username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Elèna Italiano

in archivio dal 03 feb 2013

Caserta

10 aprile 2013 alle ore 13:59

Nemesi

Ti ho confinato in un sogno,
rendendoti
più reale dell’acqua
che scivola sul mio corpo.

Più reale
finanche
della fiamma calda che accalora il mio viso,
illuminandolo.

Più reale della terra
appiccicata
alla mie mani quando pianto
un fiore, 
               narciso
                              baciato dal sole.

Più reale dell’aria fresca sul collo
che volteggia tra i miei capelli
                                                       alzati
mentre, correndo, fingo di non pensarti.

Sarebbe stato meglio viverti.

Saresti stato ospite
del mio tempo
per qualche tempo.
Poi…
           indisturbato…
                                      te ne saresti andato.

Della tua assenza, credimi, non avrei pianto.
Ambra liquida imprigionata in un cristallo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento