username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Ronchetti

in archivio dal 29 set 2018

03 novembre 1962, Taranto - Italia

mi descrivo così:
Non ho esperienza letteraria pregressa. Libero pensatore, poeta, appassionato di arte, musica, cinema (e altro ancora) nonché "venditore di parole" (in genere, però, alle belle donne, ed anche a quelle meno belle, le regalo!) a cui piace scrivere di tutto - e su tutto: cittadino del mondo intero!

14 agosto alle ore 12:21

Planet ocean&friends...da un punto di vista inconsueto e inconsulto! (l'avvistamento del "leviatano")

Il racconto

 L'oceano Pacifico, al pari dei suoi due "brothers" più giovani, ossia l'Atlantico e l'Indiano (alcuni considerano anche un oceano Artico a nord, altri inoltre suddividono Atlantico e Pacifico ognuno in due bacini indipendenti, ossia settentrionale e meridionale; in genere, poi, gran parte dei geografi è propensa a rifiutare il concetto di oceano Australe e considera l'Artico come un bacino dipendente dall'Atlantico: i domini dei tre oceani sono anche delimitati verso sud dai meridiani congiungenti America e Africa all'Antartide), è sterminato: esso, infatti, è una immensa distesa d'acqua di quasi centottanta milioni di chilometri quadrati, che ricopre il 35,2% della superficie della terra e bagna ben cinquantadue paesi in tre diversi continenti (Asia, Oceania ed Americhe). Inoltre, è abitato da tantissime specie - sono migliaia e migliaia - da esseri e creature viventi straordinariamente belle ed uniche.
 Una volta, un pittore naif aborigeno, membro dell' Outstation Movement, il quale si batte da decenni per l'integrazione delle minoranze aborigene native nella nazione australiana, ebbe a dire quanto segue: "Adoro disegnare i pesci delle profondità oceaniche perché sono talmente brutti, ma belli a proprio modo. Inoltre, nel fondo degli oceani ci sono cavità talmente abissali, recondite e segrete...incommensurabili all'umano intelletto per cui l'uomo non può avere idea di quali segreti essi contengano". Quell'artista, si chiamava Johnny Dunbar, morì in una prigione di Kalgoorlie (Western Australia), località cinquecentoquaranta chilometri a nord-est di Perth, nota per i suoi immensi giacimenti auriferi.
 Torniamo alle nostre creature...Si pensi, ad esempio, alla tanto incredibile e meravigliosa, fantastica e stupenda megattera bianca, ma anche - direi -  "nonché invero" rarissimamente straordinaria ed alquanto immensa (in tutti i sensi, visto che si tratta pur sempre dell'animale marino più grande circolante in acqua)...: e tale sfilza di aggettivi, - i quali, mi pare siano essi stessi anche in concreta simbiotica sinonimia tra loro, - che ben poco si adatterebbe e mal si concilierebbe, però, a detta di alcuni grandi american writers contemporanei, con l'estro e la creatività della scrittura, o forse - chissà - soltanto coi canoni sanciti e poi quasi beatificati dalla consuetudine, non portrebbe mai esser tanto meritata come in questo caso né più appropriata per definire proprio questo e non qualsivoglia altro essere vivente!
 Essa [la megattera] è soprannominata, da scienziati e studiosi marini del mondo intero, il "leviatano" del mare, sia per quell'alone di mistero frammista a leggenda che l'ammanta, sia per il senso di maestosità e grandezza, appunto, e tranquillità e pace, che la sua figura ispira. Cercate ora di immaginare, cari lettori, la gioia e lo stupore che colse i quindici componenti (cinque dei quali erano donne: fatto insolito all'epoca!) della spedizione Elektra, guidata dal celebre balenologo ed oceanologo uruguayano Rosario Elmir Lopez, quando nel novembre del 1971 essi ne avvistarono una per le ultime volte che la storia naturalistica ed oceanografica ricordi e racconti: e ciò avvenne dapprima il tredici di quel mese (alle diciassette), in un giorno insolitamente freddo (il più freddo degli ultimi cento anni a novembre!), nei pressi di Punta Arenas - regione Antàrtica Chilena - di fianco allo stretto di Magellano; e poi, il giorno seguente, (alle tre del mattino), in un alba insolitamente chiara e luminosa (la più chiara e luminosa che mai ci fosse stata a quella estrema latitudine!) nei pressi di Ushuaia - Patagonia Argentina - di fronte allo stretto di Drake.
 Ed a mio avviso potrebbero essere stati quelli avvistamenti quasi sacre "apparizioni" e magiche da un lato, ma al contempo infauste dall'altro, e circostanze, orari e date non fanno altro che confermarlo. Similmente a ciò che succede all'equipaggio del Veliero quando incontra l'albatro, l'uccello sacro dei naviganti, durante il suo lungo e periglioso viaggio dall'Inghilterra verso Capo Horn ed il polo sud, e poi sino alla tropic-line del Pacifico, in "The Rime of the Ancient Mariner", il capolavoro "fantastico-visionario-ancestrale" di Samuel Taylor Coleridge, sommo scrittore-poeta romantico inglese. Al contrario di quanto accade nel librino, però, nella realtà le cose sono ben diverse; in essa, infatti, non vi è un lieto fine, non succede che un riappacificarsi avvenga tra la natura e l'uomo, un ricongiungersi tra i due sommi vertici ed equilibri dell'universo (il primo, però, tanto perfetto e molto compiuto, il secondo invece alquanto imperfetto e tanto incompiuto!), un ristabilirsi dell'equilibrio rotto.
 I membri della spedizione, quella volta, poterono sì constatare de visu quanto avevano sino ad allora appreso dai loro studi, ossia che l'animale era grande due volte e mezza di più dell'enorme panfilo "Stavros III°" (all'incirca 6,5 tonnellate di stazza e dodici metri di lunghezza), di proprietà dell'armatore greco Aristotele Onassis ed ormeggiato, in quel periodo, nel porto di New York; mentre, d'altro canto, però, dovettero anche riflettere su un fatto ancor più incredibile ed inimmaginabile: ossia, come già a quei tempi, a causa della caccia selvaggia ed indiscriminata posta in essere dall'uomo nei decenni addietro (si pensi che moltissimi di questi giganti mansueti, negli anni cinquanta e sessanta, preferivano volontariamente arenarsi sulle coste o infilzare il capo negli spuntoni degli scogli, dandosi quindi morte certa, piuttosto che finire sotto i dannati arpioni - ed acuminati assai - delle stramaledette baleniere!) la sua popolazione era estremamente ridotta, anzi, ridottissima visto che si parlava di poco più di tre-quattrocento esemplari esistenti. E devo dire, purtroppo, con estremo rammarico, che le cose nei decenni successivi non sono cambiate in meglio ma soltanto in peggio: ed oggidì, infatti, ne sono rimasti addirittura meno di trenta-quaranta esemplari adulti in tutto l'universo oceanico! Allo stesso infausto destino sembrerebbero avviati anche altri "magnifici giganti", che prima solcavano in gran numero le acque del globo: dal lamantino rosa al beluga, dal narvalo australiano al dugongo, dai delfini di Bonaire alle mante a chiazza rossa di Sharm, oppure ai gattucci leone delle Comore, o alle foche lenny delle Svalbard...e via discorrendo.
 La NATURA non è mai futile o casuale né puramente decorativa: essa persegue  -immutabilmente un disegno (ed un piano) ben preciso; essa può apparire spietata (come osservava Charles Darwin) ma fa comunque, sempre, fede (e risponde) - immutabilmente - a leggi ben precise e prestabilite. Pertanto, quando (e se) l'UOMO cerca di rompere questo incantevole nonché magico e superbo, millenario, ancestrale e, per alcuni, sacro nonchè inspiegabile equilibrio, attraverso comportamenti a dir poco incauti, sciocchi ed incoscienti, se non quando addirittura deplorevoli e criminali, non soltanto mette a repentaglio la vita della NATURA, ma anche quella dei suoi simili: infatti egli [l'UOMO] ne è esso stesso parte integrante ma non la possiede, non è il suo padrone...eppur vero è che ad essa appartiene, come alla TERRA ed alla VITA stessa, e non il contrario!
 "E mi viene spontaneo, nonché doveroso, formulare la domanda che segue (che suona, senza mezzi termini, come vero e proprio mio sfogo di rabbia e di rammarico al contempo, oltre che "atto d'accusa" - j'accuse - o "accusatio manifesta", secondo la terminologia giuridica corrente tanto nel dirittto romano che in quello anglofono/anglosassone) per rivolgerla simbolicamente ad un gran numero di ABITANTI del pianeta (siano essi potenti o meno non importa, visto che le colpe sono equanimamente di tutti ad ogni latitudine!) lungo le righe di queste mie strampalate pagine di memorie e di racconto (altrettanto inverosimili quanto straordinarie!)".
 Che ne dite, amici miei - olandesi e russi, giapponesi, cileni, norvegesi, islandesi, peruviani, cinesi e canadesi, o coreani, danesi, indiani, messicani, indonesiani, filippini e thailandesi, spagnoli, portoghesi, inglesi e francesi, argentini e brasiliani, neozelandesi, australiani e sudafricani -, ne sapete forse qualcosa? VOI, che insieme a NOI americani avete deturpato coste, ambienti e paesaggi in nome del progresso tecnologico e della scienza, saccheggiato instancabilmente mari a destra e a manca in nome di un facile profitto ed un utilizzo immediato, arraffando tutto il possibile (ed anche l'inimmaginabile!), allo stesso modo in cui lo facevano bucanieri e pirati nei secoli passati, dopo aver assaltato le navi incontrate sul loro cammino, portato già all'estinzione decine e decine di specie animali e vegetali, in acqua e sulla terraférma, infine scardinato (a volte, addirittura irrimediabilmente distrutto!) habitat a più non posso, incuranti d'ogni cosa?
 Ma alla fine, però, penso proprio che nostra immensa "MOTHER EARTH", il mondo e la NATURA tutta intera sotto sotto se la ridano, anzi, sarcasticamente sogghignino beffardi e fra di loro - probabilmente - dicono questo: "Noi ci saremo ancora, caro uomo, fra milioni di anni quando tu sarai meno di niente, polvere sarai soltanto frammista alla sabbia dei deserti ircani e di quelli...d'Ossezia!

da: "Le memorie strane d'un asino pazzo a stelle&strisce chiamato Lucky", 2014.   

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento