username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Enrica Miglioli

in archivio dal 04 feb 2011

26 dicembre 1946, Pontevico (BS) - Italia

segni particolari:
a) Quando i raggi del sole
Stalattiti sono,
quando la luna si nasconde
dietro nuvole
senza sorrisi,
ed il manto notturno esala
odore di pece;
Il cuore diviene un’ enigma inesauribile!
E’ da qui che nasce la poesia.

b) CHE SIA LUNGAMENTE LUNGA LA NOTTE, COME L'AMORE CHE PORTO IN SENO!


 

mi descrivo così:
C) Dalle miei mani bianche cadono come sassi
le mie parole, pesanti
come i miei silenzi...

D) Poiché tutto ciò che scaturisce dall’anima ha un peso umano
non misure né costi, né appartenenze politiche né sociali, ma
è un dono, un ectoplasma nell’osmosi che percorre ogni passo dalle origini!
 

25 marzo 2015 alle ore 13:35

UN AREM D’INDIFFERENZA

 Impallidisco tremando
quando la fiamma dell’impotenza
in me divampa,
come scudisciate sulla viva carne
avvilita e tesa,
nella dilagante corruzione
sociale e politica, della mia epoca!
Lacrime di spilli
incidono nella carne viva
sferzando nelle ferite
il malvagio veleno,
nell’ indifferenza melensa!
Nazioni denudate,
innocenza violentata,
dallo schifo della pedofilia!
 
Son mani tremende, cervelli di rovo
dentro guerre intestine
di un sistema devastante!
 
Tra pianure infinite rigogliose
il dio nero domina senz’ anima e,
l’emiro nel sole di fuoco
ha olezzo di sangue, di morte oh!
Con la faccia celeste,
un mostruoso-uomo…
vestito da prete!
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento