username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Nello Vittorio Maruca

in archivio dal 20 apr 2011

03 dicembre 1937, Falerna - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
L'umiltà è la mia forza.

02 agosto 2011 alle ore 15:16

L'Ingannevole.

Al nefasto giudicio che destommi tema
desolato mi dipartii e senza speme.
Fu il dispero, tutto mi fu nero
spiraglio alcuno non vedea, invero.
Conobbi l’impotente debolezza,
nullo e nessuno davami certezza.
Nel Tempio mi trovai degl’Alemanni
come deporre i tanti,molti affanni.
Andò per tempo,non ricordo quanto,

dalla Croce, la vista, all’Azzurro Manto.
D’automa movenza fu all’ accender cero,
col cuore lo feci palpitante e nero.
Quella fiammella tremula,pencolante
poscia per l’alma mia fu illuminante.
Parea un varco mi si fosse aperto
in mezzo quel che grande era sconcerto.

E,poi, di nuovo cupa desolazione
e immensa ancora fu disperazione.
Col cuore infranto,stanco,sconfortato
in casa mi trovai, da trasportato.
Mentre mi riportavo al luogo mesto  **
fu il pensiero mio determinato e desto
a ripassar in quel ch’è Sacro Luogo
onde scrollarmi del pesante giogo.

Lì, rimasi infreddolito e stanco
con quella spina che pungeami il fianco;
Lo guardo riandò su l’Effige Santa
e poi portossi alla Donna Santa,
e mentre la guardavo la pregavo
e nella prece tutto mi donavo
e mi pareva d’essere ascoltato
e mi pareva d’essere consolato.

E più guardavo quell’Effige Santa:
Abbi fiducia,abbine sì tanta
e più parea che cenno mi facesse
quasi che dir qualcosa mi volesse.
L’Effige ch’è in Croce mi rispose,
sulla testa Maria la Mano santa pose
e quel ch’accadde, poi, non parmi vero:
Schiarito fu,quel ch’era tutto nero.

Ed il sorriso ritornommi in viso,
lievi sentii le spalle, senza peso;
leggero dentro, senz’alcun tormento
un guardo, un grazie volsi al Firmamento.
Schiacciato fu il diagnosticato prima
poichè riposto avea tutta mia stima
al Creator di tutto, al Redentore
che sa donare gioia ad ogni cuore.

Quanto l'Onnipotente è umile e verace
tanto sei , uomo, tronfio e fallace.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento