username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Nello Vittorio Maruca

in archivio dal 20 apr 2011

03 dicembre 1937, Falerna - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
L'umiltà è la mia forza.

04 maggio 2011 alle ore 22:12

Gemme

D'Epifania, d'incerto sole,in tiepida giornata,
giunge la prima Gemma tant'amata.
Brillano i suoi occhi di bontà ed amore,
di tenerezza mi riempie il cuore.
Suo lamento è dolce nota,
bel carattere denota.

La seconda, ch'è seconda in tempo,
di luce brilla più del firmamento;
lunghi capelli,grand'occhi, luminoso viso
a giugno mi perviene all'improvviso.
Tutto piglia,tira, strilla,
tutt'intorna ad ed ella brilla.

In un febbraio tetro,freddo e gelo
la terza, poi, calata m'è dal cielo;
di gioia sussultar fa l'alma mia
mentre m'appresto a dir l'Ave Maria.
Occhio piccolo, lucente,
sguardo fermo, intelligente.

Nell'odoro di fiori e biancospino maggio
mi giunge all'improvviso il grand'omaggio
di quarta gemma splendida, lucente che tra le Gemme
è Gemma delle Gemme.
Tosto pare assai carino.
un tantino birichino.

A capodanno la quinta mi compare
venuta all'improvviso a illuminare
la nera notte di fulmini percorsa,
di vento e tuoni forti molto scossa.
Di furbizia mente fina
lesto offre lo spuntino  *

Cinque di Gemme splendide ho nel cuore,
ognuna d'inestimabile valore.
La vita che pur tanto m'ha deluso
in fin sì tanti beni m'ha profuso.

* La pipì in bocca all'Ostetrica.

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento