username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Gianfranco Pacco

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Gianfranco Pacco

  • 11 ottobre 2012 alle ore 12:04
    Tic tac....

    Il ticchettìo dell’orologio
    segnava inesorabilmente
    il passre del tempo
    la polvere nella clessidra
    si trasferiva velocemente
    le stagioni, gli anni passavano
    Tutta la natura risorgeva quotidianamente
    al sorgere del sole
    i tuoi capelli biondi
    brillavano
    mentre rincorrevi il sogno
    la chimera
    forse domani la realtà....

  • 26 luglio 2012 alle ore 14:29
    Sfogliando...

    Le lunghe serate
    il caldo tepore
    davanti a un camino
    seduto in poltrona
    un sorso di vino
    fuori dal mondo
    con lui tra le mani
    così fino in fondo
    comincio da solo
    inizio a scandire
    leggo ad alta voce
    il mio amico fedele.

  • 24 luglio 2012 alle ore 17:03
    Fratelli nel mondo

    fratelli nel mondo
    sperduti quà e là
    di ogni colore
    di ogni età

    le razze più strane
    caratteri e volti
    sapersi accettare
    difetti e manie
    che l'intolleranza
    può fare follie

    c'è solo una cosa
    c'è solo un rimedio
    non solo parole
    tendendo la mano
    domandi l'amore

    comprendi e pensa
    che un giorno anche tu
    potresti trovarti
    fuori dal giro
    emarginato
    invisibile ai più

    e allora apprezza
    quello che vedi
    quello che vivi
    a volte sappiamo
    basta un sorriso

  • 18 luglio 2012 alle ore 15:34
    No!!

    La luce nel buio
    rischiara una voce
    nel bosco più fitto
    correva veloce
    le foglie cadute
    i rami spezzati
    un fulmine cade
    e sbarra il sentiero
    scavalca l'ostacolo
    stringendo le mani
    la forza che hai
    non molli la presa
    insisti e vedrai
    l'attacco è difesa

  • 04 luglio 2012 alle ore 14:06
    Un quadro che cambia

    La sabbia col vento
    nasconde conchiglie
    disegna forme...
    Come artista anonimo.
    E l’onda lontana
    arriva in silenzio
    la tela d’autore
    rovina per gioco.
    Il sole asciugando
    ricrea disegni,
    la luce rischiara:
    è l’alba sui solchi
    di sabbia bagnata
    trasporta di nuovo
    Il quadro d’autore...
    Ogni giorno che cambia.
    Ogni giorno un’idea.
    Con la fantasia
    la semplice spiaggia
    diventa poesia.

  • 15 giugno 2012 alle ore 13:23
    Din-Don

    El campanel
    son rivado sonar
    el problema xe sta
    dopo scampar

    Quando la vecia
    "chi xe?" ga urlado
    go ciapa' paura
    e via son filado

    Zo' pe'l clanz
    rente del muro
    vardavo el ziel
    corendo sicuro

    Fis'ciavo contento
    una bela canzon
    e cussì sbrissavo
    drìo el canton

    "Mulo come xe?"
    tuti ga zigado
    "come volè che sia
    me son tombolado"

    Sicuro che
    stavo meo prima
    ma co' sta cascada
    vien meo la rima

    Desso xe ovio
    sono i campanei
    però dopo scampar
    ghe lasso ai putei

    Anche se l'istinto
    me disi ogni tanto
    sona scampa
    xe bel far din don
    e se i te beca
    viva l'A e pò bon

  • 28 maggio 2012 alle ore 12:26
    rodolando

    Se te disi mi son stanco
    chi che scolta 'sta a vardar
    che magari per risposta
    el scuminzia a remenar

    Te sta in branda ciapar sol?
    Se sta comodi, no ‘ssai?
    Un cafè te vol slucar
    alza el popi e va comprar.

    Far la spesa no go voia
    preferisso zo' in zità
    no xe nuvoli, xe bel
    la no ruco el carel.

    L’auto sporca
    dentro e fora
    una bela passadina
    i tapedi una lavada
    cussì dopo
    che stancada

    Ma co vedo lucicar
    i oceti dei mii fioi
    “dei zoghemo femo lota”
    de matina fin de sera
    la stanchezza passa tuta
    e me rodolo per tera!

  • 02 maggio 2012 alle ore 9:55
    Indovina...

    Ve vedemo e controlemo
    Anche quando che ronfè
    Come tanti angioletti
    Voi gnanca no ve acorzè

    Ma noi semo sempre insieme
    Ne lassè pe’i cantoni
    Spesso gnanca bazilè
    Ne lancè come baloni

    Meritemo un’ociada
    Solo quando sconte semo
    Solo una vien trovada
    E quel’altra no savemo

    E sentimo proprio tuto
    Che succedi dentro casa
    Remitur o xe baruffe
    Ma noi no semo mai stufe

    Spostamenti, viagi e ferie
    In valigia ne conzè
    Qualche volta per intrigo
    Però sempre ne portè

    Credo che gavè capido
    Noi zemele chi che semo
    Pele lana o coi orseti
    Noi papuze se ciamemo

  • 19 marzo 2012 alle ore 16:35
    Liberi

    Gocce di memoria
    riemerse,
    rievocate,
    da rumori
    ormai seppelliti .

    Fantasmi che scompigliano l’anima,
    a volte la fanno rifiorire
    la mente
    non fa sconti
    la mente li sostiene
    ma li può far morire .

    Un groppo in gola
    lasciato riposare
    un nodo al cuore
    per non voler dimenticare.

    Come un fiume in piena
    la mente imprigionata
    libera le sue fantasie
    dentro al suo recinto:
    chi riesce a scavalcare quel recinto
    libera la propria anima.

    (tratto da "volo verso la libertà" © 2012)

  • 29 febbraio 2012 alle ore 17:22
    Sportivamente

    Omini e colori
    Che cori in braghete
    Babe lucicanti
    Ghe salta le tete

    Meo zogar tenis
    Co la racheta
    La bala che cori
    Sicuro no speta

    E dopo in spiaggia
    El mega torneo
    Se forsi zoghemo
    Anderà meo

    La re de xe alta
    Che vada in malora
    E la caviglia
    Me fazo fora

    No semo campioni
    Stemo più atenti
    Chef ra i canestri perdemo do denti

    Mia moglie la disi
    Che son incosciente
    I tui avversari
    Xe mularia
    Che ga ‘ssai rispeto
    Ma se i poderia
    Sa che gomitate
    Che i te ficheria

    I fioi più pici
    Che stava vardando
    Siccome i veceti
    Stava perdendo
    I se ga alzado
    Incontro vignindo
    E tuti zigando
    I ne ga dito
    Andè zogar carte
    Che almeno per quel
    Se zoga ogni parte
    E i più veci
    I pol bndar vanti
    Anche un doman co i ani xe tanti

    In sela ala bici
    El vizzin de casa
    Tapado a fogo
    Perl ui xe un zogo
    Ma quei che lo vedi
    Co’l parti ingalado
    Ghe salta l’ocio
    Che’l xe ‘ssai colorado

    E po’ no se sa
    Quanta strada che’l fa
    Magari pian pian
    E de scondon
    El torna indio
    Dopo el primo cantron

    Co’ i ocialini
    Sul brazo inganzadi
    In piena estate
    Li vedemo smoiadi

    I costumi più strani
    Vedemo sfilar
    Che co i se buta
    I ghe sta per cascar

    Vien fredo e neve
    Ma i psortivi no mola
    Cussì in montagna
    I fa sbrissar la siola
    Vche se xe quele del sci
    Va anca ben
    Ma se xe dele scarpe
    No so chi li tien
    De una culatada
    A peso morto
    Che bota che mal
    No me son gnanca corto

    Scolteme però
    Xe tuti più tranqyuili
    Zogar a fremete
    Opur coi birili

    Perché anca col sci
    Se te va far fondo
    Dopo qualche chilometro
    Te diventi biondo
    Te se anemia la vista
    E sen o te me credi
    Anche la madona
    A volte te vedi

    Perché son mi el primo
    Lingua fin per tera
    Risolvo el problema
    con bela maniera

    son ndà in zità
    gò comprà unab grandina
    estate in spiaggia
    d’inverno in cusina

    fazo ginastica
    adominali
    e la tartaruga
    me xe vignuda
    solo pecà
    che la xe girada

  • 29 novembre 2011 alle ore 13:25
    Quà la mano amico mio...

    Il pensiero sorridente, fugge via con i colori
    dal mio tronco si trasmette, tra cespugli con gli odori

    Parlo molto in mezzo ai boschi, meglio ancora nei giardini
    anche in mezzo a una foresta, tutti assieme facciam festa

    E gli amici animali, loro son davvero tanti
    con un cenno dei miei, rami accarezzo tutti quanti

    Resto li a guardare il cielo, le radici a mio sostegno
    la corteccia il mio scudo, un fantastico disegno

    Su più in alto che si può, con la punta fino al sole
    i riflessi e un luccichio, non ci sono le parole

    Se c’è vento io mi sveglio, sempre di mattina presto
    una bella pettinata, e via avanti tutto il resto

    Che sian foglie oppure aghi, son pennelli colorati
    e tra fronde qualche raggio,luce su due innamorati

    E l’inverno mi fa bianco, una sposa molto dolce
    tutto candido e ovattato, un paesaggio incantato

    Quando arriva primavera,metto abiti frizzanti
    spicco il volo con le rondini,i rumori sono tanti

    Tutti al mare un po’ di fresco, è l’estate ci riscalda
    accogliamo chi lo vuole, solo per la nostra ombra

    E in autunno un po’ svestito, sento freddo anche al cuore
    e magari l’atmosfera, ci regala un nuovo amore

    Poi finisce tutto quanto, assordante  è il rumore
    quando arriva il boscaiolo, mi vien voglia di scappare

    Principesse e giganti, nelle fiabe mi ritrovo
    orchi e grossi malefici, proprio lì mi sento vivo

    Storie draghi e megere, i ranocchi sul pisello
    e c’è anche una canzone, forse ho fatto confusione…

    Filastrocca del Natale, quando tutti son vicini
    e mi addobbano per bene, famigliole con bambini

    E se io produco frutta, vengo meglio custodito
    sono fonte di guadagno, ben servito e riverito

    Imparate il mio linguaggio, tanti ci hanno provato
    molti poi si son stufati, che sia troppo complicato?

    In un bosco ad occhi chiusi, sarà l’albero a guidarti
    tra cespugli e sentieri, saprà anche ascoltarti

    Salutiamo gli alberelli, sono piccoli e indifesi
    proteggiamo i più piccini, come fossero bambini

    E se i rami per magia, io potessi adoperare
    forse qualche desiderio, riuscirei ad esaudire

    Che la fame se ne vada, non le voglio più le guerre
    con tutte le malattie, proprio da tutte le terre

    sono vecchio e molto alto, vedo il mondo e le stagioni
    grazie alle mie radici, della terra le emozioni

    Ascoltatemi ogni volta, non racconto le bugie
    la mia storia si ripete, così pure le magie

    Finalmente so parlare, ma non sono un burattino
    Guardo fisso il mio amico
    “qua la mano piano, piano” sussurrando io gli dico
    …anzi meglio…“qua il ramo…”

  • 04 novembre 2011 alle ore 13:04
    Chi xe l'ultimo?

    Te pol starghe per lavor
    opur anca divertirte
    xe comunque perder tempo
    e un pocheto anoiarte

    Co ghe xe tante scadenze
    xe el sportel là che te speta
    tuti sbufa e se lamenta
    va remengo la boleta

    Entra in stadio per el derby
    sarà dura la facenda
    ne convien un’altra volta
    de piantarghe una tenda

    E d’estate in autostrada
    va in malora che caldon
    se va tuti a venti a l’ora
    auti, moto e camion

    E de pici pe’l gelato
    Co’ rivava el furgonzin
    quela volta cominciava
    za’ la fila se fazeva

    no go’ voia de spetar
    sburta dei che ghe la femo
    scavalcar tuta ‘sta fila
    te sa cossa?
    noi svolemo!

  • 12 settembre 2011 alle ore 16:56
    La soluzion

    Su do’ binari
    de note e de giorno
    el saluda stazioni
    andata e ritorno

    Se el treno xe in corsa
    in bagno no ‘ndar
    che xe ‘ssai longhi
    el zentro ciapar

    Po’ se el se ferma
    ghe xe el divieto
    nele stazioni de scarigar
    ‘lora tignimo duro
    o farsela ‘dosso
    xe più sicuro

    Vardo el biglieto
    che go prenotà
    el mio posto
    xe ocupà

    Sorry xe mia
    quela poltrona
    ma no la capissi
    quela santa de dona

    “La scusi” ghe digo
    “el biglietto la vardi”…
    “niente ticket” la me rispondi
    “iera tropo tardi”

    Desso come femo?
    i conti no torna
    no ‘sta un viagiator
    e in lontananza
    xe el controlor

    Un’ idea me vien
    risolvo mi
    e quela siora
    la sero in W.C.

  • 28 giugno 2011 alle ore 18:37
    Quei vestiti

    Su per quei scalini
    corevo de picio
    intanto che nona
    ingrumava radicio

    “No due ala volta,
    te se intoperà”
    la me zigava
    ma iero zà cascà

    E rente la casa
    vizzin del boscheto
    scoreva el patoc
    e l’acqua, che gheto

    Fazevimo a gara
    cussì per zogarse
    de traversarlo
    senza impantanarse

    Ma iera logico
    che ogni tanto
    un finiva dentro
    slavazà tuto quanto

    “Ara che roba
    no go cossa darte
    sporco e bagnado
    no se pol vardarte”

    “Tien provisorio
    metite questi
    fin che se suga
    cussì te se vesti”

    “Ma nona no posso
    meo star bagnà
    xe vestiti de baba
    quei che te me gà da…!!”

  • 27 giugno 2011 alle ore 20:18
    Scarpe

    Le se movi rasotera

    tuto el smog respirando

    e le varda tante gambe

    chi va pian e chi corendo

    Una piada a un balon

    e la corda de saltar

    de ginastica ghe vol

    se te ga de garegiar

    Co’ le pedule pe’i monti

    e co’ i zocoli d’estate

    finalmente sul divano

    co’ un bel per de zavate

    Eco tante scarpe in mostra

    colorade e col taco

    per il fredo ‘ssai serade

    le spighete per la moda

    se le tien tute molade

    Se consuma po’ la siola

    lore senza brontolar

    a un caligher ghe conzemo

    che le prova riparar

    Solo un caso che le scarpe

    se ribela noi ne par

    ma chi xe che sta zigando?

    e ne manda a ….remengo

    Cossa mai sarà sucesso?

    per sentir ste brontolade

    “ti, lassù… trova una straza!”

    che due merde xe pestade

  • 25 giugno 2011 alle ore 16:13
    Rugna la bora

    La sburta e la sbati

    la sufia savemo

    ma no me ricordo

    come ‘sto giro

    che la gabi rucado

    tuto de un tiro

    Co’ iera le rafiche

    che ga fato dani

    se moveva el leto

    e l’atacapani

    però una roba

    nissun la sentiva

    ma come cossa?

    che la rugnava

    La bora “parlante”

    de ‘sto primo marzo

    ga spacado anca

    i nostri pensieri

    corendo e contandone

    quel che no va

    se metemo a posto

    ela no zigherà

    In giro pe’l mondo

    Xe sempre rogne

    succedi de secoli

    Nissun ga inventado

    la fame, la guera

    e l’omo malado

    Chi vol capuir

    el ga za capido

    e chi xe nel dubio

    che’l pensi ‘ssai ben:

    far el mona ‘vanti

    no ghe convien

    che magari un giorno

    che’l magna tranquillo

    el suo zervel

    xe perso ‘ssai spesso

    e la bora che rugna

    ghe fa ‘ndar per tresso

  • 22 giugno 2011 alle ore 21:50
    Occhio al granchio!

    Se non sempre ti rispondo
    certe volte non ci sono
    ed è tutto molto strano
    siamo amici da lontano

    vorrei starti più vicino
    e vorrei poterti dire
    vieni qui cara sorella
    ti regalo una stella

    accettare quel che viene
    non importa se male o bene
    viene ed è la vita
    ed anche averti ritrovata
    è una storia infinita

    lucciconi, note e fantasia
    sfoghi, risate e magia
    è una gran sopresa
    una sorella colorata
    ad ogni contatto
    ad ogni giornata

    le nostre voci
    sono sconosciute
    i nostri occhi si guardano
    solo nelle foto
    ma quando scriviamo
    è molto più di un gioco

    grazie, prego, scusa, non volevo
    tra fratelli non servono
    basta un tocco fatato
    e tutto è sistemato

    passa anche la paura
    passa ogni arrabbiatura
    e se il groppo ti rimane
    resta una soluzione

    prendi al volo un aquilone
    ti fai presto trasportare
    io ti aspetto sulla neve
    sulle cime silenziose

    dove tutto si trasforma
    e la paura non ritorna
    resta solo l’amicizia
    quella vera e più sincera
    che ti tocca in fondo al cuore

    se però tu vuoi il mare
    lo puoi dire all’aquilone
    sarò lì ad aspettarti
    e le onde assieme a me
    tutte pronte per cullarti

    stai attenta ad una cosa
    occhio a dove metti i piedi
    c’è un granchio sul fondale
    e tu forse non lo vedi

  • 22 giugno 2011 alle ore 21:38
    Fiaba

    Zavatando su pe’l monte

    son finido fra le sconte

    e ghe iera un panorama

    no so come che’l se ciama

    Dentro el bosco

    schivo i ragi

    de ‘sto sol

    che ‘ssai me abaglia

    vedo in fondo una caseta

    ma la strada se fa streta

    Lasso orme sula neve

    coi scarponi po’ sprofondo

    manca solo Biancaneve

    che me giri tuto i tondo

    Rivo a bater sula prota

    e se senti confusion

    mi sbadiglio che go sono

    riva verzerme un barbon

    “Prego vien a riscaldarte

    chi te son? no te conosso

    un bel piato de minestra

    go de ofrirte

    altro no posso”

    El veceto che me conta

    tante storie de montagna

    e ‘sto piato ‘ncora caldo

    qua con mi el se lo magna

    “Me son perso

    dove son….?”

    “Ti no sta preocuparte

    sera i oci e in canton

    prova pian a indormenzarte….”

    Dito fato me distiro

    e me rodolo pe’l leto

    fin che casco zo’ per tera

    sveio tuti tropo gheto

    Iero fiol mi quela volta

    casa mia che me sognavo

    una fiaba nela note

    de Nadal mi me vedevo

    Coro e vardo in finestra

    tante luci e qualche fioco

    e la zo’ su una panchina

    el veceto barba bianca

    Lu’ saluda e no i lo vedi

    meto subito le braghe

    no lo varda più nissun

    coro in strada per vederlo

    che lo abraci almeno un

    El xe za’ svolado via

    sule zime de quei monti

    de quel giorno questa fiaba

    ghe go dito proprio a tanti

    perché el vecio co la barba

    se no go sognado mal

    iera lù Babo Nadal….

     

  • 22 giugno 2011 alle ore 21:36
    El foglio per tera

    Su e zo pe’i clanz

    saltando come fioi

    traversando el patoc

    se gavemo deciso

    giusto per darghe un cuk

    Ghe xe un pontisel

    de legno sbusado

    che mi una volta

    in acqua son cascado

    Un tempo lontan

    proprio rente al bosco

    co’ una casa dirocada

    viveva un mato losco

    Ierimo muleria

    ‘ssai voia de aventura

    zaineto sule spale

    e via nela radura

    Pien de animaleti

    che ne zompeta intorno

    quà xe sempre ombra

    no ‘riva sol de giorno

    Come nel fiabe

    ma el principe no xe

    tachemo una cantada

    e i alberi ne varda:

    i rami sta ridendo

    e par che ne domandi

    indove stemo ‘ndando

    Meo no scherzar

    chi comanda, quà ghe xe

    meo no stuzigar

    xe un orco, no un re

    Nel bosco un sortilegio

    ga tuti trasformado

    nissun no ga’ coragio

    mai se ga’ ribelado

    e ‘lora cari amici

    noi semo quà per quel

    ‘nderemo de ‘sto orco

    cavandose el capel

    ris’ciando in mezo ai spini

    rivemo sul canzel

    la casa casca in tochi

    no xe gnanca el campanel

    rumori e cigolii

    sula porta ghe batemo

    trema un fiatin le gambe

    ma in fondo riveremo

    Se verzi pian pianin

    ma la drìo no xe nissun

    in fondo un camineto

    de schena ghe xe un

    Xe proprio lù, el mostro

    un orco ‘ssai cativo

    volemo ‘ndar vardarlo

    magari no a tocarlo

    passetti assai pici

    e se avicinemo

    ma co’ rivemo là

    el vecio el va in fumo

    ma cossa xe un scherzo?

    El fumo po’ svanissi

    in tera un foglio scrito

    e tuto se capissi

    “se legerè sto foglio

    vol dir che son sparido

    bravi gavè vinto

    pericolo svanido”

    pensemo tuti insieme

    ma chi iera ‘sto orco

    lo gavemo afrontado

    el mato via xe ‘ndado

    sto mostro lo ga tuti

    ghe vol corerghe incontro

    e noi de quela volta

    una roba xe sicura

    che gavemo capido

    come vinzer …..la paura

     

  • 16 febbraio 2010
    Quasi giorno...

    La luna
    riflette sul molo
    oggi è un’alba fredda e frizzante
    la notte stellata presto va a riposare
    il cielo non ancora azzurro
    ma ancora blu scuro
    sorgerà il sole
    ma è ancora notte
    ombre arancioni all’orizzonte
    stelle che vanno scomparendo
    contorni lunari sbiaditi
    sta arrivando il nuovo giorno
    siamo lì pronti ad accoglierlo
    a dirgli ciao
    la piazza alle spalle
    il mare increspato davanti agli occhi
    il castello sullo sfondo
    qualche gabbiano vola lì intorno
    bianco battito d’ali
    nel vento che soffia
    ma ancora per poco
    i lampi del faro
    una luce fioca
    sta spuntando
    si lo vedo
    eccolo
    è il sole
    che riflette sul molo

  • 29 dicembre 2009
    Un gireto co' la bora

    In piaza xe borin
    Me son sveià bonora
    Man man che passa el tempo
    Se alzerà forte la bora


    In giro per Trieste
    la me porterà
    Parlar co la gente patoca
    De sta granda zità


    Una bela spazolada
    del carso a miramar
    La riva fin san giusto
    I nuvoli spostar


    E quando in ponterosso
    Le bancarelle colorade
    Con tante venderigole
    Vigniva sbatociade


    El mar coi sui colori
    Le onde contro i scoi
    Do muli che camina
    Finissi slavazai


    Che teneri che i xe
    I se tien streti la man
    Ma sto vento no perdona
    Ribalta anca i tram


    De opicina xe quel
    Che tuti noi cantemo
    Che ga solo el frenador
    Intanto che tuti lavoremo


    Xe tante canzonete
    bone per far festa
    Se canta volentieri
    La bora e marinaresca


    El carso fa figura
    Con alberi e cespugli
    Xe tuto dentro un quadro
    Ottobre foie rosse
    Par proprio piturado


    Girando co la bora
    Te rivi in val rosandra
    Li tuto va pian pian
    E anca le cascate
    Te ciolerà la man


    Te pol anca fermarte
    Trieste no ga furia
    Intorno sta a vardarte
    El spettacolo dela natura


    e dopo el molo audace
    La bora te saluda
    La va de novo in tana
    Sora del municipio


    Ma come no savevi?
    La guardia la fa là
    Insieme a mikeze jakeze
    Su piaza unità

  • 29 dicembre 2009
    Bruto tempo

    Son sula zima de un colle
    che domino Trieste
    sento i grili tuto intorno
    ‘ncora prima che fazi giorno


    Xe tanta erba alberi e fiori
    xe profumi e xe colori
    vedo el mar: el xe calmo
    nuvole nere se sta avicinando


    Pioverà sicuro ma desso xe suto
    i cocai vien a tera co xe bruto
    de una parte la zità, le case, el porto, i cantieri
    de l’altra l’orizonte che me fa sognar
    ogi doman e ieri


    Si perché volessi ‘ndarghe oltre
    magari con un tufo
    rivar lontan
    ma la tera xe tonda
    ghe penserò doman


    Intanto me godo el panorama
    Trieste xe proprio bela
    me sa che un de ‘sti giorni
    farò vignir mia sorela


    Magari la fazo rivar
    in nave dal mar
    ‘ndando pian pian
    anca in machina
    e perché no in areoplan


    Unica roba devo ricordarme
    per no farla star mal
    che no la vegni subito
    Che ‘sta rivando temporal

  • 01 dicembre 2009
    El mito

    No te digo e no te conto
    questa storia xè ‘na fiaba
    dedicada un poco in sconto
    a una cocola de baba


    la ciamemo quasi sempre,
    mama xè una parola
    e dopo, chissà perchè
    de vecia la xè sola


    i fioi cressi
    gò capì
    ma xè inutile farla stramba
    me fa rider che per veder mama
    dovemo ndar a caramba


    anche se la brontolava
    anche se la iera musona
    ti no te ghe parlavi
    ma ghe vol rispeto per sta santa dona


    mama xè una sola
    ma a noi no nè no par
    xè che la svola
    per rivar tuto a distrigar


    basta orgogli
    basta con: “... me la ligo al dito”
    el mondo xè zà gonfio de cativeria
    lasemo viver almeno sto mito


    mi son papà, ma anche fìo
    e son stufo de musi lunghi e scene
    e a mia mama ghe digo: “ti voglio bene”

  • 01 dicembre 2009
    Vento

    Viene da destra dai monti
    oppure dal bosco
    ma ti raggiunge
    in ogni posto


    Si infila nella case
    con le porte aperte
    oppure all’improvviso
    se non tutto è chiuso


    A volte sulle spiagge
    ti alza la sabbia
    scompiglia i capelli
    rinfresca il mare
    ma son brividi belli


    Se riesci a scappare
    Lui dietro ti corre
    Lui spazza le foglie
    e non ha colore
    però fa tanto rumore


    A volte trasforma
    i prati in poesia
    le spighe di grano
    accarezza pian piano


    Un quadro d’autore
    il mare increspato
    a volte in burrasca
    ma sempre agitato


    Anch’io son partito
    tornerò fra un momento
    son stato rapito
    da un soffio di vento

  • 16 novembre 2009
    Ferie

    Partenza intelligente
    De note xe meo viagiar
    Per gaver meno fila
    Ma no te se devi indormenzar


    Se te parti in setimana
    Te pol anca gaver fortuna
    Magari xe bela giornada
    Magari te rivi prima


    Ma se te viagi
    per ‘ndartela zercar
    Va pur via nel uikend
    E dopo no brontolar


    Xe de rider vèderli
    Dopo gaver carigà i bagagli
    I xe za de tuti i colori
    I speta dieci chilometri in fila
    E dopo i xe rossi come pomidori


    Me vignissi de dighe:
    “Perché el giorno drio no partì?
    Cossa cambia?
    Almeno doman xe lunedì”


    Sarà sicuro meno confusion
    Qualche ora de meno te starà in auto
    in corpo meno nervoso te poderà gaver
    E te sarà più in voia de zogar


    Ma lori niente
    Che ferie saria senza coda
    Senza la sauna in machina
    E co l’autostrada svoda?


    E pò cossa te soni?
    No te vedi che xe tuto blocà?
    El traghetto no scampa
    Te son ti l’unico agità


    Me par come compreso nel prezo
    Per le ferie go speso un capital
    E devo farme anche la fila
    Cussì sarò sul giornal


    E forsi saria un’idea
    Che nele offerte
    Un sovraprezo le agenzie metessi
    E anche zona ora e durata dell’ingorgo
    i calcolassi


    Che cussì te poderia decider prima
    Cossa te va meo far
    Se butar soldi in scovaze
    O a pie al pedocin andar