username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Nello Vittorio Maruca

in archivio dal 20 apr 2011

03 dicembre 1937, Falerna - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
L'umiltà è la mia forza.

06 giugno 2011 alle ore 21:39

Qualità del Cornuto

La bontà, è risaputo, qualità
è del cornuto che quand'anco la sua donna
trova a letto con l'amico a sfregarsi
l'ombelico, li osserva desolato
e per mera umanità, avvilito,
se ne va.
Poi credendo che l'amico dipartito
si sia già, come d'uso d'ogni dì,
torna a casa al mezzodì; da sull'uscio
fragoroso ode il riso degl'amanti
e allora cosa fà? Scoraggiato
se ne va.
Attraversa il ponte grande, scende giù,
verso la valle, si sofferma sulla sponda,
guarda l'acqua gorgogliante: Si lo fò.
Indi pensa la sua donna, indietreggia
di un bel pò: Poverina! non lo fò.
Ed allora cosa fa? Mogio,mogio
se ne va.
La campana dondolante dona l'ora
della sera , il profumo delle viole
sta a nunziare la primavera;
Lui è solo nei suoi pensieri:A quest'ora
ancor lo trovo? Certo no! è ora di cena.
Farfugliando in questo dire verso casa
s'incammina.
Mentre il sole cala a ponente
avanzando lentamente, con il cuore
palpitante guarda in alto, ahimè!
che vede?E' l'amico alla veranda
che ridendo sta cenando. Si domanda:
Mo che fò? Più lontano me ne vo.
Poi, intanto, la campana dalla vetta
al campanile lenta batte mezzanotte;
con in cuor speranze vane fa ritroso
il suo cammino, alla luce della luna
della casa ai gradini stancamente
s'incammina e la chiave nella toppa
ruota lento, pian pianino e con fare
quasi furtivo alla camera da letto
tristemente s'avvicina. La sua donna
con  la guancia è distesa sulla pancia
dell'amante ch'è d'accanto. Indietreggia,
va in cucina, un trinciante stringe
in pugno e s'avventa alla consorte
e dell'uomo fa stessa sorte.Poi s'accascia
lentamente e riposa, finalmente.
Pure questo è risaputo qualità 
è del cornuto.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento