username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Valerio Soriani

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Valerio Soriani

  • 23 giugno 2007
    Urlo

    Lunghe lettere
    sfoghi sotto luci tremule
    e singhiozzi strozzati.
    Sfoghi curativi,
    caldi palliativi in cui
    annegare.
    Troppe parole scritte
    allora
    i sentimenti che tornano
    le emozioni
    che si ripetono.
    Poche righe adesso
    esprimono un boato
    dentro.
    Urlo così.

  • 23 giugno 2007
    Maledettamente

    Lieve e fredda
    si alza la brezza
    sfiora la testa e bacia
    dolorosamente
    il collo irrigidito.
    Sole tiepido non scalda
    adesso.
    Attimi di sale mormorano
    al tuo passaggio
    mentre stormi di ricordi
    oscurano la luce.
    Non ti trovo in me,
    ma so bene che ci sei ancora.
    Maledettamente amata
    voluta e avuta.
    Altro per me chiedo che
    la tua onnipresenza.
    Altro per te chiedo che
    la mia mancanza.
    Un'altra strada disegno tra noi.
    Talvolta perdo la matita,
    e mi risveglio da te.
    In un letto vuoto.

  • 12 giugno 2007
    Cenere nel vento

    In alto nel cielo
    volteggi
    radente le nuvole.
    In fondo al mare
    negli abissi profondi
    sorridi agli incubi.
    Tra le foreste selvagge
    ed in aridi deserti
    gentile ammirazione dell'immensità.
    Sotto una cappa densa
    vestita sottile
    intrigante e voluttuosa.
    Sperso in evoluzioni
    irreali, sontuose
    miele sui miei sensi
    leggera brezza
    sussurra la vita.
    Certezza immanente
    di una voglia infinita di
    respirare.
    Dovunque, vicino o lontano,
    cenere nel vento,
    zaino in spalla.
    Grazia a te
    ho imparato a sognare.

  • 06 giugno 2007
    La tua alba

    Ti sveglierai
    ghiaccio sciolto nel cuore
    mani tremanti
    luce dalla finestra.
    Un giorno il sole
    ti promise di tornare
    Spera, vivi
    togli la corazza
    per un momento.
    Il sole sorge ogni mattina
    un giorno
    sarà di nuovo
    la tua alba.

  • 04 giugno 2007
    Fragola nel sale

    Esco di rado
    odio la pioggia.
    Lo sbaglio sono io
    una fragola nel sale.
    C'è una strada davanti
    solo o meno lei aspetta
    non posso fermarmi.
    Immagino castelli che non voglio
    e vivo favole di un secondo.
    All'alba tutto svanisce
    e la strada riprende a salire.

  • 29 maggio 2007
    Il giullare di corte

    Fa ridere
    con le sue battute
    simpatico e divertente
    vede nei sorrisi altrui
    la felicità che vorrebbe vivere
    e regala gioia
    mentre combatte la tristezza
    del suo cuore
    maschera estroversa
    brillante e ironica
    nascondiglio di ferite mai chiuse.
    La sua condanna è vivere
    per apparire.

  • 28 maggio 2007
    Buon viaggio

    Salpa la nave del ricordo
    in un tiepido mattino
    caldo abbraccio salino
    nel gelo del tuo fiordo

     

    lascia l'ancora a terra
    non può servire adesso
    chiudimi in una serra
    senza il mio permesso

     

    sparirò così dalla vista
    del tuo cuore intristito
    e sul molo solo un basito
    uomo fuori dalla tua lista

     

    Fuggi da me velocemente
    stacca da te ogni sorriso
    che di me hai in mente
    sarò solo un albero reciso

     

    Non tornare e non voltarti
    sappi camminare da sola
    spera, stupisciti e vola
    senza chi ha saputo amarti

     

    Vivi i colori del futuro
    odora i profumi di maggio
    Abbatti finalmente il muro
    adesso, per sempre, buon viaggio.

  • 28 maggio 2007
    Oltre

    Salire in cima
    vedere al di là
    notti lunghe e scabrose
    dietro separè silenti
    Vedi solo il resto
    di quello che permane.
    Non tardare, non cantare
    Muta ascolta il notturno
    canto dell'oblio.
    Parti nella nebbia
    cercando il mio sguardo
    tormento interiore
    di un'anima senza tesoro.

  • 25 maggio 2007
    Ad occhi chiusi

    Bevo un respiro
    in un sorso di profumi.
    Scintillio di sensi.
    Estasi colorata
    delicata
    tempesta interiore
    tra il vago
    e il tripudio.
    Nelle vene dischiuse
    scorre un attimo
    infinito.
    Ad occhi chiusi.
    La vita è qui.

  • 25 maggio 2007
    Radice impossibile

    Radice profonda
    è tardi.
    Schianto immerso
    nel bianco tepore
    d'altrui veleni.
    Scopri le tue unghie
    addenta la polpa
    succhia il senso
    del mio vagare.
    Cerchio concentrico
    senza fine,
    vortice incompiuto
    insanabile volontà
    di essere
    l'impossibile.

  • 25 maggio 2007
    Anima volante

    Scappa anima,
    fuggi forte,
    vola e perditi
    in un mondo altrui
    che non ti appartiene
    parte di uno spartito
    perduto per caso.
    Non tornare, apri le ali
    al vento che soffia.
    Chiuditi un passato ombroso
    dentro un presente faticoso
    e salva il futuro
    da un ricordo pericoloso.
    Plana,
    lontano,
    fin dove puoi arrivare.
    Felice di approdare
    in un eterno ricercare.

  • 24 maggio 2007
    Gelsomin

    Gelsomin che sali su
    inebriando le pareti
    parli ancora come una volta
    dritto al cuore.

     

    Giorni stupendi e tristi notti
    dipingi sui muri
    affollando di pensieri
    gli sguardi dei passanti.

     

    Evochi e rimandi
    stordisci e affondi
    così l'olfatto tramuti in arma
    affilata dai ricordi.

     

    Gelsomin che sali su
    lascia che chiuda gli occhi
    svenir è così attraente
    per chi sfugge alla memoria.

  • 24 maggio 2007
    Rintocchi del cuore

    Rintocchi del cuore
    tentenna l'orecchio
    ascoltando il passato.
    Vorrei l'arido
    desolante niente.
    Tu nell'aria
    rendi complicato
    il volo del pensiero.
    Stonata carezza
    su una corteccia macera.
    Tenue la luce dalla tenda
    mi sorprende
    sempre.

  • 24 maggio 2007
    Soffio

    Ingombrante sei come immagine da conservare asetticamente tra gli scrigni chiusi della mia vita.
    Amaro è il tuo sapore che risale i miei sensi ogni volta che ti affacci nella mia mente.
    Male fai al mio cuore bussando troppo forte ad una porta decrepita e malandata.
    Notturno il pensiero che corre a te, viva come sempre nei miei ricordi.
    Insidiosa è la tua figura sparsa nelle mille foto in giro per casa.
    Fragile è la mia volontà di cancellarti per sempre.
    Immortale la speranza di riaverti con me.
    Vuota la mia anima sconfitta.
    Confuso il mio futuro.
    Cupo il cielo.
    Stanco ora.
    Solo.

  • 24 maggio 2007
    Sonno desto

    Getto me
    in pasto a voi
    Fiere dell'est
    tourbillon di voci
    gesti scomposti
    in un mare di no.
    Corro, fuggo
    per tornare qua.
    Sonno desto
    di un album vivente
    Fermate la corsa.
    Scendo.

  • 24 maggio 2007
    Risveglio

    Mattina nuova
    aria fresca
    sentinelle di un dolce star bene.
    Profumi e sensazioni
    di un bambino che fu.
    Stupendo e veloce
    fugace e limpido
    sentire la vita
    Presto.
    Aspettami.

  • 24 maggio 2007
    Vuota

    Un altro passo
    titubante
    incerto incedere
    altra realtà.
    Panacea di strazi
    domani
    essenza del dolore.
    Facile cadere
    come lento abbandono.
    Ardua è la risalita
    dal fondo di una bottiglia.
    Vuota.

  • 24 maggio 2007
    Scrivendo

    Ho letto per dovere
    ho letto per diletto
    poi ho letto il mio cuore.
    Tanto più bello è quest'ultimo
    quanto più difficile da far capire
    scrivendo.