username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Adua Biagioli Spadi

in archivio dal 24 ott 2015

Pistoia - Italia

mi descrivo così:
La poesia è un'alba: quella di oggi che sarà domani.
Mi trovi anche su: www.aduabiagioli.it
Pagina Facebook: Adua BiagiolI Spadi
Twitter e Open Arte.

26 ottobre 2015 alle ore 11:20

L'alba dei papaveri

di Adua Biagioli Spadi

editore: La vita felice

pagine: 88

prezzo: 10.20 €

Acquista `L'alba dei papaveri `!Acquista!

La poesia è un’autentica forma d’espressione che riesce ad entrare in punta di piedi nella sfera più intima del lettore e in primis nello stesso poeta. Adua così, attraverso una ricerca profonda, guarda nei cassetti della memoria e percorre un viaggio emozionante all’interno di sé captando ogni sfumatura e delineando, in ogni tempo i propri giusti colori. Dal rosso dei primi amori, all’oro del disincanto o nel fortunato incontro con qualcuno, al bianco delle pagine di vita da scrivere, ai sassi argentati che stancano, al verde degli occhi, al blu della notte o del mare, allo stesso colore dei sogni.
Musicale ricerca del verso per giungere a caratterizzare un’identità propria di chi solo cadendo e bruciandosi, può dopo apprezzare anche il “profumo dell’assenza”, con maturata crescita. Nell’agire e nel ponderato silenzio, semina quotidianamente quanto è nel DNA e abbraccia tanto gli errori, quanto ogni singolo papavero nato o donato dalla vita.
Il calore del focolare familiare è pilastro per la Poetessa, ritrovato nelle figure genitoriali, in parole antiche e nel ricordo. Una forza che non blocca, ma alimenta nuovi incontri e stimoli oltre le incertezze e gli inverni di una società che non sa ancora amare totalmente.
Ecco che la natura, le città (Pistoia, Milano), diventano punti prova e trampolini per svelare inconsapevoli ma fieri gesti: di speranza, di pace, d’immaginazione, di inizi nuovi, stagione dopo stagione. La poesia diventa atto di sopravvivenza, d’accoglienza, di energetico fluire di forme, di voci e sentire.
“Quando mi piaccio/ mi perdo nei simboli/ tutto scivola via e scrivo/ respiro solo papaveri rossi/…”
Una miniera di sensibile conoscenza di sé, per arrivare a poter così conoscere ciò che ci circonda abbandonandosi“all’estrema meraviglia/che si apre: /l’anima si perde all’infinito/ ai colori di un giorno mai traditi.”
Un culto dell’io, mai esasperato nel suo verismo, seppure concentrato nella ricerca del fascino primordiale e tipico dei poeti della seconda metà del 19° secolo.
“E tu non dire/ ch’io perdo il senso e il tempo/ della mia vita …” - cantava Antonia Pozzi (il 10 dicembre 1933) e “i miei giorni di palude tacciono risalendo canali infossati … che nessuno osi toccarli/seppure sepolti nella melma:/ disperderei me stessa …” - come la Biagioli Spadi ai giorni nostri declama.
L’umanità parla: accarezza e schiaffeggia ogni giorno. Sta a noi divenire “Aquile” come dice Adua e vivere nel fragile volo in un mondo migliore, anche sotto la pioggia, nella malinconia, o nella scintilla essenziale che fa palpitare e fremere amando ogni scia, ogni alba, ogni sera e ogni singolo respiro.

recensione di Dulcinea Annamaria Pecoraro

Commenti
  • Adua Biagioli Spadi Grazie Annamaria Pecoraro per la recensione :)

    29 novembre 2015 alle ore 15:36


Accedi o registrati per lasciare un commento