username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Gaudino

in archivio dal 23 nov 2018

04 aprile 1964, Salemi - Italia

segni particolari:
Mi chiedono come si impara l'amore,
rispondo con una sola parola:
dal Dolore…
 

mi descrivo così:
Le mie poesie d'amore sono difficili da respirare, proprio perché vissute e sofferte in prima persona, ma il poeta trae dal suo dolore l'energia vitale per rinascere e per giungere, più maturo, alla propria serenità interiore.    

17 maggio alle ore 14:22

L'arrivo

L’ottavo giorno decisi di partire,
il tempo passato con gli occhi chiusi è servito
per scegliere i sogni…
Col sangue ho inciso una traccia nella pelle,
le tue mani è la meta dove il mio cuore
vuole rinascere.
 
Respiro brividi che fanno vivere,
sussurrano alla mia anima di ascoltare
ogni emozione…
Stringerti è l’unica soluzione,
liquefarmi dentro i tuoi occhi dolci
e arrivare al tuo petto.
 
La via è lunga difficile ma priva di angoscia,
nell’aria sboccia la felicità di passi senza spine,
le lacrime tornano dolci e finalmente mi disseto.
 
L’ottavo giorno fu l’ultimo giorno.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento