username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Federica Garofalo

in archivio dal 26 lug 2011

20 aprile 1986, Salerno - Italia

mi descrivo così:
Sono una specializzanda in Archivistica con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie.
Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", di prossima pubblicazione.

23 febbraio 2015 alle ore 20:12

Seconda canzone di Marotta a Fra' Guittone.

Chi me pô levà ‘e ddeta.
da ‘e ccorde ‘e sto liuto?
A vuje l’aggio sentuto:
cavaliero me site.
 
Maggio mo’ pozzo cantà
cu’ ‘a lengua ‘e l’aucielle,
e int’a li ffronnelle
n’armunia sunarrà:
 
“Scetate, uorto mio,
e vuje, rose e viole!
Neh, no cchù bbello sole
Ogge v’ha dato Ddio!”
 
‘E sfere soje manna
Lu Sire mio pe’ mme!
Sti pparole a mme! Pecché?
Che smania ca me danno!
 
‘A luce vosta pare
vicina ‘no poco ‘e cchiù,
e ‘o core: “Che faje tu?
Nun puo’ passà sto mare.
 
Isso s’è scurdato ggià.
So’ tutta ‘a ggioja soja
l’uocchje sante ‘e Maria:
sul’essa no scurdarrà.”
 
Ma, ajemmé, c’aggio ‘a fa’?
Chiantulella songh’io
ca nun cerca golio,
ma na sfera pe campà.
 
Cchiù ccaro m’è sto viso
ca nun ‘o pozzo addurà,
pecché nun se po’ streppà
‘no sciore ‘e Paraviso.
 
No, stateve ccà sulo!
N’ato ppoco sciurite
e barzamo spannite
primma ‘e turnà ‘n Cielo!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento