username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Recensioni di Federico Giovanni Rega

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Federico Giovanni Rega

  • "Nel mondo liquido-moderno la solidità delle cose, come la solidità dei legami umani, è vista come una minaccia: qualsiasi giuramento di fedeltà, qualsiasi impegno a lungo termine preannuncia un futuro gravido di obblighi che limitano la libertà di movimento e riducono la capacità di cogliere nuove opportunità[...] La prospettiva che ci venga rifilata un'unica cosa per tutta la vita è assolutamente ripugnante e spaventosa.[...]
    Il nostro mondo ricorda sempre più Leonia, la "città invisibile" di Italo Calvino dove "più che dalle cose che ogni giorno vengono fabbricate vendute comprate, l'opulenza si misura dalle cose che ogni giorno vengono buttate via per far posto alle nuove ". La gioia di "liberarsi" di qualcosa, l'atto di scartare e gettare i rifiuti, è la vera passione del nostro mondo.
    La capacità di durare non depone più a favore di qualcosa. Agli oggetti e ai legami si chiede di servire a tempo determinato, e una volta che non servono più ci si aspetta che siano distrutti o comunque eliminati - e devono esserlo.
    [...] le conferme possono essere fuorvianti quanto rassicuranti: diventano trappole da cui guardarsi, dato che rischiano di istillare abitudini e istinti che un attimo dopo si riveleranno inutili e persino dannosi.
    Come notò Ralph W. Emerson, pattinando sul ghiaccio sottile la salvezza sta nella velocità. Chi vuole salvarsi farà bene a spostarsi tanto in fretta da non rischiare di mettere troppo alla prova la resistenza di un qualsiasi punto. Nel volatile mondo della modernità liquida, in cui è difficile che una forma qualsiasi mantenga la propria struttura per un tempo sufficiente ad assicurare fiducia e a rapprendersi in un'affidabilità a lungo termine, camminare è meglio che starsene seduti, correre è meglio che camminare e cavalcare l'onda è meglio che correre. L'onda si cavalca meglio se si procede con leggerezza e brio; è bene non farsi troppi problemi sulle onde in arrivo, e tenersi pronti ad accantonare in qualsiasi momento le preferenze di un tempo".
     
    Il testo che ho voluto riportare è tratto da Capitalismo parassitario, del celebre sociologo polacco, Zygmunt Bauman, professore nelle Università di Ledds e Varsavia, autore di molti libri, tra cui Dentro la globalizzazione; Modernità liquida; Consumo, dunque sono; L'arte della vita... Nei suoi scritti Bauman fornisce una lucida analisi della realtà moderna, ciò che egli definisce "modernità liquida". Approfondisce il carattare sostanzialmente parassitario del capitalismo, e non solo: pagine interessanti riguardano anche il conflittuale rapporto tra genitori e figli, i quali sono separati dagli anni, dalle diverse società e condizioni della società stessa; analizza la cultura moderna, che Bauman definisce la "cultura dell'offerta"; l'istruzione, il sapere. Insomma, parla del nostro mondo, dove i principali protagonisti sono "precarietà" e "flessibilità", ciò che lui definisce "modernità liguida", in cui non c'è più posto per l'ora e per sempre.

    [... continua]

  • Gustave Flaubert nasce nel 1821 a Rouen. Nel 1841 si iscrive alla facoltà di diritto a Parigi, ma non termina gli studi. A questo periodo risalgono i primi contatti con i circoli letterari della capitale. Vive tra Rouen e la vicina Croisset, dove muore nel 1880. Proust definisce l'opera di Flaubert "quel grande piano mobile, dal movimento continuo, monotono, opaco, indefinito, letteralmente senza precedenti".

    "Giovinezza! Età di follia e di sogni, di poesia e di stupidità, sinonimi sulla bocca della gente che giudica il mondo in modo assennato. Da allora, fui considerato un folle.
    [...] Ancora mi vedo, seduto sui banchi della classe, assorto nei miei sogni sul futuro, pensando a ciò che l'immaginazione di un bambino può sognare di più sublime[...]
    Io, che mi sentivo grande come il mondo...
    Povero folle!
    Mi vedevo giovane, a vent'anni, circondato di gloria; sognavo viaggi lontani nei paesi del Sud; vedevo l'Oriente e le sue immense distese di sabbia, i suoi palazzi affollati di cammelli, vedevo cavalli precipitarsi verso l'orizzonte arrossato dal sole; vedevo onde blu, un cielo terso, sabbia argentea, sentivo il profumo di questi oceani tiepidi del Mezzogiorno".

    "Memorie di un folle" è una sorta di diario, una specie di confessionale, ma neanche. "Memorie di un folle" è un flusso continuo, un fiume in piena, tra ricordi, immagini, profumi. E' l'uomo adulto che richiama alla memoria la sua giovinezza, la sua "follia".
    Come Flaubert stesso afferma, "non è un romanzo nè un dramma che segua uno schema stabilito[...] con paletti attraverso cui il pensiero possa serpeggiare per viali rettilinei"; ed è proprio in questo, a mio parere, che risiede la grandezza di questo libro. Flaubert fa scorrere immagini di paesaggi, ricordi di vita, semplici memorie di una giovinezza che , come la giovinezza di tutti noi, non segue alcun percorso, alcuna direzione vera e propria.
    Il giovane folle ama il sole, il mare, i sogni.. "Oh. Povero folle"! Ha appena cominciato a vivere, ha il viso senza rughe, ha una penna e mille sogni e capricci: si limiterà a riportarli, uno dopo l'altro, tra risa e pianti, così su un po' di carta bianca da annerire.
    A poco a poco però la penna verrà sopraffatta dall'anima stessa del folle; sarà lei a scrivere, a riempire quelle pagine, a" colmarle fino all'orlo". Bisogna ricordare che sono pur sempre le pagine di un folle!

    Da bambino amavo ciò che si vede, da adolescente
    quello che si sente;
    da uomo, non amo più nulla.
    E tuttavia quante cose ho nell'animo, quanti oceani di collera e d'amore
    si urtano e s'infrangono in questo cuore
    così debole, cosi stanco.
    G.Flaubert

    [... continua]