username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 24 ott 2015

Adua Biagioli Spadi

Pistoia - Italia
Mi descrivo così: La poesia è un'alba: quella di oggi che sarà domani.
Mi trovi anche su: www.aduabiagioli.it
Pagina Facebook: Adua BiagiolI Spadi
Twitter e Open Arte.

elementi per pagina
  • 06 novembre 2016 alle ore 15:37
    La Pietà (omaggio a Michelangiolo Buonarroti)

    Smuove dell'essere uomo
    il sacro sentire stasera,
    silenzioso viandante che entri.
    Si fa vertigine la trepidazione
    nel Tempio antico delle preghiere.

    Di contemplata luce
    riemerge in silenzio la vita,
    favilla nel buio
    quasi è un drappeggio,
    soave si mostra impallidita.

    Stai lì, nel riposo a sentire
    come vergine disarmante
    in celeste assorto ammirare,
    riluci nel sommo incarnato
    con dolci movenze nel marmo,
    e tenera muove in Pietà
    suscitando tempeste di cuori.

    da "L'Alba dei papaveri" - Poesie d'amore e identità - Ed.La VIta Felice

     
elementi per pagina
elementi per pagina
  • Leggendo la raccolta poetica di Roberta Borgianni e Alessandro Moschini, dal vivissimo titolo "RisBocci", non si può non constatare già da subito, quella struttura interna e coinvolgente che divide l'intero testo in tre parti, di cui la centrale, poesie a quattro mani dei due autori, ne sembra assumere delicatamente il pistillo di un fiore aperto in una duplicità di tempi: quello che definisce la visione di Roberta da un lato, e quello che caratterizza il punto di vista di Alessandro, dall'altro. Le due visioni poetiche si scontrano e allo stesso tempo, si intrecciano, completandosi, proprio nelle loro contrapposizioni e conseguentemente, nel loro relazionarsi.
    La sezione centrale dal titolo "Quattro mani e una penna", è l'inizio di un armonico a due in cui, là dove per Roberta è il 'senso dell'amore', lo sprone ad attraversare il limite, che è ricerca 'per accendere nuove candele', per Alessandro Moschini, lo stesso limite è già 'riconosciuto e superato', tanto in un mare, quanto nelle fragranze della presenza umana, anche quando riconosce di sentirsi quel 'condannato a morte', che poi è condanna di tutti gli uomini: sentendo dentro di sé quel limite, Moschini non può che richiedere che il tempo, si fermi proprio dov'era avvenuta la 'rinascita', rendendosi conto serenamente, ciò che resta alla fine del percorso della vita, mentre per Roberta la rinascita, che è 'rinascita e morte all'infinito', diventa anche un 'non sentire più rendere quella vita già stata' e dunque, assunta a diventare sapore di 'nostalgia futura'. Un bellissimo e accorato ragionamento sul tempo e sul luogo, elementi salvifici, una ricerca che accomuna entrambi, in cui la salvezza si denota proprio quando riusciamo a uscire 'dal caos', dal disordine fluente del quotidiano, in cui Alessandro riesce a liberarsi di tutto l'esubero che lui stesso definisce 'spazzatura' per poi 'farsi pace', che altro non è che la base su cui seminare la Poiesis. Ma, mentre per il poeta, tale ricerca è diretta, lineare, che quasi balza agli occhi naturalmente, per Roberta, la stessa ricerca passa attraverso lo strumento, meno diretto, che internamente risiede nel tempo, quasi fosse musica respirata 'che non conosce stagione', nello svuotare la soffitta dei ricordi: così facendo raggiunge quella stessa leggerezza moschiniana che il poeta trova nel 'sopperire vuoti e palliativi sterili' (ho troppi chilometri/ammucchiati sul groppone/ e scorie da scacciare/ dalla pelle). Dove l'uno giunge al risultato della ricerca poetica nell'immediato scarto dei superlui, l'altra vi giunge passando per lo scorrere evolutivo del tempo: due vie che si intersecano creando una poesia provvista di triplice aspetto del tempo: Tempo-Memoria, Tempo-Essenza, Tempo-Ri-nascita. Rinnovarsi è un ributtare vita di foglie nuove', ma soprattutto è 'rivoluzione', risveglio oltre la cenere dopo il fuoco lacerante, di cui Alessandro ne sente 'lo strappo liberatorio', proprio come quando ci vogliamo togliere un abito troppo stretto, mentre Roberta ne incalza la ribalta delle illusioni, rinascendo 'al bacio della luce', riflesso dello specchio, metafora di verità restituita, che sta in tutte le cose del mondo. Alessandro Moschini e Roberta Borgianni, iniziano il percorso poetico con la poesia "Bocci" e terminano, se di un termine possiamo parlare, con i "RisBocci", in un cammino che è ritrovo di luce riparante e rigenerante, evoluzione vitale condivisa.

    [... continua]

    • Fuoco
    • 07 novembre 2016 alle ore 21:02

    Fuoco, il secondo romanzo di Alessandro Moschini, mette in luce l'elaborazione di una trama che è frutto di una ricerca storica dalla quale dipanano confluenze unificanti o meglio, un'unica sorprendente trama che, come il percorso di un'antica sorgente si dirige e trova inesorabilmente una foce frastagliata, il delta convergente in divenire mosso, quasi privo di una conclusione a chiusura del tutto. L'autore si serve e gioca sapientemente con parallelismi e distanze temporali, linearità di struttura linguistica e di suspanse, verità e immaginazione, mistero, attrazione e simbolo (si pensi al fascino richiamato da un tatuaggio che trasporta in una situazione altra, quasi onirica, la rosa, fiore sacro a Venere, ma che ha in sé fin dall'antichità una certa connotazione funeraria) il tutto calato in una realtà vicina ad un'ambientazione ed a luoghi caratteristici della Valdinievole toscana, rivisitato bacino di affetti, accadimenti e colpi di scena.
    L'amore è il filo conduttore, collante di verità lontane, uniche e intrappolate nel tempo. Quest'ultimo diventa simbolo della caducità di ogni cosa e avvalendosi del doppio principio insito nel flusso che lo distingue, risulta essere distruttore da un lato, abbracciando senza possibilità di uscita un fatto accaduto e destinato a ripetersi, e conoscitore dall'altro, in quanto contributore del trionfo delle verità contro insidie, vizi, calunnie, divenendo l'equiparazione simbolica dell'infinito quale elemento che permette di ritrattare e trasporre la vicenda nella contemporaneità, dove il lettore si ritrova e sa di riconoscersi.
    Vita - Morte - Amore, un tris di significativa simbologia, il rinnovarsi ciclico attraverso la nascita, principio cosmico di generazioni ed evoluzione perpetua contro la fine di ogni principio vitale e ineluttabile destino, che assume quasi una funzione oscura, mirata ed elettiva rendendo eterni i personaggi che si riscoprono, ricordando un certo filone letterario e cinematografico legato allo Sturmundgrund romantico.
    Il fuoco stesso, che ha in sè fin dall'antichità una valenza rinnovatrice della dimensione umana dell'esistenza, è il più ambiguo fra tutti gli elementi, in quanto alterna affascinanti contraddizioni e purifica e distrugge, è luce e calore e al contempo violenza senza fine e fiamma (celeste o divinità infernale), diventa dunque simbolo e metafora dell'accadimento.
    Si valorizza la preziosità di un sentimento quale principio motore dell'universo che, non a caso, è correlato a divinità e antichi simboli, quali appunto, la vita e la morte, soltanto esso può sopravvivere di se stesso e rendere irripetibile la vita, così che ancora una volta per amore è possibile morire, e ancora una volta per amore è possibile rendergli giustizia, al di là degli esiti.

    [... continua]