.


Tu te pienze è ffernuta, Tu credi che sia finita
nun ncè stà cchiù a che ffà. Che non c’è più che fare.
Ma s’apprezza nù beneMa si apprezza quel bene
Quanne nun è vicino Quando non è vicino
Chist’Ammore è luntano, Quest’amore è lontano,
cchiù luntano d’ò mare. Più lontano del Mare.


20.05.2008

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento