username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Federica Garofalo

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Federica Garofalo

  • 01 luglio 2015 alle ore 22:01
    Danza per la Vergine del Melograno

    Alla Madre del Melograno
    ora scalza sono arrivata,
    questo tamburo le ho portato,
    solo per lei voglio danzare.

    Il Salvatore fu appeso in croce,
    il suo sangue sgorgò come foce,
    e non pensò ad alcun linimento
    per il suo dolore o a un unguento.

    Rafforza i nostri archi!
    Theotòkos! Theotòkos!

    Solo ora sono arrivata,
    il ponte era rotto, povera me!
    Ma ora che ho traversato il fiume,
    quanto altro vi dovrò dire!

    Chi vuol vedere la sposa
    che danza sulla spiaggia?
    Verrà lo sposo e le dirà:
    mia rossa melagrana, sono qui.

    Rafforza i nostri archi!
    Theotòkos! Theotòkos!

    Io ho un bel giardino,
    è la dote per l’amore mio,
    quando presto lo sposerò
    stesso qui io lo amerò.

    Tua madre mi ha chiamato schiava!
    Schiava non sono nata, no!
    Ma se mi getterò nel mare,
    tutta bianca ne uscirò.

    Rafforza i nostri archi!
    Theotòkos! Theotòkos!
     

  • 07 maggio 2015 alle ore 15:22
    Inno alla Vergine del Melograno

    Tén Aghìan Pàrtenon aéido
    tu Granàtu kekaritoméne,
    athanàten basìleian
    ypéirokon éidos ékusan,
    Theù Pantokratòros
    metéra thygatéra te,
    kydrén, en pàntes màkares
    katà makròn Uranù,
    axòmenoi tìusin
    omòn Kyrio Basiléi Basiléon.

    La Beata Vergine del Melograno
    io canto, ricolma di Grazia,
    regina immortale
    dalla bellezza suprema;
    di Dio Onnipotente
    madre e figlia,
    gloriosa, che tutti i beati
    nell'alto dei Cieli,
    venerano e onorano
    al pari del Signore, Re dei Re.

  • 23 febbraio 2015 alle ore 20:12
    Seconda canzone di Marotta a Fra' Guittone.

    Chi me pô levà ‘e ddeta.
    da ‘e ccorde ‘e sto liuto?
    A vuje l’aggio sentuto:
    cavaliero me site.
     
    Maggio mo’ pozzo cantà
    cu’ ‘a lengua ‘e l’aucielle,
    e int’a li ffronnelle
    n’armunia sunarrà:
     
    “Scetate, uorto mio,
    e vuje, rose e viole!
    Neh, no cchù bbello sole
    Ogge v’ha dato Ddio!”
     
    ‘E sfere soje manna
    Lu Sire mio pe’ mme!
    Sti pparole a mme! Pecché?
    Che smania ca me danno!
     
    ‘A luce vosta pare
    vicina ‘no poco ‘e cchiù,
    e ‘o core: “Che faje tu?
    Nun puo’ passà sto mare.
     
    Isso s’è scurdato ggià.
    So’ tutta ‘a ggioja soja
    l’uocchje sante ‘e Maria:
    sul’essa no scurdarrà.”
     
    Ma, ajemmé, c’aggio ‘a fa’?
    Chiantulella songh’io
    ca nun cerca golio,
    ma na sfera pe campà.
     
    Cchiù ccaro m’è sto viso
    ca nun ‘o pozzo addurà,
    pecché nun se po’ streppà
    ‘no sciore ‘e Paraviso.
     
    No, stateve ccà sulo!
    N’ato ppoco sciurite
    e barzamo spannite
    primma ‘e turnà ‘n Cielo!

  • Manco bonnì dicette a Sser Limone
    ca fuje ll’ammore d’ ’e pazzielle meje:
    nennella pure ê notte 'o sonnaje,
    mo nun me fa manco cumpassione.
    Pecché i’ auti frutte aggio magnato,
    doce n'ora, e mmo amare assaje,
    tanto ca ’e tutte ’e ccose me scurdaje
    e ddint’ê vvene ’o sango è ntussecato.

    Negra mene! Jastemmarria ’o juorno
    ca ’e vierze vuoste sentette cantà,
    e ’o core mio chesto nun ’o ppo ffa’,
    lle pare ’e jastemmà ’o Pataterno.
    Pe vvuje primm’ ’e subbeto sciurette,
    e ppure sape ca nun ve po gguardà:
    ’a sdamma cchiù bbella, Donna Puvertà,
    dint’a ’o lietto ’e sposa ve stregnette.

    Nun penzate malamente, pe ppietà!
    Cheste nun so’ pparole ’e ggelusia:
    chella ca chiammate Segnora mia,
    sola dint’a ’o munno ve po mmeretà.
    Si nun tenìveve nisciuna ’a servì,
    pure si fuste annanz’â mana mia,
    v’ ’o ggiuro, Ser Guittò, accussì ssia,
    primma ’e ve tuccà priarría ’e murì.

    Tanto cchiù àuto vuje site ’e me
    ca ll’agguila, ca vede ’o sole nfaccia;
    e i’ songo ’a maruzza ca d’ê vvrecce
    ve guarda, e ’o sole lle pare ’e vedé.
    E ’sto core me dice: “Statte accorta!
    Tiene mente a cchella ca, i’ ’o ssaccio,
    pe fforza vulette vedé ’a faccia
    ’e Ggiove, e dda ’a luce cadette morta!”

    Ah, si ’sta terra ve chiammasse Santo!
    Ve putarría prià a ttutte ll’ore,
    e ssi ve desse int’ê mmane ’stu core,
    ’e ve nchiaccà nun tenarría schianto.
    Ma ’a Segnora vosta accussì non vo’:
    essa vo’ c’aggi’ ’a murì ’e dulore
    pecché cu’ ’o sacrifizzio mio d’ammore
    ve vulesse fa’ cchiù bbello ancora ’e mo.

    E ttanno, ammènne, dico pur’io:
    ll’ammore mio dint’ô core nzerro,
    e cchesta croce, ca a mme m’atterra,
    a vvuje ha dda purtà nzino a Ddio.
    Nun ve cerco niente, manco ’e ve parlà,
    pure si co ’st’arma aggi’ ’a fa’ ’a guerra:
    sempe ve po ccadé nu grano nterra,
    autro nun addimanno ca d’ ’o piglià.

    ’O nomme nun ll’aggiate maje ’a sapé
    ’e chesta Amalfitana puverella
    ca mo ve canta ’sti quatto verzulle
    e nzieme ê llacreme nun s’ ’e ppo ttené.
    I’ a Ddonna Puvertà ’e metto nzino:
    essa ha dda ricamà na vesta bbella
    ca cchiù llucente v’ha dda fa’ d’ ’a stella
    ca purtaje ’e Magge a Ggiesù Bbammino.

  • 26 luglio 2011 alle ore 22:39
    Ninna nanna del primogenito

    Dormi tu, testolina addormentata.
    Il tuo respiro è il profumo di un melo
    In una terra da Dio adombrata.
    Sarà tua la fresca pioggia dal cielo
    E l’uva di porpora colorata,
    il grano che tutto d’oro ha lo stelo.

    Dormi tu, testolina addormentata.
    Bello come un principe crescerai,
    s’inchinerà a te la terra abitata.
    Qualunque strada tu percorrerai
    Dai tuoi fratelli sarà seguita,
    da tutti loro obbedito sarai.

    Dormi tu, testolina addormentata.
    Chi ti maledice sia maledetto,
    tanta fortuna a chi te l’ha augurata.
    Se le stelle del ciel ti fan da tetto,
    se il sole scalderà la tua giornata,
    dall’Eterno sarai sempre protetto.

  • 26 luglio 2011 alle ore 22:38
    La Canzone del Mare (Chanson de Toile)

    Filiamo noi cantando
    La lana nella cesta.
    O mare, mare, mare!
    Sediamo agitando
    Il fuso sulla testa.
    O mare, mare, mare!

    Cantiamo, su, cantiamo,
    i passati giorni colmi di luce.

    Dal sorgere del sole
    Al cader delle stelle,
    Cantiamo ciò che duole,
    Le perdute ore belle.
    O mare, mare, mare!

    Cantiamo, su, cantiamo,
    i passati giorni colmi di luce.

    Danza, danza la spola
    Al suono della voce.
    Pare proprio una croce,
    appesa a un filo e sola.

    In Oltremare andò colui che amo.
    Io chiamo chi partì senza tornare.
    Cantiamo, su, cantiamo,
    o mare, mare, mare!

  • Dirò addio alla palla d'edera,
    il cerchio di rami getterò nel fuoco.
    Il mattino è passato,
    tempo di giochi non è più.
    Inoltrata è la primavera,
    le gemme già volgono in fiori.
    Non darò ascolto agli anziani;
    tempo di vino è gioventù.
    Saggezza non è la mia corona,
    ornamento non mi è senno.

    Tu, ninfa infelice, lévati,
    prepara la mensa all’ospite.
    Ecco, è già alla tua porta.
    Con quale nome viene da te?
    Ti dice il figlio di Cipride
    “Luce di Sole è il mio nome”,
    e sarà più nero per te della notte?
    L’arciere fanciullo così ti parla:
    “Mia madre mi chiama Miele”,
    e di sangue saprà nella tua bocca?

    Egli un tempo trafisse per te
    Il cuore di Febo che tutto trafigge.
    Te colpì la vendetta del dio:
    mai la tua voce legata
    potrà più parlare d’amore.
    Ma il tuo cuore veglia e attende
    L’ospite divino e i suoi doni.
    Celato nel mantello bussa.
    Sol quando il dardo ti colpirà,
    misera, ti mostrerà il volto.