username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Gianfranco Pacco

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Gianfranco Pacco

  • 16 novembre 2009
    Sora dela mia zità

    Se nele fiabe
    te se buti senza pensar
    vien anca el momento
    che te rivi svolar


    Te ciapi la rincorsa
    sula cima de un monte
    e dopo un altalena sule stele
    te se lanci zo’
    e te cominci sbater le ale


    Al primo tentativo
    xe meo che i te tegni x man
    te pol gaver bisogno
    po dopo te ‘nderà da solo
    sarà come un sogno


    Sora de Trieste
    te poderà svolar
    de sera co la xe iluminada
    de San Giusto a Miramar
    come una favola incanatada


    Ciapando quota vizin de monte Grisa
    sora el Carso te poderà viagiar
    dala Napoleonica a Prosecco
    soridendoghe al mar


    Sfiorando el coston
    ingrumando un fior
    te vederà dele stagioni
    ogni color


    Passa l’ autuno
    co le foie rosse
    pò l’estate che tuto xe fiorido
    in primavera co sarà sbociado
    opur d’inverno tuto iazado


    Atera sul mar
    vizin ai scoi de Barcola
    fermite a vardar
    L’orizonte e il tramonto
    sarà tante le emozioni
    le scriverò in un raconto


    Se anca dopo svolerò de novo
    'nderò veder el molo Audace
    E li, vizin de zità vecia
    tuti quei loghi
    che tante volte dimentichemo
    la xe l’atmosfera de noi triestini
    de come che ierimo
    e de come che semo


    Svolar nele fiabe se sa
    xe più facile che nela realtà
    ma se un vol restar muleto
    no ocori ciamarse Peter Pan


    Brazi larghi e oci seradi
    Ve speto doman
    Mi sarò la’
    Vestive de verde
    In mezo a piaza Unità

  • 31 ottobre 2009
    Grazie perché

    Grazie perché
    quando scrivo mi sento un re
    le parole mi servono per viaggiare
    le frasi che costruisco per sognare


    rileggendo l’idea cambia
    riguardando
    vedo meglio dove sto andando


    Grazie perché
    a volte il discorso si perde
    è tutto mischiato
    non capisco il significato


    raccolgo le parole
    le lancio in aria
    e con un po’ di fantasia
    è tutto riordinato
    è una magia


    Grazie perché
    quando inizio a scrivere
    il finale non so quale sia
    la penna parte va veloce
    sono fiumi d’inchiostro
    la storia ha un senso
    fa sorridere
    e qualche lacrima fa versare
    ma l’importante è far volare


    Grazie perché
    tutto ha un significato
    tu decidi qual’è
    le emozioni dello scrivere
    a volte son difficili da spiegare
    ma partono dal cuore
    e non so mai dove possono arrivare


    Grazie perché
    scrivere è come giocare
    tornare un po’ bambini…


    Come i dadi
    le parole mi trovo a mescolare
    e può capitare che qualcuno
    apprezzi ed inizi a sognare
    ma anche chi magari
    non riesce a capire


    Grazie perché sì!
    Grazie a tutti
    grazie a te
    che mi continui a leggere e sopportare
    che vuoi correggere e lasci stare
    anche se un grazie è poco
    grazie a te
    che mi fai continuare il gioco

  • 31 ottobre 2009
    Amicizia

    Forse non lo sai
    Forse non ci credi
    Ma lui è sempre lì
    Anche se non lo vedi


    Aspetta e sa ascoltare
    Attende senza giudicare
    Ma lui è anche di più
    Lui è sempre pronto
    Anche se il cuore è laggiù


    Vicino o lontano che sia
    Amicizia è una poesia
    Sentire, toccare e scrivere
    Parlare, piangere e sorridere


    Le emozioni volano
    Fanno tanta strada
    E con un pizzico di magia
    Ti portano il conforto
    dell’amicizia sua


    Resta sempre viva
    Resta accesa la fiammella
    Un’amicizia vera
    Brilla sempre come una stella


    La vita a volte
    Allontana le persone
    Ma altre volte con fantasia
    Avvicina gli amici
    Unisce i loro cuori
    In un arcobaleno di colori


    Ti Sembra strano
    che sul tuo sentiero
    Incontri un’amicizia
    che ti cambi davvero


    Ti tende la mano
    E ti aiuta
    Ti conforta
    E ti saluta


    Basta anche un solo gesto
    Basta anche una sola parola
    Tutto questo bisogna saperlo fare
    Ma per tutto questo
    l’amicizia che nasce
    Deve saper volare

  • 23 ottobre 2009
    Fiol de un can

    Te lo ciami e lù el riva
    Te ghe zighi…
    El xe più cocolo de prima


    El te scolta ma anca no
    El te leca e co le “zampe”
    El te salta su le gambe


    Te lo mandi a quel paese
    Ma lù el torna a casa tua
    Le sue rece no se piega
    E le pica za per tera


    El ga fame
    El te disi
    Mi no voio far la guera


    Teg he fa tante angherie
    Te lo buti anca per aria
    Lù scodinzola e te vol ben
    De matina fin a sera
    Sempre ala sua maniera


    Anca con un rosigon
    Anca con una scrolada
    El te mola tuti i pei
    Ma no sula cavelada


    El vol anca ‘ssai zogar
    Eser tanto cocolado
    No ‘ste farlo mai rabiar
    Che in cusina sul magnar
    Lù sa anca far la guardia


    ‘ste sicuri che el se fionda
    su chi vien tocar el frigo
    su la spesa pena fata
    e un mastin el te diventa
    co una bona pastasuta


    quando sona el campanel
    el comincia abaiar
    quando el tormi te lo senti
    che el se meti ‘ssai russar


    e se el sa che semo casa
    lù el ronfa più tranquillo
    ma se el se ritrova solo
    el ‘sta al’erta
    drio la porta


    no metemo el cartel
    co la scrita
    “atenti al can”
    la sorpresa xe più bela
    de conosser i sui dentini
    mi li go anca provadi
    no i xe gnente picinini


    el xe un dela famiglia
    a comandar el prova anca
    qualche volta el ghe riva
    specie quando el ne stanca


    certe volte le combina
    e alora po’ me rabio
    lo minacio co la man
    e ghe zigo fiol de un can

  • 10 ottobre 2009
    Vardo el mar

    Quando el xe in burrasca
    quando el ziel xe limpido e lo colora
    quando el me riva in tasca
    de matina bonora

    pasegiando sul molo Audace
    saludo el pescador sentà sul scalin
    me par de eser su una nuvola
    e magari anche me emoziono un fiatin

    xe tranquilità, silenzio e pase
    momenti de fissar coi ciodi
    per quando, un’ora dopo, sarà dolori
    e, tuti in movimento, farà un concerto de rumori

    clacson, ciacole e cellulari
    e la su quel scalin no sarà più el pescador
    coi sui pensieri

    ma el mar resta, a scoltar tuto
    che sia bel o bruto, che sia calma o confusion
    sol che splendi o bora che sufia dele sfese
    lu’ xe la, che protesta con qualche onda per le ofese
    co ghe riva scovaze o altre monade
    el volessi slavazar chi le ga boutade

     el ghe fa compagnia al pitor che lo colora sempre de azuro
    el ghe da ispirazion al scritor che lo meti in rima e in canzon
    el te fa de amico, senza giudicar
    no’l disi niente e ti te pol starlo a vardar

  • 28 settembre 2009
    Gocce

    Gocce di te
    son arrivate fin qua
    non so come sia successo
    ma sono un'infinità
    in lotta con le stelle
    in corsa verso il mare
    lungo una strada
    piena di ostacoli
    ti ho vista camminare
    tendendoti la mano
    qualcosa è cambiato
    il percorso si fa in due
    è tutto più facile
    è tutto rasserenato
    ma la forza di salire
    la forza di arrivare
    quella non si inventa
    quella non la puoi creare
    è uscita prepotente
    stava lì nascosta
    in un angolo del tuo cuore.

  • 23 settembre 2009
    El scovazon

    Ghe xe un posto
    che tuto de noi conossi
    dove che tanta roba te lassi
    e se no entra perché xe pien
    te pogi la vizin
    tanto no fa confusion
    ve presento el scovazon

    Ciche x tera
    carte che svola co la bora
    biceri de carta abandonadi
    o dela finestra butadi

    Borse de plastica
    pirole scadude
    e anca baterie
    e zene vanzade

    Pochi dividi le scovaze
    plastica, vetro
    fadiga xe tropa
    Meo butar tuto insieme
    che no femo una faloppa

    Cassoneti coloradi
    grigi, giali e verdolini
    però esisti sempre
    anca i scovazini

    Le campane ga el buso picio
    cussì dentro tuto no ghe passa
    no se riva butar la suocera
    come nei bidoni
    dove certe volte
    te trovi anca
    poltrone e divani

    Xe per rider ste do righe
    ma Xe anca per pensar
    che con tante scovaze
    se pol anca riciclar

    Servirà pe’i nostri fioi
    che ghe sia un bon futuro
    che se dopri tuto meo
    anche tute le scovaze
    e magari un invenzion
    per far giardini e fiori
    con ogni scovazon