username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianfranco Pacco

in archivio dal 22 set 2009

04 ottobre 1963, Trieste - Italia

segni particolari:
Peter Pan dai canestri alla montagna, passando per il palco e la scrittura.

mi descrivo così:
Geometra... a canestro su un palco... sempre a zogar come i fioi su una nuvola... scriver de tuto come in una favola...

13 dicembre 2011 alle ore 14:03

Infinito

Quando tutti fanno festa
e magari sotto un ponte
o vicino alla stazione
mi saluta un vagabondo
dal suo letto di cartone
sento un groppo alla gola
so che tu non sei più sola
quante volte sofferenze
che ti hanno accompagnata
ora han lasciato il posto
a un’atmosfera ovattata
quante volte mi hai sorriso
se io non ti ascoltavo
e poi quando stavi male
io non sempre ti ho capita
con il cuore tanti auguri
e per come mi hai cresciuto
grazie mamma all’infinito

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento