username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesco Tenucci

in archivio dal 01 mag 2018

27 luglio 1969, Siena - Italia

segni particolari:
Nato a Siena, ove mi son laureato in Scienze Politiche, vivo nella salveggia Maremma, terra di misteri e di leggende a non finire. Amo viaggiare sia per il mondo che nell'animo dei simili e, sopra tutto, nel mio. Dalla fusione di simili impressioni scaturisce il vissuto e da esso ogni mio scritto.

mi descrivo così:
Romanzi editi: “Il Paese delle Nuvole” (Lucio Pugliese Editore).
"Tutti mi dicon Maremma" (Leucotea Edizioni).
"Anselmo dei Boschi" Pilgrimi Edizioni ed ora in uscita con Lettere Animate.
"I Tre Regni" GDS Edizioni.
 

01 maggio 2018 alle ore 10:09

Tramonto infocato

Il sole pareva aver appiccato il fuoco al cielo e questo incendio divampava per ogni dove, colmando delle sue vampe ogni celeste riparo, sì che l’etra tutta abbagliava come fosse pieno giorno, e là, dove ne sobbolliva il principio, i bianchi cirri arroventati cedevano disciogliendosi per lasciar intravedere un’orrida bocca deforme, un pozzo infernale di calore ardente, ed essi stessi, macchiato il loro candido nitore, apparivano ora cuprei ora fucsia, quali veleggianti vivissime braci.
L’orizzonte non esisteva più, alzandosi dalla terra al cielo un’unica inseparabile striscia purpurea e luminescente, come se tutto il mondo stesse ardendo senza più scampo. Il sole continuava a trafiggere le nubi raggiando i suoi dardi infocati.
Su un poggio si stagliavano solitari e lugubri dei neri girasoli secchi, riarsi come stoppie, indifesi e impotenti.
Macabri e tristi facevano risaltare, al confronto, l’esercito di nuvole: battaglioni su battaglioni, una flotta innumere che copriva la volta da Est ad Ovest, portando ognuna, nel suo nucleo, un tizzone ardente. Ondate inarrestabili avevano colmato ogni visuale, disposte, appariva, in una serrata manovra attuata per compiere una missione mortale.
Cosa sarebbe stato degli uomini se quel fuoco fosse disceso dall’alto? Pareva segnata la fine, mentre nessun volatile canterino, nemmeno il più piccolo dei coraggiosi passeri soliti a ricamare il tramonto di rincuoranti trilli, osava sfidare col canto o col volo quella superna ira.
Tutto sembrava giunto al termine, ma possibile che la morte, tanto terribile, fosse pur così maestosa e bella?
“Eh, no!”, rispose per tutti la prima stella della sera che con un impercettibile ma pungente baluginio era riuscita ad aprirsi un minuscolo varco di tra la rubizza schiera.
“Magari lo fosse”, seguitò. “Questa è solo la grandezza della Natura, dispiegata per riportare gli immemori alle loro giuste dimensioni. Stavolta seguirà la notte placida, ma domani…. Nemmeno io so se ci sarà, il domani.”

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento