username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Iris Vignola

in archivio dal 11 mar 2015

La Spezia - Italia

segni particolari:
Autrice di libri fantasy e poesie.

mi descrivo così:
Ho pubblicato il primo volume della mia trilogia "La stirpe di luce" in versione italiana e inglese (Dinasty of light), tre libri poesia e presto la terza edizione del mio libro di fiabe in inglese "Into the fantastic world of fairy tale".

18 aprile alle ore 15:20

E L'ANGELO GUARDO' LA LUNA

E l'Angelo guardò la luna,
contemplandola come Venere sognante,
attonito e assorto, senza distoglier sguardo,
dacché, già, l'avea notata,
la notte, al suo usual incedere fatato, 
mai rimirandola come in cotal momento.
Parea dipinto, 
sì talmente immobile com'era, da parer finto,
tutt'uno, sopra l'esiguo scoglio che l'accoglieva.
Turbato, com'un innamorato, ebbro d'ardore,
ch'andava ad intonar la serenata ch'avea nel cuore.
S'avesse avuto voce, per quel cantico d'amore!
Regina della notte, al palesars'in cielo,
enfasi e stupore, per l'astro incoronato d'alone luminoso,
che riflettea sul mar barlumi luccicanti a pelo d'acqua,
brillanti luccichii d'argento,
sopr'al candido riverbero, delineante strana rotta.
Rotta del desiderio... pensò l'Eccelso.
E l'Angelo guardò la luna,
pensando alla sua veste immacolata,
perpetuo, il suo scrutare solitario,
nel tempo suo, ch'andava a terminare,
gioendo, di splendor ch'avrebbe perso,
non soffermandosi, quell'attimo d'eterno.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento