username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianfranco Pacco

in archivio dal 22 set 2009

04 ottobre 1963, Trieste - Italia

segni particolari:
Peter Pan dai canestri alla montagna, passando per il palco e la scrittura.

mi descrivo così:
Geometra... a canestro su un palco... sempre a zogar come i fioi su una nuvola... scriver de tuto come in una favola...

23 ottobre 2009

Fiol de un can

Te lo ciami e lù el riva
Te ghe zighi…
El xe più cocolo de prima


El te scolta ma anca no
El te leca e co le “zampe”
El te salta su le gambe


Te lo mandi a quel paese
Ma lù el torna a casa tua
Le sue rece no se piega
E le pica za per tera


El ga fame
El te disi
Mi no voio far la guera


Teg he fa tante angherie
Te lo buti anca per aria
Lù scodinzola e te vol ben
De matina fin a sera
Sempre ala sua maniera


Anca con un rosigon
Anca con una scrolada
El te mola tuti i pei
Ma no sula cavelada


El vol anca ‘ssai zogar
Eser tanto cocolado
No ‘ste farlo mai rabiar
Che in cusina sul magnar
Lù sa anca far la guardia


‘ste sicuri che el se fionda
su chi vien tocar el frigo
su la spesa pena fata
e un mastin el te diventa
co una bona pastasuta


quando sona el campanel
el comincia abaiar
quando el tormi te lo senti
che el se meti ‘ssai russar


e se el sa che semo casa
lù el ronfa più tranquillo
ma se el se ritrova solo
el ‘sta al’erta
drio la porta


no metemo el cartel
co la scrita
“atenti al can”
la sorpresa xe più bela
de conosser i sui dentini
mi li go anca provadi
no i xe gnente picinini


el xe un dela famiglia
a comandar el prova anca
qualche volta el ghe riva
specie quando el ne stanca


certe volte le combina
e alora po’ me rabio
lo minacio co la man
e ghe zigo fiol de un can

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento