username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefano Pietri

in archivio dal 17 ott 2011

25 maggio 1963, Roma - Italia

mi descrivo così:
Giornalista pubblicista Ho pubblicato: nel 2007 "Uozzamericanboys" con Edizioni Tracce nel 2011 "Non credevo di trovarti su facebook" con Aletti editore

17 ottobre 2011 alle ore 16:58

Confusione onirica

Donne che sfilano in abito da sera
mentre io canto la mia illusione
un mondo libero si apre
mentre tu urli la tua prigione

l’orizzonte è circoscritto da mille pensieri
vedere oltre è una probabilità
mentre io cerco l’uomo di ieri
trovando impaurito la mia fragilità

e parole che pesano come pugni che si posano
e  sorrisi silenziosi si sognano soli
ed io che urlo in silenzio chiedendo: “chi sei”
non sento il rumore dello sguardo di lei

e sogno che il sogno che ho sempre sognato
mi sogni sognando che sogni di sognare
e le parole che parlo e che ho sempre parlato
mi parlano parlando le parole del parlare

e la tua voce è vento che soffia lontano
il pensiero distratto del mio libero pensare
la mia mente divisa in due come mela tagliata
avidamente nella paura di non poter mangiare

donne ormai senza nessun vestito
si alternano nei miei onirici percorsi
e il desiderio pazzesco e controllato di te
mi sprofonda sconfitto nei momenti trascorsi

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento