username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Elisabetta Pedata Grassia

in archivio dal 08 mar 2010

05 marzo 1988, Napoli

segni particolari:
Un'acrobata senza rete di sicurezza. 

mi descrivo così:
" (...) Magari fossi una candela in mezzo al buio." M.D.

09 ottobre 2017 alle ore 20:14

Damian sotto il cappello

Il racconto

È sveglio dalle prime ore del mattino quando la luna splende più che nella notte fonda.
Il gracchiare lontano dei corvi preannuncia già i deliri di un giorno che s'appresta a venire. Si toglie passione e polvere dalla giacca, zoppica come poeta bevitore e negli occhi gli sfilano cortei di prostitute senza patria.

Nella valigia di carta, stracci e cartoline per amori dal cuore cannibale .
La sua è una dimora di sedie accanto all'albero che fronteggia di qualche metro il fornaio, mentre i randagi irrorano d'oro bollente gli scarponi di due taglie più grossi. 
Lo sguardo in basso, ma non vigliacco. Fruga in terra come avesse perduto qualcosa di prezioso : un dente o il senno. 
Non si difende, Damian  è nel suo cappello. Damian è la faccia della gente che lo bersaglia, ma non si difende.
Eroe della strada all'alba, il cavaliere che tira giù Dio e i Santi in silenzio. Il mago che trasforma l'imbarazzo di essere al mondo, con la libertà della non appartenenza.
È sveglio, sotto il cappello, in un mondo di dormienti. 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento