username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Filippo Gigante

in archivio dal 07 nov 2011

10 febbraio 1983, Alberobello (BA) - Italia

segni particolari:
Ciuffo bianco naturale tra i miei capelli neri.

mi descrivo così:
Nato ad Alberobello (BA) nel 1983. Le mie passioni si diramano nella Comunicazione Digitale, nell'Editoria Libraria e Multimediale, Social Media, Cinema e Teatro. Scrivo canzoni, poesie e romanzi. Autore di BIANCO E NERO (Lettere Animate, 2014) e LA PISCINA DELLE MAMME (Lettere Animate, 2013).

04 giugno 2014 alle ore 18:45

APE

Seguo il volo di un'ape cieca
nei miei occhi la sua scia
e tra le mani 
custodisco
le parole di una poesia
che diventa musica 
nel gioco di un momento
dove trova tutto il suo buon alimento.
Sento i suoi ronzii 
parole
storie
che si trasformano in favole
o sogni di bubbole.
Ape che voli, ape che sai
adesso dimmi dove tu vai...
Adesso sono il tuo polline 
compagno
rimorso
sentiero
pensiero
così da perdermi nel vento.
E come un canto libero 
saprò seguirti come vuoi
e raggiungere mete
superare distanze
far mangiare la gente
di valori rubati
di noi
e di quegli sguardi 
liberi
da pezzenti malinconie
da emozioni fragili.
Ape che sei, ape che sai
nel mio universo tu resterai
anche se un domani 
lontana
tu
volerai.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento