username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Mario Monferrini

in archivio dal 23 set 2008

25 gennaio 1949, Rieti

mi descrivo così:
Un sognatore pronto ad innamorarsi dei luminosi panorami che il cuore e la natura ci offrono generosi.

06 febbraio 2011 alle ore 17:41

Meriggio di Agosto

L'aria leggera
luccicante di sole
sul prato irsuto s'è adagiata
ancora verdeggiante di rugiada.
Danzano i rami
al suono della brezza
che il mare vicino
alimenta mai stanco.
Rossi carminio
ostentano le buganvillee
riposo per api in cammino
segnali di sentiero
per bianchi sbattiti
di farfalle sperdute
tra oleandri, ibiscus,
margherite e velluti di rose
nei mille riflessi
profumate e sontuose...
vibra anche il pino
sotto il peso inconsapevole
del passero in transito
fondale
al placido, abbandonato riposo della gatta
che, all'ombra del pesco,
attende la sera
per la lezione di caccia
ai suoi piccoli impanzienti.
E mosche e lucertole e libellule
e ranocchie si appropriano
dei loro angoli di giardino
padroni di un territorio
possesso essenziale
per difendere la vita
al calar della sera.
Se ti abbandoni, immobile,
in quest'antro di paradiso,
il ritaglio del cielo sbiadito
nell'incedere del sole
diventa un progetto di luce
nell'attesa così certa a venire
della notte stellata
manto annerito
di bagliori di infinito.
L'andare
di silenzi e dolci sussurri
di stasi e repentini movimenti
mi invade
docile,sottomesso
mi lascio, sereno,
catturare.

 

 

 

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento