username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Elda Falcone

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Elda Falcone

  • 05 giugno 2012 alle ore 22:46
    Eroe antico

    Ti guardo..
    Il sonno non ti placa..

    Le tue mani si agitano
    quasi a combattere
    un terribile nemico..

    Non dai pace alle tue membra
    nemmeno nel riposo
    che dolce vorrei ti cullasse
    lasciandoti sopire calmo..

    Mi senti forse e apri gli occhi..
    Il tuo sguardo appare dolce
    a me che ti sfioro piano
    e piano ti sussurro "amore"..

    Le tue labbra si piegano
    in quel sorriso che sempre
    mi pare di eroe antico...

    "dormi amor mio dormi"
    e le tue mani sfiorano le mie,
    mentre i tuoi occhi piano

    cedono a Morfeo ed intanto
    penso che ti amo
    e da lui mi lascio cullare anch'io...

  • 13 dicembre 2011 alle ore 21:51
    Il solo che voglio

    Sogno..
    Sogno di te, di noi..
    Voglio la tua forza, voglio sentirla intorno
    mentre con le braccia mi avvolgi e mi attiri a te..
    Mi sollevi, insinui la mano tra i miei capelli
    e un brivido mi attraversa corpo e mente..
    I pensieri si spengono e lasciano posto
    al tumulto dei sensi che mi esalta..
    Avvicini la tua bocca quasi ansimando
    e i tuoi occhi si accendono e si perdono nei miei..
    Sussurri piano: - Chiedi!- e la mia mente si perde
    mentre il mio corpo si accende e brama di te..
    Sogno..
    Sogno ancora..
    E sei tu.. sei tu il solo che voglio...

  • 07 agosto 2011 alle ore 0:50
    Dormi

    Vorrei essere il letto che ti accoglie caldo
    il cuscino su cui appoggi il capo
    e trovi rifugio dai pensieri di ogni giorno..
    Vorrei essere il lenzuolo che ti abbraccia
    col suo morbido drappeggio
    per farti sentire coperto e riparato...
    Avresti solo me tutto intorno..
    Potrei cullarti dolcemente e farti riposare
    tenendoti  tra le mie braccia
    e accarezzandoti la fronte piano..
    Porterei via i pensieri tristi dalla tua mente
    che libera e serena si assopirebbe
    mentre con un sorriso e un bacio
    guardo i tuoi occhi chiudersi piano..
    Dormi dolce angelo
    sarò qui a vegliarti fino all'alba,
    finchè i fantasmi svaniranno
    e solo la luce dolce del mattino ci troverà abbracciati...

  • 24 luglio 2011 alle ore 12:30
    Sarà ancora amore

    Chiudo gli occhi,
    la tua anima felice è ancora qui
    e mi sta accanto, canta del nostro amore..
    Rivedo il tuo viso
    i tuoi occhi che parlano anche in silenzio
    e mi donano un amore immenso..
    Ti ho guardato andare,
    il tuo saluto di spalle mi carezza il cuore
    e una lacrima scende melanconica..
    Ti porterò con me,
    in ogni tempo, in ogni istante,
    la tua mente e il tuo cuore
    saranno compagni della mia anima
    che lieta danzerà al tuo ritorno..
    So che tornerà per noi quell' atmosfera
    e che la gioia si impadronirà di noi
    col nostro ritorno al nido..
    E sarà ancora amore...

  • 27 marzo 2011 alle ore 10:56
    Grazie a quella foto

    Guardo te oggi mentre parli
    E quel ragazzo che un tempo avevo accanto
    Salta ancora fuori prepotente
    E mi riporta ad epoche ormai perse..

    Quel guizzo furbo ancora appare
    Tra le trame della barba che furtiva
    Lascia intravedere una fossetta
    Alla cui vista intenerisco ancora..

    Ma colui che guardo oggi è un uomo fatto
    I cui occhi mi lanciano segnali
    Di un amore che mai pensavo
    Di poter aver senza riserve..

    Le nostre vite sono uguali
    Imbevute di dolore e pianto
    Tanto da sembrar gemelle
    Ai nostri sguardi stupiti e increduli..

    Poi di colpo la rivelazione
    Di un amore vero grande e forte
    Nato in un sol battito di ciglia
    Senza che possiamo farci nulla..

    Abbiamo in comune la nostra prima volta
    Fu buia triste ed inesperta
    E i nostri sentimenti cancellammo
    Per orgoglio e finta indifferenza..

    Ma oggi ci vogliamo con la forza
    E la consapevolezza immensa
    Di un amore che può rivivere
    Negli istanti che possiamo avere..

    Ti avrò e sarai mio
    Mi avrai e sarò tua
    Voglio solo questo in questo istante
    Solo io e te e sarà per sempre..

  • 15 ottobre 2010
    Grazie

    Grazie di essermi amico,
    di pensarmi con piccoli gesti
    che mi infondono una dolcezza
    che mi fa bene all'anima;
    di aver voglia di ascoltarmi,
    ma anche di raccontarti
    e metterti a nudo con me;
    di trattarmi come una regina;
    di esserci ogni volta che ti cerco;
    di raccogliere i miei pensieri
    e custodirli come un guardiano
    impavido e gentile..
    grazie di amarmi così..

  • 07 settembre 2010
    Passione di giugno

    Ti sento.
    Ho ancora nella mente
    il tuo odore che pervade la stanza
    e si confonde insieme al mio..


    Le tue mani  mi esplorano,
    le percepisco sfiorare la mia pelle
    e posso anche adesso provare
    i brividi che sentivo in quel momento..


    Le nostre anime danzano felici
    mentre i nostri corpi madidi
    si scambiano gli umori e
    si cercano senza sosta..


    Tu mi vuoi, sfogli i petali
    della mia essenza che tutta
    anela alle tue labbra
    che avide suggono la mia linfa..


    Ti concedo la mia intimità
    e i miei desideri si esaudiscono
    in amplessi selvaggi
    che solo noi sappiamo soddisfare..


    Le parole si mischiano alla carne
    ed escono veloci e ricche di passione
    fin quasi alla perversione
    che ci travolge tempestosa..


    E' un turbinio di lussuria,
    ti offro la mia bocca vogliosa
    che brama della tua fonte
    il nettare da bere avidamente..


    Mi strofino sul tuo corpo
    e piano mi adagio sul tuo petto
    siamo esausti ma un solo sguardo
    riaccende il fremito che ci rapisce ancora...

  • 21 maggio 2010
    Anche quando

    Ti amo
    anche quando non ci sei
    quando mi manchi come l'aria che respiro
    e la tristezza si fa dolore.

    Ti amo
    anche quando la distanza
    diventa insopportabile e la gelosia
    dei tuoi istanti senza me mi fa bruciare gli occhi.

    Ti amo
    anche adesso che urlo dentro me il tuo nome
    e solo una triste eco mi risponde.

  • 08 febbraio 2010
    Sei l'amore

    Non ti ho lasciato,
    perché con te c'ero da sempre
    e per sempre ci sarò.

     

    Non mi sei lontano,
    perché sono con te in ogni luogo
    e in ogni angolo della tua mente.

     

    Non ti ho posseduto,
    perché solo ciò che pensi di perdere
    tenti di legare a te.

     

    Non sono senza te,
    perché fai parte dell'anima mia tutta.


    Non posso smettere d'amarti
    perché sei l'amore che da sempre
    ho cercato intorno
    e che per sempre avrò nel cuore.

  • 23 ottobre 2009
    Un bacio

    Vorrei un bacio adesso, uno dei tuoi,
    uno di quelli che mi hai dato
    quando mi hai stretto forte la prima volta,
    dopo avermi guardato la bocca
    e averla desiderata con gli occhi...
    Te lo leggevo negli occhi
    che volevi sentirne il sapore,
    come lo volevo io...
    I tuoi pensieri volano alto
    e forse io non ne faccio parte,
    ma fai planare su me il tuo sguardo,
    io sono pronta ad accoglierlo in me,
    Ti amo.

  • 23 luglio 2009
    Avrei voluto te

    Avrei voluto te
    te solo e nessun altro.
    Sapere che vivi e respiri
    grazie alla vita
    che io sola potrei donarti..

    Avrei voluto te
    dentro e fuori e intorno
    a colorare di risa i giorni
    e con pianti notturni
    tener deste le mie notti..

    Avrei voluto te...
    ma non posso averti..

  • 13 gennaio 2006
    Parlami

    Parlami per favore...
    Dimmi  le cose che senti dentro...
    Voglio conoscere la tua anima
    e sentirla vicina a me,
    come facesse parte
    e si fondesse con la mia..
    Voglio capirti fin nel profondo
    del tuo sentimento più intimo
    che non hai mai svelato a nessuno...
    Voglio entrare in te,
    prendere il tuo cuore tra le mani,
    per sentirlo palpitare,
    stendermi accanto a lui ,
    proteggerlo per sempre
    e non andare più via...

  • 02 gennaio 2006
    A CARLO AZEGLIO

    Ti guardo e mi commuovo
    mentre pronunci quell' ultimo discorso,,,
    ad un Italia che forse non è attenta
    ai tuoi occhi lustri nonostante il piglio
    di uomo fiero di essere Italiano.
    Ti guardo e vedo in te il prototipo del padre
    che parlando tenero a tutti i figli suoi,
    si accorge che ora sono adulti
    e che giunta è l'ora che vadano
    a compier un destino a cui li preparasti.
    Ti do del tu, non per irriverenza
    ma per affetto profondo e sincero
    che mi è dato dall' ammirazione
    e dal rispetto che ho per te,
    che tanto spesso in questi sette anni
    sei entrato in casa mia dalla tv,
    a parlarmi con tono mai saccente
    ma sempre fermo nel comunicarmi
    i valori che il buon padre di famiglia
    cerca di infondere a chi incantato
    ascolta le tue esperienze
    e dai tuoi insegnamenti trae profitto.
    Quegli occhi che tante atrocità hanno veduto
    negli anni terribili della Seconda Guerra
    appaiono a me dolci e pieni di speranza,
    mentre guardano alla mia generazione
    e a quelle che verranno con amore.
    Queste mie poche parole spero siano
    una testimonianza piccola e sincera
    del fatto che ti stimo e che per sempre
    porterò dentro il mio cuore il tuo ricordo.
    Dalla verde Toscana ti arrivi questa mia
    ad augurarti che i tuoi anni futuri
    siano pieni di una serenità che meriti,
    perchè sei un grande uomo saggio
    che con la sua presenza tra la gente
    ha saputo star vicino ai figli suoi.
    E forse un giorno quest'Italia disattenta
    si accorgerà che forse era meglio
    quando tra i suoi normali cittadini,
    c'era quell' uomo chiamato Carlo Azeglio.

  • 28 dicembre 2005
    NOTTI IN BIANCO

    Perchè a distanza di anni
    riesci ancora a rubare i miei sogni?
    Ho una nuova vita,un uomo che amo
    e che si merita tutta me stessa.
    Con lui voglio riniziare tutto da capo,
    non voglio che i ricordi mi rubino tempo.
    E più cerco di scacciarti dalla mente,
    più, ostinato, il ricordo delle tue cattiverie
    si ripresenta vivo e quasi reale,
    ogni volta che i miei occhi cercano di darmi
    quel riposo che credo di meritare.
    Vorrei dormire, ma la mente che non comando
    torna, stupida anarchica, a vagare sulla tua figura.
    Pensare al periodo atroce che iniziò
    quando ho ripreso in mano il mio destino,
    lasciandoti per sempre distruggere il tuo
    e quello di coloro che dici di amare,
    mi crea una sofferenza straziante,
    che mi fa urlare di rabbia dentro me stessa.
    E inesorabile i ricordi riaffiorano:
    violenza, sputi, insulti e botte
    sembravano essere il solo linguaggio
    che ti fosse congeniale.
    La rabbia che hai dentro nasce
    dallo scorno di vivere una vita che non è tua,
    ma che Madre Natura, perfida, ti ha imposto
    facendoti vestire i panni di un essere
    che non accetta la propria esistenza per quella che è.
    La pena ed il dolore che hai dentro
    me li hai vomitati tutti addosso,
    con un impeto di tale malvagità,
    che ancora oggi me li vedo arrivare incontro
    nei miei incubi più inquietanti.
    Così, mentre spero con tutta me stessa
    che Morfeo pietoso, ponga un velo sui miei pensieri,
    carichi di odio per ciò che mi hai fatto
    e che non ho saputo contrastare,
    mi sorprendo a fantasticare di picchiarti
    di prenderti a calci nel ventre
    fino a farti sputare sangue.
    Così mi accorgo che , quell'odio che tu hai per il mondo,
    lo hai passato a me che mi abbasso
    al tuo lurido e sordido livello,
    quando penso che vorrei vederti morto.
    Quel tarlo di rancore, violenza e cattiveria
    ti ha fatto diventare una tale bestia,
    da non meritare nemmeno un briciolo di pena.
    Spero che tu muoia pazzo di rabbia,
    anche se questo offende il mio amor proprio,
    perchè perdo ogni giorno di più la stima di me stessa,
    quando mi accorgo che rischio di essere uguale a te.
    Ma io non ti permetterò di farmi questo
    e, fosse  l'ultima disperata azione della mia esistenza,
    ti prometto che a dispetto del tuo furore atavico,
    avrò una vita vera piena di amore,
    perchè non posso permettere nemmeno a te
    di rendermi inumana, rabbiosa e carica di odio:
    non è per questo che sono nata.
    Non ti permetterò di mettermi sul tuo stesso piano,
    perchè dove stai tu possono esistere
    solo le fiamme dell' inferno.
    Dovessi passare altre mille notti in bianco
    sarò felice di vivere una vita che non ho scelto,
    ma che sono contenta che abbia scelto me.

  • 20 dicembre 2005
    VORREI

    Vorrei che il tempo e le stagioni
    non fossero mai leggibili sul tuo viso;
    che i tuoi occhi ed il tuo bel sorriso
    mai venissero velati dal dolore.

    Vorrei che il sole ti baciasse sempre
    e ti rendesse felice come ti ho visto
    quando , tranquillo e sereno,
    la prima volta mi sei apparso.

    Vorrei vedere il tuo sguardo sempre acceso
    di curiosità e amore per l' arte e la cultura,
    come quando a naso in su, guardando San Pietro,
    hai detto che ti sbalordiva.

    Vorrei infine averti accanto sempre,
    come in quel famoso giuramento,
    in salute e malattia, in ricchezza e povertà,
    nella buona o cattiva sorte,

    Perché da sola la mia vita non ha senso
    e non esiste al mondo essere più inutile di me
    se devo pensare di non poterti più vedere
    e di non averti più accanto.

  • 20 dicembre 2005
    LINA

    Il primo ricordo che ho di te
    è la tua mano che mi stringe forte
    mentre cerco di sfuggirti esuberante
    per la fretta di scoprire il mondo.
    Da allora in poi mi sei sempre stata accanto
    ed ogni giorno hai seguito i miei studi
    cercando di vedere nei miei occhi
    ciò che un giorno sarei potuta diventare.
    Sei stata  amica e confidente
    in quei giochi che da bimba con le bambole
    intavolavo dando sfogo alla fantasia
    ed ai sogni che a volte ancora faccio.
    Ti ho vista ridere ma anche disperarti
    per le delusioni che, ignara, ti ho dato
    quando secondo te sceglievo male i miei amici
    e degli studi classici facevo spesso a meno.
    Poi un giorno quel verdetto amaro
    che ti rese consapevole in un tremendo attimo
    che avresti dovuto lottare per sempre
    contro un male che non si può sconfiggere.
    Io lo odio, perchè ti ha resa debole,
    fragile e malinconica , ma non ti ha tolto
    la cosa più preziosa: la gioia di vivere
    e di dire al mondo "io ci sono".
    Non ti ho mai sentita lamentare
    nemmeno tra i dolori più feroci
    che quel mostro senza sentimenti
    ti fa avere senza un attimo di tregua.
    "La vita è bella e val la pena di essere vissuta"...
    Me lo dici sempre ed io mi chiedo
    come puoi esser grata a questa vita
    che ti ha dato solo sofferenza?