username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Enrica Miglioli

in archivio dal 04 feb 2011

26 dicembre 1946, Pontevico (BS) - Italia

segni particolari:
a) Quando i raggi del sole
Stalattiti sono,
quando la luna si nasconde
dietro nuvole
senza sorrisi,
ed il manto notturno esala
odore di pece;
Il cuore diviene un’ enigma inesauribile!
E’ da qui che nasce la poesia.

b) CHE SIA LUNGAMENTE LUNGA LA NOTTE, COME L'AMORE CHE PORTO IN SENO!


 

mi descrivo così:
C) Dalle miei mani bianche cadono come sassi
le mie parole, pesanti
come i miei silenzi...

D) Poiché tutto ciò che scaturisce dall’anima ha un peso umano
non misure né costi, né appartenenze politiche né sociali, ma
è un dono, un ectoplasma nell’osmosi che percorre ogni passo dalle origini!
 

26 gennaio 2012 alle ore 22:36

Il Tempo Delle More

Strisciando come lucertola
cercai invano
una spada di sole
nascosta in uno scialle di nuvola
stordita da un lampo
furtivo. 
Un pugnale
sguainato
trapassò le mie viscere
li ci restò.

Il tuo sorriso dipinto d’azzurro
da ricordare per il resto della vita,
le gote purpuree sfiora …ancora.
Contemplo
il tempo delle more,
ed un sudario dagli occhi
all’ombra di un pioppo,
rimembra su ogni ramo
i giorni da ricordare.

Proiettata nello spazio
sotto un ponte d’arcobaleno
un ombra vagabonda
lascia nel mio grembo
una rosa bucata,
testimone in un libro
più volte riletto che,
ancora scrivo!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento