username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Iris Vignola

in archivio dal 11 mar 2015

La Spezia - Italia

segni particolari:
Autrice di libri fantasy, di fiabe e poesie.

mi descrivo così:
Ho pubblicato il primo volume della mia trilogia "La stirpe di luce" in versione italiana e inglese (Dinasty of light), tre libri poesia e presto la terza edizione del mio libro di fiabe in inglese "Into the fantastic world of fairy tale".

26 marzo 2018 alle ore 16:11

Chi era colui

Chi era colui ch'attendeva la morte,
sotto un cielo dannato di ombre?
Chi era colui ch'era pronto a soffrire,
perire,
qual segno estremo d'amore?
Amore schernito e svilito,
smarrito,
in oceani di macchie sommerso.
Tormento, nell'uomo nel campo di ulivi
sul far di portar la sua croce 
su spalle piagate 
da nerbo scandente lo strazio nel tempo.
Dolore traspare da sguardo immortale,
sul volto bagnato di sale;
corrugata la fronte abbassata 
in preghiere all'eterno suo Padre;
silenzio, al posto di sante parole.
Il Dio umanizzato 
scacciava il plagiante serpente 
dall'ara del male,
cosicché consacrarla all'inverso potere.
Onorando l'intento divino,
l'agnello attendeva la sorte,
qual Figlio del Dio universale,
da bocca di "roccia" sortito
allorché non ancor rinnegato l'aveva.
Il tempo impietoso arrivava 
a sancirne la fine, omicida di vita carnale.
Chi era tal uomo diverso,
che, scontando i peccati del mondo,
trasudava martirio e perdono?
La corona pressata sul capo reietto...
Qual fonte di stille di sangue,
lui stesso
ogni spina conclamava reliquia.
Chi era colui che, aspettando la morte,
invocava suo Padre,
sotto un cielo dannato da ombre?

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento