username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianfranco Pacco

in archivio dal 22 set 2009

04 ottobre 1963, Trieste - Italia

segni particolari:
Peter Pan dai canestri alla montagna, passando per il palco e la scrittura.

mi descrivo così:
Geometra... a canestro su un palco... sempre a zogar come i fioi su una nuvola... scriver de tuto come in una favola...

16 novembre 2009

Sora dela mia zità

Se nele fiabe
te se buti senza pensar
vien anca el momento
che te rivi svolar


Te ciapi la rincorsa
sula cima de un monte
e dopo un altalena sule stele
te se lanci zo’
e te cominci sbater le ale


Al primo tentativo
xe meo che i te tegni x man
te pol gaver bisogno
po dopo te ‘nderà da solo
sarà come un sogno


Sora de Trieste
te poderà svolar
de sera co la xe iluminada
de San Giusto a Miramar
come una favola incanatada


Ciapando quota vizin de monte Grisa
sora el Carso te poderà viagiar
dala Napoleonica a Prosecco
soridendoghe al mar


Sfiorando el coston
ingrumando un fior
te vederà dele stagioni
ogni color


Passa l’ autuno
co le foie rosse
pò l’estate che tuto xe fiorido
in primavera co sarà sbociado
opur d’inverno tuto iazado


Atera sul mar
vizin ai scoi de Barcola
fermite a vardar
L’orizonte e il tramonto
sarà tante le emozioni
le scriverò in un raconto


Se anca dopo svolerò de novo
'nderò veder el molo Audace
E li, vizin de zità vecia
tuti quei loghi
che tante volte dimentichemo
la xe l’atmosfera de noi triestini
de come che ierimo
e de come che semo


Svolar nele fiabe se sa
xe più facile che nela realtà
ma se un vol restar muleto
no ocori ciamarse Peter Pan


Brazi larghi e oci seradi
Ve speto doman
Mi sarò la’
Vestive de verde
In mezo a piaza Unità

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento