username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Valeria Sartino

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Valeria Sartino

  • 18 ottobre 2006
    Specchio...

    Cammino sugli specchi e mi volto.


    Guardo, osservo, scruto le ombre dietro me.


    Distante nel vento, un canto;


    melodia di suoni e parole,


    eco di sogni passati,


    segreti, fantasie lontene cullate dal mare.


    Un riflesso più in là e,


    sprofondo in un abisso dove neanche più le stelle


    a tenermi compagnia.


    Una rete mi avvolge,


    dieci, cento, mille mani su di me,


    toccano. Stringono il mio cuore;


    un fischio m'incanta.


    Colori, emozioni e desideri


    imbalsamati nel labirinto del tempo:


    vai avanti ma non sai se potrai tornar indietro.


    Respiri fiducioso e attendi,


    quando d'improvviso


    un fruscio lieve rapisce i tuoi sguardi.


    E' il futuro che insistente pressa...


    L'aurora è giunta,il sole sta spuntando.


    Sorge un nuovo giorno,


    nasce un nuovo sogno.

  • Voglio perdermi nei tuoi occhi

     

    Sprofondare nell'abisso delle tue braccia

     

    Respirarti...

     

    Solo con te esisto

     

    Solo per te vivo

     

    Solo in te muoio

     

    Amare come mai ho amato

     

    Credere come se avessi una fede immensa

     

    Voglio farti mio,averti,possederti

     

    Mangiarti il cuore,rubarti l'anima.

     

    Pelle contro pelle

     

    Mani nelle mani

     

    Labbra che si succhiano

     

    Lingue che si annodano.

     

    Contorsionisti di luoghi lontani,tu ed io

     

    Funamboli roventi

     

    In equilibrio su fili di rame intrecciati

     

    Sento il calore che ci avvolge.

     

    Il sudore scivola sulle nostre anime

     

    Le vene cristallizzate.

     

    Bagnato è il tuo viso

     

    Tremano i miei pensieri...

     

    Volo via con te questa notte.

  • 15 settembre 2006
    Non smettere di amare mai

    E' in momenti come questo che non vorrei più...

     

    E' in momenti come questo che non vorrei più amare così.


    Cosa mi hai fatto per rendermi così malata d'amore?


    Ho paura a piangere


    paura ad urlare


    paura ad amare.


    Mi sforzo a capire, ma infine?


    Solo dubbi, paranoie ed emozioni.


    Solitudine fuori e dentro me.


    Deserto dove cresce un fiore... un solo fiore nero.


    Concentrato di spine.


    Su di un petalo gocce di sangue che dilagheranno


    su tutto il corpo come un morbo in espansione.


    Gusci evanescenti, contengono parole sbiadite


    da un passato che non è più.


    E nella mente, una sola frase a tenermi compagnia:


    Non smettere di amare mai.