username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 23 apr 2012

Fiorella Cappelli

18 ottobre 1953, Roma - Italia
Segni particolari: Nel Comitato dei Lettori dal 2014.
Mi descrivo così: Poetessa, scrittrice, recensionista e giornalista free-lance. Tanta passione  per la scrittura: poesia in lingua e in vernacolo romanesco, narrativa, aforismi; amore per la lettura. Organizzatrice di eventi culturali, mostre d'arte e presentazioni libri. 
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 26 luglio alle ore 13:18
    Poeta Tu (Strofe Saffica)

    Poeta tu, maestro di parole
    riflesse su frammenti di cristallo
    fatte volare da anima che duole,
    restano in stallo.
     
    Sei grande quando cerchi di capire
    profondità di sguardi innamorati
    di sogni umani per poter gioire...
    d'ilari fati.
     
    Respiri vento fresco, la sua brezza
    metriche e rime componi, fecondo.
    Nei versi tuoi lieve è la carezza.
    Valuti il mondo!
    26.07.2017

     
  • 24 luglio alle ore 18:51
    Du' Quartine e du' terzine

    Se scrivo scrivo quelo ch'io penso
    a vorte suggerito da n'amico
    magara da 'na foto... mo ve dico...
    purché sur fojo er verso ciabbia 'n senso:
     
    mo du' quartine, fanno 'na fojetta (1)
    e mezzo litro de sicuro, bevi...
    ma "solo" mica poi e mica devi
    che ciai l'amichi puro su la vetta!
     
    Doppo magnato poi... nun t'acciuccà(2)
    co' du terzine ce viè 'n ber caffé
    du legni pe' 'n ber foco d'appiccià (3)
     
    'na braciolata d'estate ce stà
    da fa' a casa, ner bosco nun va be'
    che l'acqua poi.. ando' la vai a trovà?
    24.07.2017
    (1) Fojetta = mezzo litro
    (2) Acciuccà = ubriacà

    (3) Appiccià = accendere

     

     
  • 22 luglio alle ore 20:10
    Perditi Sguardo

    Perditi, sguardo! Dalla cima amata
    rimiro, osservo silenzioso in tondo
    respiro l'aria fine e fino in fondo.
    Breve saluto, muore la giornata.
     
    Fa capolino il sole e s'accomiata
    declina l'astro d'oro sullo sfondo
    questo richiamo al quale già rispondo
    immortalando il rovo, la sua arcata...
     
    Dallo Scalambra cerco la mia mèta
    tinte d'arancio, fulgidi bagliori
    tutto sopisce, il vento anche s'acqueta.
     
    Scaglie dorate, cirri tutt'intorno
    vicini al cielo, forse,  si è migliori
    domani è un'altra vita, un altro giorno...
    22.07.2017
    Da una libera ispirazione di una foto:

     "Tramonto dallo Scalambra", di Pancrazio Delli Ponti.

     

     
  • 09 luglio alle ore 15:05
    Funtanelle Romane

    È Roma, co' millanta funtanelle
    a rinfrescacce quanno c'è calura
    quanno c'encoccia er sole e pe' natura
    grondamo cor sudore su la pelle
     
    e ce n'è una, che cià tre cannelle
    che dà er nome a la via, ch'è antica e scura
    'na larga scalinata tra le mura...
    n'acqua Felice, tra le madonnelle!
     
    De ghisa, "ammodernata", sta' in salita
    nemmeno li romani ce lo sanno...
    stà a ricordacce quela ch'è sparita.
     
    È nel Rione Trevi, er seconno,
    li forastieri  è un  caso che ce vanno...
    vanno a cercà quela famosa ar monno!
     
    (E puro sì 'sta povera funtana
    resta anniscosta, ammetto...
    è servita a me, co' pochi versi
    a favvela conosce co' un sonetto!)

     
  • 06 febbraio 2016 alle ore 14:07
    Kira

    Manca
    il tuo sguardo d'amore
    all'intesa che univa.
    Percepita nel vento
    la libera corsa
    tra ampi spazi dei campi
    e zolle, ricalcate di brina
    tra spini, tra rovi di more
    e asparagi appena sbocciati
    tra solchi di fossi melmosi
    e spari lontani.
    Compagna fedele di lunghi silenzi.
    M'avvolge e addolora il ricordo
    di gelide aurore e calde carezze
    di anni di vita, di tozzi di pane raffermo
    e pindarici voli dolenti.
    Guaiti venuti alla luce.
    Regina felice
    tra batuffoli ignavi,
    raccolti da mani tremanti...
    Impegno costante, fedele
    ed ora sospiro interrotto nel tempo.
    La mano si tende
    e nell'aria ora mima...
    carezze per te.
     
    Dedicata a Kira, venuta a mancare il 3.2.2016

     
  • 17 ottobre 2015 alle ore 22:01
    Dalla Vetta al Sottobosco

    I monti Ernici in bella vista
    delimitati a Nord e si conviene...
    tra Cantari e Valle dell'Aniene
    ad Est la Valle dell'Iri, non dista.
     
    Se guardi a Sud è la Valle del Cosa
    ad Ovest trovi la Valle del Sacco
    tra Lazio e Ciociaria non vi è distacco:
    il Monte Scalambra, vetta imperiosa
     
    veste l'ultima cima d'Appennini
    tra rigidi silenzi a capo chino...
    tra nebbie e dissolvenze del mattino
    qui timidi radun di ciclamini.
                        (Omaggio al Monte Scalambra)

     
  • 28 marzo 2015 alle ore 9:00
    Cuore di Farfalla

    Leggiadra,
    in sospensione
    afferravi colori di speranza
    porporine  lucenti
    fuse in pulviscolo di stelle.
    Con regale bellezza di un volo
    sostenevi
    cuoremente
    su esili ali
    la sofferenza di tanti.
    Donavi eternità
    ad un esempio d'amore.

    (In Memoria di Martina Murziani-Onlus La Farfalla-Grosseto)

     
  • 04 marzo 2015 alle ore 9:43
    HAIKU

    Si sveglia Primavera
    arcobaleno
    Refolo di farfalle.

     
  • 27 gennaio 2015 alle ore 14:08
    Cuore Scarno

    Cuore scarno
    racchiuso nella prigione toracica
    tra esili, fredde ossa
    scandisci battiti di umana speranza.
    Scheletro d'infanzia persa
    occhi immensi
    spalancati alla sofferenza.
    Vivi, nel muto gridare della tua innocenza.
    In luoghi sconosciuti
    hai sacrificato i tuoi capelli
    le tue unghie, la tua vita.
    La tua storia percorre ancora
    strade di ordinaria follia
    abbraccia memorie
    in attesa di un riposo di pace.

          27/01/2015 Giornata della Memoria

     
  • 17 gennaio 2015 alle ore 13:24
    S.Antonio Abbate (17 Gennaio)

    C'è l'asino, c'è l'oca è 'n rituale:
    la pecora, er conijo, er cane er gatto
    si questa è 'na riunione e nun so matto
    voi vede ch'è 'na festa? E nun è male!
     
    Cor Santo accompagnato dar majale
    Antonio Abbate, poi pijànne  atto
    benedice l'animali, detto fatto
    opre li balli puro ar Carnevale!
     
    Cerveteri fa festa e in processione
    pe' la Boccetta, inzieme ar Sacramento
    li carri vònno la benedizzione.
     
    Tera de Borghi antichi e de Frazzioni
    s'accenne  de colori 'gni momento
    pe' fa' sortì poesia e tradizzioni!
             

     
  • 05 gennaio 2015 alle ore 11:17
    Li Valori

    Si quell'arbero, co' le fronne ar vento
    t'ariccontasse... de la vita annàta
    der  soriso, dell'aria spenzierata
    che m'arubbò coll'ombra der momento...
     
    Ma er tempo s'annisconne (er paravento)
    tra li ricordi de 'na scampagnata
    la voja de dipigne 'na giornata
    e la pupa da svezzà , l'allattamento
     
    te bruci tutto quanto ma ce credi
    a li valori che t'hanno 'nsegnato
    vai avanti, arzanno su la testa
     
    sercianno strade che nun sempre vedi...
    e co li piedi ignudi sur bagnato
    co' l'anima prezziosa e sempre onesta!

     
  • 05 gennaio 2015 alle ore 8:29
    La Befana Sfrattata 2015

    'Na vecchina mo gira all'impazzata
    cià li dorcetti pe' li regazzini
    segue la via de li sampietrini
    scènne da la scopa tutta 'ncacchiata
     
    la strada tutt'antratto è sgarupata
    li serci so' ammucchiati, poverini
    Trastevere scoperchia li tombini
    la vecchia, co' la veste rattoppata
     
    cià prescia d'arivà e fa' la bbona
    cià 'na missione cià, e cosa strana
    soride: sta' a penzà a Piazza Navona...
     
    Er cinque de gennaro so' emozioni...
    ma lì c'è er luna parche e gran burriana
    e Roma nun cià più le tradizzioni.

     
  • 05 ottobre 2014 alle ore 12:55
    Panni Puliti

    Da li lavatoi drento quer cortile
    le voci de le donne, er chiacchiericcio
    er pianto de li pupi pe ‘n capriccio
    le bagnarole co’ li panni a pile.

    Er canto che sortiva assai gentile
    mi’ madre cor sinale bagnaticcio
    ‘na voce a mi’ fratello: -viè qui, Ciccio!-
    Li panni stesi ar ber sole d’Aprile.

    L’artrosi ne le mani, er suo dolore
    L’olio de gomito, pe la fatica
    e quarche vorta puro er batticore

    ma sempre cor soriso che cantava
    co’ la famìa che teneva unita
    e li panni puliti… che vantava.

    Mo ce se làssa pe ‘na liticata
    E lavà… nun è tutta st’ammazzata...

    ( Libera ispirazione tratta da una foto di Quelli cresciuti a Roma negli anni 50-60)

     
  • 01 ottobre 2014 alle ore 11:29
    Fango

     
    Chiazze di grigi pensieri si estendono
    e nuovi territori si delineano…
    Ricoperte dall’umido fango
    giovani innocenti vite
    pagano il tributo
    all’incoscienza umana,
    quando
    il rispetto per la natura viene meno.
    Artigli melmosi che si allungano,
    afferrano sogni e giochi
    di una festa mai goduta
    per tramutarla nel dolore più grande.
     

     

     
  • 15 settembre 2014 alle ore 20:12
    Nasone di Borgata

    I piedi scalzi, dentro i zoccoletti
    sul vestitino c’è la mantellina
    all’uncinetto, fatta da mammina
    Un dono di Natale tra i  dolcetti
     
    Fermavi i tuoi capelli con cerchietti
    toccavi l’acqua fresca ed argentina
    giochi e risate la tua medicina
    La povertà, il freddo, i denti stretti…
     
    Con la tua veste larga e un po’ dismessa
    attorno a quel nasone di borgata
    riuscivi sempre a fare una gran festa.
     
    L’era dei sogni, di un mondo migliore
    ora ricordi di mente naufragata
     Del tempo andato, gran compositore.
     
     

     
  • 04 agosto 2014 alle ore 22:19
    La trippa a la romana (Che ce mettemo?)

    Ce mettemo la trippa e la cipolla
    doppo, un ber pezzo de peperoncino
    se mette tutto a crudo per benino…
    la carota (bada che nun sia molla)
     
    menta romana: foje e no corolla…
    (è ‘a morte sua st’erba cor profumino)
    basilico, sedano, pecorino
    tre chiodi de garofalo… e decolla!
     
    Sale e ojo, poi la metti sur foco
    te caccia l’acqua, quanno ch’è rosolata
    mettice er vino bianco… e nun è poco
     
    falla evaporà, poi quanno se strigne
    ce butti  li pelati e ‘sta magnata
    è ‘n piatto … da scarpetta che poi ‘ntigne!
     
    Libera ispirazione poetica in sonetto romanesco, tratta  da un video de la Sora Lella sulla cucina romana che dice: “Ammazzate che piatti che sapemo fa’ noi, io v’emparo perché li dovete sapé fa’puro voi”

     
  • 30 luglio 2014 alle ore 23:35
    Non Più

    Non correrò più incontro alla vita
    non sentirò più le tue braccia stringermi
    non ascolterò più le favole…
    Ma tu… raccontami
    Raccontami ugualmente
    di cosa scriverai del dolore
    dell’inutile mia  morte,
    della cattiveria umana
    raccontami, ti prego…
    di me, rimasto bambino
    a correre tra le nuvole
    nei miei tanti “perché” senza risposte….
    Disegnami con la tenerezza del tuo cuore
    per non dimenticare di esserci stato
    mentre  con gli occhi chiusi
    dal  sonno eterno
    sorrido agli angeli.
     
     (Da una libera ispirazione di un disegno di Gianluca Serratore)

     
  • 14 febbraio 2014 alle ore 11:55
    San Valentino

    Semplicemente una rosa
    vellutata sulle tue labbra
    profumata dalla tua pelle
    per un amore unico
    come lo sei tu.

     
  • 18 dicembre 2013 alle ore 11:30
    Un Regalo Inaspettato

    C’è un  Presepe nella stanza
    del tuo cuore dolorante
    è un rinnovo la speranza,
     è cometa scintillante.
     
    Bianca neve ed un giaciglio
    un bambino è appena nato
    lì accanto vi è un coniglio
    che lo scalda col suo fiato
     
    Non c’è bue né somarello
    ma simpatico e sincero
    a scaldare il Bambinello
    il leprotto tutto nero
     
    Il regalo è… inaspettato
    che Giuseppe e che Maria
    Tutto avrebbero pensato…
    men che a questa compagnia…
     
    Chi lo spiega ora al buon Dio
    che tu piangi e che stai male
    che vuoi indietro, amore mio
    quel regalo di Natale…
     
    Scende un angelo dal cielo
    ora asciuga le tue gote
    v’è un  messaggio sul suo velo
    “avrà un prato di carote”.
     

     
  • 27 ottobre 2013 alle ore 17:17
    Io resto accanto a lui

    Io... resto accanto a lui,
    freddo o pioggia...
    io resto accanto a lui.
    Lui non mi abbandona mai.
    Ci attraversano
    attimi di vita insieme
    sguardi curiosi
    a volte indifferenti
    passi affrettati…
    Il suono di una monetina
    scalda lo stomaco.
    Il corpo, immobile, intirizzito
    impregnato di rassegnazione…
    Mi tende la mano…
    Gli do la zampa…
    Io… resto accanto a lui.
    Mi da’ la zampa
    la stringo nella mano…
    Io… resto accanto a lui.
     

     
  • 14 settembre 2013 alle ore 16:40
    Il Pianto del Mare

    Non ti libererai così facilmente di lei…
    Lei ci sarà, per generazioni e generazioni
    a ricordare la tua follia.
    Indistruttibile, seminerà terrore e morte
    si confonderà tra meduse e coralli
    mi cavalcherà in onde di plastica
    diverrà cibo avariato di una tartaruga che muore.
    Grazie al tuo vivere male globale
    stai uccidendo anche me
    oramai… mare di lacrime.

     
  • 09 agosto 2013 alle ore 11:34
    Batuffoli di Nuvole

    Ho imbottito il tuo cuscino
    Di batuffoli di nuvole
    Per farti sognare il cielo…
    Ho dipinto la cornice ai tuoi sogni
    con l’oro delle stelle
    per renderli più lucenti.
    Ho colmato la stanza dei tuoi desideri
    di bianca schiuma di mare
    per farvi scivolare i miei baci.
    Ho celato, dietro uno spicchio di luna
    Il mio  sottile  amore…
    Ma so che ti desterai nell’aurora
    di ogni nuovo giorno,
    al pensiero di me.
     

     
  • 09 agosto 2013 alle ore 11:32
    Batuffoli di Nuvole

    Ho imbottito il tuo cuscino
    Di batuffoli di nuvole
    Per farti sognare il cielo…
    Ho dipinto la cornice ai tuoi sogni
    con l’oro delle stelle
    per renderli più lucenti.
    Ho colmato la stanza dei tuoi desideri
    di bianca schiuma di mare
    per farvi scivolare i miei baci.
    Ho celato, dietro uno spicchio di luna
    Il mio  sottile  amore…
    Ma so che ti desterai nell’aurora
    di ogni nuovo giorno,
    al pensiero di me.
     

     
  • 24 luglio 2013 alle ore 13:58
    Sacro Monte

    Tra i nove Sacri Monti del Piemonte,
    tra i territori della Lombardia
    il Sacro Monte di Varese, sia
    quella visione che ti sta di fronte…
     
    Quel Patrimonio per l’umana fonte
    compreso dall’UNESCO, che poesia!
    Reca a Varese un tocco di magia
    nel Santuario che gli fa da ponte.
     
    Un Parco naturale e le Cappelle
    coi tanti misteri del Rosario
    antiche nicchie con le Madonnelle
     
    Santa Maria che stringe il Bambinello
    tanti pellegrini, fede e Calvario
    tra il verde ti sorride il borgo bello.
     
    Dedicata al Sacro Monte di Varese, Ispirazione tratta da una foto del luogo, eseguita a quattro mani da Giovanna De Luca e RosaC

     
  • 08 luglio 2013 alle ore 13:02
    Un Filo d'Erba

    Un Filo d’Erba

    Ti svegli, già bagnata
    asciughi al primo sole
    la goccia di rugiada…
    Sei un filo, tra le aiuole.

    Tra malva e margherite
    oscilli, verde e fiera
    tra primule fiorite
    in gaia primavera.

    Il vento ti accarezza,
    le corse di un bambino
    un piede che ti spezza,
    la fine in un mattino.

    Accade tutto in fretta
    la vita non conserva
    travolge e va diretta…
    anche su… un filo d’erba.

    Fiorella Cappelli ©
    Tratta da: Libera ispirazione su di un commento inerente alla poesia, di Franco Cimarelli.

     
elementi per pagina
  • 08 settembre 2012 alle ore 11:38
    Un Penziero Profonno

    Come comincia: Dar treno da S. Marinella a Roma,
    su le mura gialle, de 'n cimitero, vicino a Palidoro
    'na scritta riportava come 'n tesoro:

    MASSIMO VIVE!

    Tra li campi de pannocchie e le chiome de li pini a faje 'n po' da tetto...
    anche dar treno in corsa se leggeva su quer muro, ch'appresso ar treno, coreva come 'n grido drento ar petto!
    Come pe dì: amico mio, che stai à annà lontano... smiccia quì
    indove c'è massimo nostro sotterato,
    tra 'sti pini l'avemo lassàto
    indove st’arberi che danno retta ar mare, movono le chiome ne 'la sera...
    a riportà l'ebbrezza de chi più non spera... e
    de quanno in moto, ariccojeva er vento su ' la pelle
    e faceva 'sta strada millanta vorte, a la serena, sotto ' er manto de stelle!
    Forse puro quà vorta, che je correva appresso er sole, ner mentre che se vortava a guardà er mare...
    quanno che tanta bellezza l'ha tradito
    e l'ha lassàto a terra, tramortito... e mo tace.

    'sta scritta oggi c'è pè arubba l’attenzione a te, viaggiatore giocònno,
    pè fa arifiorì un penziero profònno, e dasse er core in pace,
    svortà la testa ar mare, e poi dall'antra parte, a Massimo, che è scritto vive, ma nun è più a 'sto monno!”

     
  • 27 maggio 2012 alle ore 12:40
    Poesie così…su due piedi.

    Come comincia: Il breve brano ha in sé il contenuto di ben dieci tipologie di scarpe ed ha annunciato la sfilata di moda relativa alle calzature Quattrocchi di Velletri alla 21^ Sagra del Fungo Porcino a Lariano il 23 settembre 2011. Le modelle, scalze, vestite da cameriere, hanno sfilato con le scarpe su vassoi d'argento. Il brano è stato creato per sottolineare anche l'importanza e la qualità del nostro Made in Italy per i 150 anni dell'Unità d'Italia.
    Le tipologie sono: Ballerine, Décolletè, Spuntata, Zeppa, Sandalo, Chanel, Zoccolo, Ciabattina, Tronchetto, Stivale.
    Il testo, di proprietà dell'autrice, Fiorella Cappelli, ha copyright e può essere utilizzato solo riportandolo fedelmente e con il nome e cognome dell'autrice, per intero.

    Le Ballerine…presero posto sulla scena, poi arrivò lei, con il suo Décolleté e fu il silenzio.
    Sapeva di averla Spuntata, la sala era Zeppa, l’odore intenso di Sandalo si percepiva ovunque, ma non mortificava il suo Chanel.
    Passo dopo passo, in punta di piedi affrontò il duro Zoccolo della vita, percorrendo la sua prima sfilata, avendo messo sotto i denti, fin dal mattino…solo una Ciabattina ma a quel panificio, il Tronchetto, gliela avevano servita…su un piatto d’argento.
    Vincente, lo Stivale, fino al tacco…Alto il Made in Italy!

     
  • 12 maggio 2012 alle ore 11:35
    Il mare visto dal mare

    Come comincia: La Vela, sostenuta dal vento, ombreggiava la fiancata destra della minuscola barca ed il "contenuto umano" si spostava... ad equilibrarne le oscillazioni, simulando l'andatura dei gabbiani, che lenti, ne accompagnavano il viaggio.
    Divisa, tra la terraferma e la linea azzurra del lontano orizzonte, sembrava avere un'anima propria... tanto era flessuosa e accondiscendente a mimare una danza tra le onde...
    "il contenuto umano" si distribuiva, spensierato, tra peso e parole a raccogliere dalla voce del vento ogni lamento utile da ricollocare nei ricordi di un'estate fatta di mare visto dal mare...
    Cime, lunghe, sciolte e poi sapientemente arrotolate si districavano tra piedi nudi e mani indaffarate a cazzare e lascare velocemente ad ogni cambio di direzione, da nord est il grecale trascinava verso terra... seppure ancorata, la barca oscillava di continuo...
    Il gommone, veloce e sicuro, la affiancava, come un gabbiano maestro che ne scorta e rassicura il percorso...
    Il mare cristallino lasciava intravedere, in avanti, la chiglia della barca, il cui colore blu e bianco era confuso tra il verde della mucillagine che si era marcita attaccandovisi.
    Necessitava di una ripulita, di una persona esperta e capace che si immergesse e la strigliasse a colpi di spazzola, come si fa per la criniera sciolta di un cavallo di razza, accarezzandola e maneggiandola con cura e sapiente sicurezza.
    Un muso, la chiglia, che si lascia accarezzare dalle mani dell'uomo e dall'onda con la stessa fiducia, abbandonata al mare e all'uomo, percependone lo stesso amore...
    Sul gommone la cassetta delle attrezzature e la bombola erano pronte all'uso... quei venticinque cavalli avevano scorrazzato in lungo e in largo sulle acque per il soccorso... del muso di un cavallo solo...
    In mare... come nella vita, le decisioni dovrebbero essere prese velocemente... a seconda di come butta il vento...
    Così il grecale... si prese la rivincita su quella giornata piena di buoni propositi e non si calmò fino a quando l'ultima barca, stanca di danzare, non fece rientro al piccolo porto lasciando al "contenuto umano" la pienezza di sensazioni vive e frizzanti nel cuore, intense di calore, salsedine e spruzzi di mare, di una giornata ormai pregna di ricordi di agosto.

     
  • 26 aprile 2012 alle ore 22:03
    L'Angelo che non poteva camminare

    Come comincia: Un piccolo  Angelo, senza piedi, fu mandato sulla terra dal Signore.
    Nel percorso celeste andò tutto bene, ma quando arrivò sulla Terra, si accorse di non poter camminare.
    L’Angelo, un po’ triste, allora, si rivolse al Signore :” Signore, sono arrivato dove Tu mi hai mandato, ma come faccio ad atterrare se non ho i piedi?”
    “ A te non servono i piedi” rispose il Signore “ io ti ho dato le ali per volare.
    Il piccolo Angelo, che voleva cogliere nelle parole del Signore un significato più intenso, non proferì altro, ringraziò il Signore e fece quello per cui era stato mandato : continuò a volare.
    Volò sopra ogni cosa…volò sui prati, volò sui fiumi e sui mari, volò sopra le grandi metropoli e sui piccoli paesi di montagna, volò e volò ancora…per interi giorni ed intere notti, senza mai stancarsi…fino a che, non si abbassò così tanto da scorgere l’uomo.
    Volò anche su di lui ma l’uomo, correva più veloce.
    Correva dentro le auto, correva dentro e sopra ogni mezzo di locomozione e correva anche a piedi, correva così tanto che il piccolo angelo non riusciva a stargli dietro…
    Il piccolo Angelo, fu costretto, un’altra volta a rivolgersi al Signore : “Signore, io ho fatto la tua volontà, ho volato sopra ogni cosa, su ogni luogo e su tutto ciò che ho scorto quaggiù  ma poi ho incontrato l’uomo e a questo punto mi sono accorto che con le mie ali sono troppo distante da lui, ho bisogno anche dei piedi, per potergli camminare accanto , le ali mi serviranno, per sollevarlo, nei momenti in cui non ce la farà".
    Il Signore sorrise, perché il piccolo angelo aveva capito da solo il senso della sua missione e gli fece dono dei piedi.
    E’ per questo che solo “rallentando” la nostra corsa, possiamo percepire dei piccoli passi accanto a noi e se il cuore è “attento” anche un leggero fremito d’ali.

    Dedica: A tutti coloro che hanno voglia di "rallentare" i propri passi. La "corriamo troppo", questa vita.

     
elementi per pagina
elementi per pagina
  • La storia di Sara, nel libro di Claudia Saba "Era mio padre", è la storia triste e sconvolgente di tante donne vittime di violenza tra le mura domestiche ma anche la storia di una bambina, di una madre e di un padre.  
    Il  contesto dove ci si dovrebbe sentire più al sicuro, quello della famiglia, diviene il luogo dal quale allontanarsi e le persone "più care" orchi, dai quali fuggire. Il racconto dell'autrice apre con l'adolescenza di Sara, i suoi tredici anni, "il tempo spensierato del suo vivere", i sogni da rincorrere, un ragazzo, l'amore. "Le sembra di tuffarsi in un sogno. Ogni tassello diventa realtà".
    Il divenire madre non la completa. L'assenza del marito, il secondo figlio la rendono "insofferente", poi le cose cambiano, il marito la rimprovera, la tratta come un oggetto, si fa più violento, un aborto... e poi di nuovo incinta. Volutamente non sono descritti i periodi storici, perché la violenza non ha un'esatta collocazione, può essere ovunque e in ogni luogo. Sara voleva solo che "qualcuno la considerasse una persona". Sara "faceva cattivi pensieri" ma "sopportava le continue angherie, solo per i figli che crescevano" fino a che "la situazione divenne insostenibile...
    E continua a raccontarsi, Sara-Claudia, in una sorta di racconto-diario scritto in prima persona, annota tutto: accadimenti, sensazioni, riflessioni, paure e pian piano si interroga; non sono i lividi delle botte a farle male, quelli "poteva continuare a nasconderli con un po' di trucco". Quello che inquieta Sara sono le lacrime. Lacrime che non escono, assenza di dolore alla morte di suo padre. Perché? È a questo punto che Sara comprende che ha bisogno d'aiuto... I figli ora sono quattro. Sara commette degli errori, pensa di non essere una buona madre, come non lo è stata con lei sua madre.
    Sara pian piano ricorda, il cammino è lungo e difficile e gli uomini che incontra nella sua vita ne schiacciano e annientano la personalità, ma nonostante tutto lei ha bisogno di "rivedere" ciò che di tanto mostruoso ha rimosso, ne ha bisogno per andare avanti e trovare i suoi equilibri. La figura dell'orco comincia ad avere delle sembianze...
    Con la prefazione della Dottoressa Cinzia Mammoliti, Criminologa che descrive il mostro come "un soggetto affetto da un grave disturbo di personalità che comporta percezione del sé alterata, caratterizzata da un senso di grandiosità illimitata, la tendenza a oggettualizzare e sfruttare gli altri, una totale mancanza di empatia fino a vera e propria crudeltà mentale, fisica e sadismo", e la postfazione del giornalista Fabrizio Giona che esalta "la magnificenza della vita umana, quale dono sacro ed inviolabile, sotto ogni profilo affinché l'uomo sia promotore di cambiamento nelle intenzioni e negli  atteggiamenti, inneggiando alla non violenza, al rispetto reciproco", il libro, edito da Laura Capone, raccoglie all'interno alcuni "pensieri in solitudine" dell'autrice e un'intervista della stessa dal titolo "Il colore della vita" rilasciata alla giornalista Giovanna Pastega, dove la figura della "madre"si rivela essere, attraverso le risposte dell'autrice, l'ultimo doloroso tratto di linea che "chiude il problematico, sofferto, cerchio familiare".

    [... continua]

  • "Quando l'amore vi chiama, seguitelo. Anche se le sue vie sono dure e scoscese. E quando le sue ali vi avvolgeranno, affidatevi a lui". Così scrive il poeta e filosofo libanese Kahlil Gibran, dell'amore... ed è quello che fa il filosofo, poeta Francesco Borgia, affidandosi completamente all'Amore, in "Ridente Lucciola", la sua prima silloge poetica. Sessantasei liriche, dove il titolo di ciascuna è sostituito da simboli letterari di numerazione romana progressivi, quasi a voler definire la continuità del sentimento del poeta che risulta "essenziale" nella metrica libera, dove ci si trova a considerare non il singolo verso, ma la lirica completa per carpirne la profondità nella sintesi di pensiero.
    L'uso della retorica nell'anafora, con la ripetizione della parola, accompagna il verso nella poesia di Borgia, come un suono che ci culla: "Entra nella fiamma/ nel silenzio stellato/ nel soffio che si estenua/ Entra nella fiamma/ del tuo infinito candore/ Ritornata ad essere l'azzurro/ col tenero vagare del cielo /entra nella fiamma".
    Liriche brevi, in alcuni casi quasi degli Haiku, dove l'amore per l'amata si fonde con l'amore per la natura: "Di te/ il mare/ è l'amore/ più dolce/ tra te/ e il mare". Occhi che raccolgono albe e maree, labbra di miele dolcissimo: "Dita lunghe/ silenziose/ incaute/ danno soffio/ a dita/ punte d'amore". Tutti e cinque i sensi vengono chiamati in causa con delicatezza dall'autore, per dipingere non soltanto il corpo dell'amata ma per sottolineare le emozioni forti che, il di lei pensiero, suscita. Il poeta Borgia si esprime attraverso figure di contenuto, di parola, di pensiero, di sentimento e quella, che all'apparenza può apparire come "una poesia semplice e diretta" è in realtà il risultato composto e ben mirato a far arrivare, a chi legge, la profondità e la bellezza di un sentimento tanto ricco che, a saperlo esprimere così, è anche un dono e come è sapientemente riportato nella prefazione alla silloge, di Luca Benassi:"Il lettore vi troverà versi di un'energia dirompente, nei quali aprire squarci nell'abisso del proprio sentire, senza mai allontanarsi da un principio tonale, melodico e sintatticamente organizzato". Non manca alla silloge lo "sguardo attento" di una donna, che va oltre i tumulti della passione e si posa sulla "dolcezza e tenerezza di un sentimento etereo e cangiante" e lo fa Mina Borrelli nella preziosa postfazione, analizzando la figura della donna attraverso il canto poetico dell'autore che "idealizza la figura femminile senza privarla della sua presenza carnale, umana e passionale", riproponendo, tra l'altro, la XXXV lirica della silloge : "Sei /una rosa/ intensa e inattingibile/ trepida e turbinante/ ad esaurire il cielo".
    La rosa, simbolo poetico e musa ispiratrice per tanti artisti e poeti e della quale anche Francesco Borgia ha subìto il fascino.

    [... continua]

  • È vento di libeccio, caldo e sabbioso ma anche umido e messaggero di pioggia, o vento di maestrale, freddo e portatore di mareggiate il verso libero che ti solleva e ti conduce in sospensione di pensieri tra anfratti ed imperscrutabili fenditure, ataviche ignote profondità dove luce e respiro hanno vita propria nella poesia, nella sensibilità del poeta. È la poetica dell'ascolto del silenzio (ovvero, bisogno di poesia) quella di Stefano Colli, alla sua prima raccolta con "Non lasciate che uccidano i poeti", una silloge di cinquanta liriche inserita nella Collana di poesia "Anamorfosi" Edizioni Tracce, che vivono di ispirazione del silenzio della notte. Questo poeta toscano, amante ed insegnante di filosofia padroneggia il verso quale esperto prodiere che ama e teme il mare quando il vento la fa da padrone: "Ho sempre ascoltato il canto del mare/ quell'andarsene a spasso per il mondo/ ...Il mare mi rese poeta/ e per questo lo ringrazio". Ed ecco la poesia immergersi, infrangersi per poi volare, spaziare tra "Incanto di Donna" in versi sciolti che incarnano sensuali, ambite emozioni e "Nudo come la notte" ("Immagino il tuo corpo di ventenne/... /Scrivo questi versi prima che fuggano/ come desideri mossi dal vento").
    Diviene inno, quasi preghiera, mancato respiro la poesia, quando è "Il colore della vita" e "assai più gelido è l'attimo/ che ti risucchia nell'ignoto". Bellissima ed inquietante lirica con la quale il poeta Colli dà voce a chi non sarà mai dato gioire del prodigioso incanto del nascere ma ecco che con la poesia "vivrà", protagonista eterno, quasi a voler rendere giustizia, leggerezza ai suoi affanni e nella chiusa colpisce ed affonda, l'eterno rimorso: "Leggero è il silenzio/ dei miei affanni, troppo pesante la zavorra/ di chi ha giocato a dadi con la vita". Il poeta descrive il suo tempo: storie, accadimenti, problemi sociali, e lo fa attraverso "un vizio assurdo": "La poesia è il tuo vizio, assurdo/ in un'epoca la cui essenza/ è rumore:camaleonte dei nostri tempi,/ penetri l'identico in varietà multiformi". Il poeta la ama, la poesia, per lui è vita; se così non fosse la pioggia non avrebbe parole: "Non fa rumore/ la pioggia quando bussa/ con le sue parole fradice di terra". È ricorrente la pioggia, nella poesia del Colli, quasi a voler lavare le impurità della Terra. Ed ecco il poeta attingere ai tramonti sul mare ("Ammirare il mare verso sera/ è sfogliare le pagine dell'ignoto"), ai silenzi della notte ("Nel silenzio della notte o quando/l abili ombre accenna la sera/ si dice che nasca una poesia"), alle tinte dell'autunno ("L'alloro può solo attendere/ la solenne pietà dell'incipiente/ autunno. E placida veglia la luna") per far giungere al lettore profumi, colori. E il poeta sa anche come far riaffiorare l'attimo nel rievocare tragici eventi con la pietà della parola nelle poesie "dedicate" a: Yara Gambirasio in "Sorriso di Bambina"; alle vittime della strage alla stazione di Bologna e alle loro famiglie in "2 Agosto, ore 10.25"; ed ancora a Marco Simoncelli in "Eppure Correvamo Felici"; alle vittime della Shoah in "Il Fornaio di Dachau"; a Pier Paolo Pasolini in "Non lasciate che uccidano i poeti", l'intensa lirica che lancia un grido al mondo ("Non lasciate che vincano i rimpianti/ finché il futuro donerà domande/ libere dalla boria dei profeti").
    C'è un affascinante viaggio da percorrere tra le pagine della poesia e Stefano Colli ci accompagna con le parole che "scrutano gli occhi della notte/ e fanno rumore quando sfidano la luna/ che sbircia discreta i nostri sogni".

    [... continua]

  • L'Aforisma viene così definito: "massima che esprime in forma sintetica un pensiero morale o un sapere pratico". Ciò che scrive a tal proposito Guido Rojetti, autore di oltre duemila aforismi è: "L'unica cosa che un aforisma deve spiegare sono le ali". Ed è ciò che fanno i suoi aforismi pubblicati nel tomo di 298 pagine dal titolo "L'amore è un terno (che ti lascia) secco", un libro auto-pubblicato con Youcanprint, il più importante self-publishing italiano.
    L'autore, alla sua prima pubblicazione, si è classificato al primo posto al Premio Internazionale per l'aforisma "Torino in Sintesi" che, giunto alla IV edizione, si è svolto in Ottobre 2014 a Torino. Un concorso unico nel suo genere che in tempi come questi di comunicazione veloce conferisce all'aforisma la giusta collocazione quale messaggio breve ma intenso e diretto. Rojetti offre al lettore, con i suoi aforismi a volte ironici, altre sarcastici, pungenti, velenosi, filosofici, irriverenti, una carrellata di massime, pensieri e riflessioni su molteplici temi tra cui l'amore: "Un amore che inizia con la A maiuscola deve tener conto di tutto l'alfabeto"; "L'amore ci suscita più gioia di quanto il dolore ci affligge"; il matrimonio: "Terra senza mappa per esploratori dell'ignoto"; la vita: "La vita è la migliore delle iniziative con il peggiore dei finali", e ancora: "Nella vita si cerca lo scopo, e in noi, il mezzo per raggiungerlo", non mancano le definizioni, allusioni, deduzioni rivelazioni ai comportamenti umani maschili e femminili (in quanto a quest'ultimi lascio al giudizio dei lettori le considerazioni che l'autore esprime al riguardo) distaccandomi e ponendo lo sguardo su alcune idee raccolte che spuntano qua e là tra le pagine come germogli di pensieri che si sfogliano come stagioni: le mutevoli stagioni del cuore. Ogni aforisma potrebbe essere l'incipit di una storia già accaduta o ancora da vivere: "Non c'è desiderio più grande di quello che non si è realizzato", scrive saggiamente l'autore. Riflessioni sulla "punteggiatura", giochi di parole in rima, in grafica, assonanze, doppi sensi ruotano intorno alla parola "Amore" intesa nel più ampio dei suoi significati (non mancano riferimenti a Shakespeare e ai suoi sonetti, a Keats o ai Poeti Maledetti) che con ironia conduce il gioco della vita anche nei simbolismi contenuti nel Titolo "L'Amore è un terno (che ti lascia) secco" raffigurati sulla copertina dove il terno... secco: 7 Eros, 77 Innamorati e 69 Separazione, la dice lunga.

    [... continua]

  • L’Universo Uomo cede fortemente al richiamo del Pianeta Donna, lo decanta “Non hai età/quando mi guardi/appena sveglia/con l’odore del caffè/sulle tue labbra”; lo aspira… /Ed aspiro voluttà remote/, lo attraversa…/Amo il tuo cuore/e con esso pulso/spargendo forte/ la mia essenza d’uomo/, e ancora lo vive, ne sonda la profondità degli occhi /…una musa/dagli occhi profondi/ come tunnel/.
    Di questo e di ardente passione si compone la poesia di Sebastiano Impalà, il poeta-pirata dal verso libero, che benda prima di baciare, che vede “nel profumo/di donna travagliata/l’aspro diamante/ dalle mille facce/dall’aspetto cristallino/. Metafore come gocce di pioggia ristoratrice dall’afa provvedono a far germogliare poesia dalle parole…/Mute/le parole si rifugiano/nelle tane dell’orgoglio/hanno piedi di pietra/e ali pesanti/le signore della vita/.
    Pienamente si fa strada l’impronta femminile, decisa ed autoritaria ma anche dolce e suadente nel vissuto di sé bambino; il poeta trasmigra, attraverso la donna, alla Madre Terra del sud, che si fa mare, albero, pietra dura, si forgia in sfaccettature di poesia nel bimbo che diviene uomo e ne fa dono all’amata. Nella Silloge “Ossigeno e Pensieri” Edizioni David and Matthaus per ARTeMUSE Castalide, anticipate dalla eloquente prefazione di E. Bagli, ricorrono sangue e pietre preziose, atte a donare calore e lucentezza al sentimento ed è la propensione al donare e al donarsi che emerge dalla poesia di Sebastiano Impalà e resta a fare compagnia anche quando le pagine del giorno si chiudono e l’atavico sentimento del cuore si sublima con la venerazione dell’amata…/ho vissuto tutto il mio respiro/posando le mie labbra/sui chicchi d’ametista/adagiati sul tuo collo morbido/;  ma è con “Sangue di Fiume”, la poesia che apre la silloge alle altre trentacinque  liriche, che il poeta sale in cima alla vetta del cuore per mostrare anticipatamente, bellezze che vanno oltre orizzonti sconosciuti… emozionando il lettore.

    [... continua]

  • È una poesia ricca, forte, intensa di vita, intrisa di terra, di tempo luce, che  si interroga e si consuma vestita di brezza, di rossi meriggi e “allodole di giada nel cuore”, quella di Francesca Lo Bue.
    Alla ricerca di “Eternità” che/Vuole essere, inchiodarsi/col suo rosso di verità e compassione./Aleggia, ferisce/graffia come cartone sgualcito che nasconde gioielli.
    Diffonde tristi melodie e sinfonie di speranze nella musicalità della lingua spagnola per divenire eco di tempo nella traduzione in lingua italiana /Sòlo el hombre està solo/cercando a la eternidad/Sòlo ella lo acompana con sus pasos escondidos y entranos/.
    (Nada se ha ido) “Non te ne sei mai andato” il titolo della silloge edita da Progetto Cultura e dedicata all’amato padre Salvatore e all’atavica terra di Sicilia; cinquantatré liriche, anticipate dalle preziose note di letteratura di Laurentino Garcìa y Garcìa e di Francesca Innocenti che augurano all’autrice l’uno speranza, attraverso i versi di Gabriel Garcìa Màrquez, e l’altra autentica solidarietà tramite i versi di Pablo Neruda.
    Svariati i temi trattati poeticamente dalla Lo Bue, dalla sofferenza dell’abbandono nella lirica “Lontananza” dove ricorre cantilenante il ripetersi del verso: “la tristezza larga larga/nell’ombra verde verde/acque bianche bianche/abisso triste triste/…" quasi a voler fermare il tempo, alla lirica dedicata alla memoria dell’amica compagna di studi “Susanna”, barbaramente assassinata per un’ideologia; alle poesie dedicate alla Madre terra, al libro, alla parola. E di ricche, forbite parole ci si sazia, nella sua poesia. Ricercate ma non appesantite, le parole assumono sembianze di “spighe ondulate”, “primizie rosate”, “venti argentati”, “angeli nudi”, “api di luce”. Parole abbracciate a tanti interrogativi a ricordare la poetica del grande Jeorge Luis Borges ma, ancora più vicino, di Juan Gelman, poeta argentino insignito del prestigioso Premio Cervantes e, come scriveva Bertran Russell: “ In ogni cosa è salutare, di tanto in tanto mettere un punto interrogativo a ciò che a lungo si era dato per scontato”.

    [... continua]

  • Volare è sempre stato il desiderio più ambito dell’uomo e poterlo realizzare attraverso una fervida fantasia che incida l’anima, nel rispetto di chi due ali le ha sempre avute, è il sogno che si realizza del giovane Vincenzo Lubrano; una scelta o una sfida quella di percorrere il proprio destino nell’accettazione di se stessi?
    L’autore di “Mai chiederò il perché del mio destino”, un tomo che racchiude un racconto narrato in “prima persona” da un fantastico interprete principale che appartiene al regno animale e che di questo mondo ne è un nobile rappresentante poiché domina dal cielo il suo territorio, raccoglie ed esplora, in sette capitoli, sentimenti forti ed intramontabili quali: coraggio, sincerità, astuzia, ma anche fiducia, determinazione e speranza atti a creare indissolubili legami di amicizia tra i protagonisti di un’incredibile ed avventuroso viaggio attraverso la natura, che affascinerà il lettore che si lascerà assorbire dalla ricchezza dei pensieri filosofici tratteggiati che lo indurranno alla riflessione e all’amore verso gli animali.
    Brezza, Carboncino ed Eco Ribelle, sorvoleranno mari e terre per andare incontro alla vita e agli umani e attraverso svariate vicissitudini si arricchiranno di esperienze e ci faranno divertire, sognare e sperare di poter raggiungere “quell’intesa tanto ambita che, unica protagonista, riesce ad unire con un filo sottile due realtà differenti in un unico desiderio che ti fa essere in alcuni momenti un’ unica mente, capace di comunicare attraverso il pensiero”.
    Edito da David and Matthaus, il libro preannuncia già dalle immagini di copertina, all’occhio attento del lettore che le percepisce: l’incontro, il viaggio, la luce… attraverso le ali della libertà.

    [... continua]

  • E’ il cuore, l’interprete principale che si lascia sfogliare. Il cuore ama, spera, soffre, rimane imprigionato: “e nonostante il mio viaggiare/ alla ricerca dell’amore/ sono rimasto imprigionato/ dal mio cuore/”. Un cuore vulnerabile che trattiene le emozioni e le libera attraverso una immaginabile finestra sul mondo, quando è la malinconia ad assalirlo “ /Tutto appare confuso/ innaturale e ti senti più/ vulnerabile/ allora in quei giorni/ apro la finestra/liberando le emozioni/”.
    “Dalla Finestra” è il titolo della prima silloge di Marco Grattoni, quarantatré poesie racchiuse in cinquantatré pagine volano in verso libero alla ricerca del desiderio incolmabile dell’amore perduto, in un viaggio illuminato dalla luna, reso freddo dal silenzio delle notti solitarie ed inquiete: “non cerco nessuno/ in questa città fantasma/ respiro il silenzio/ l’amante che ho sempre respinto/”.
    La semplicità del linguaggio diretto, la purezza dei sentimenti attraverso percorsi vissuti, rendono il lettore partecipe delle emozioni raccolte e lasciate sospese.

    [... continua]

  • La crescita di un ragazzo del Sud che si fa uomo attraverso il comportamento e il carattere delle donne che incontra sul suo cammino. La scoperta della loro sensualità, il rispetto, l’eros, l’audacia, l’amore e le cose che non dicono, lo aiuteranno nel percorso di introspezione, che lo porterà a guardare dentro se stesso attraverso i tanti interrogativi che sorgono dai suoi pensieri: “Dove è scritto che nella vita per realizzarsi bisogna ottenere un titolo di studio, fidanzarsi, cercare casa, convivere e sposarsi?”…
    La percezione, la fragilità dell’uomo, la misericordia, il miracolo, la fede, il dono della poesia composta di luce, profumi, colori… emergono dall’uso di un linguaggio forbito, scorrevole, attento.
    “Il Segreto delle Donne”, un romanzo intrigante, di centosettanta pagine al quale, il giovane autore, ha dato vita  tra sregolatezza, inconsistenza, regalità, fragilità ed intraprendenza, spogliando e vestendo il corpo e l’anima delle donne attraverso le riflessioni e i sentimenti di un uomo: Francesco, che da loro si lascia amare, scoprire e guidare… ma solo per il tempo in cui la passione lo travolge. Non mancano le riflessioni profonde:” Tutti cresciamo con i nostri se e i nostri ma, ed è inutile seppellirli nella memoria perché a volte, nelle sere di pioggia, l’acqua li smuove e loro tornano a galla” e le domande sul pensiero erotico: “Il pensiero erotico subentra quasi automaticamente nell’arco delle nostre giornate ma noi non ce ne accorgiamo. In fin dei conti cosa sono questi pensieri erotici? E perché occupano di continuo la mente di noi tutti?”.  “Capitano della sua anima”, l’autore ci ospita a bordo della nave della vita, tra onde inquiete di interrogativi ed orizzonti che cambiano nell’attimo in cui contempliamo… “un cielo lontano”.

    [... continua]

  • Colma di positività, speranza, colore e luce, la poetica di Michela Zanarella spande colore, scandisce parole tra  bagliori, elevandole su soffici nuvole nell’azzurro cielo o confondendole, complice il vento, tra l’oro del grano.
    Materna, tenera, fertile,  tradotta in sembianze, in lampi, in mosaici, in fiati, in giochi e presenze… la luce, interprete assoluta e custode di celate verità, non smette mai di fluire.
    Si immerge, si solleva, s’inerpica, si scioglie, si mescola fino a divenire terra, cielo, mare, aria, ad essere vita di vita, per poi scorrere  “Tutto scorre/ come l’alba che lava via i chiarori/ fino ad infilare le dita nella luna/ e divenire poesia nell’estetica dell’oltre.
    Cinquantatré luminose liriche, edite da David and Matthaus, divisione ArteMuse per la collana Castalide, con la preziosa prefazione della saggista Angela Molteni ed arricchite dal contributo di Antonino Caponnetto, fanno intuire, al lettore attento, di avere tra le mani un piccolo gioiello che affronta schegge di vissuto tra bagliori di arcobaleni.

    [... continua]

  • Nel verso libero, sciolto, come un aquilone sfuggito dalle mani di un bambino, la poetica di Michela Zanarella si libra tra le nuvole. Cielo e terra si toccano, attraverso la parola. Forti e ben profonde sono le radici; alberi, piante e pietre e ancora crepe di orizzonti si delineano a tracciare fasci di luce. In un respiro profondo giungono odori di glicine e rose. La luminosità è presente ovunque ed è percepibile attraverso il filtrare di ombre, ad accendere le emozioni. Distese di verde fermano il tempo: “Quando il tempo è un ripetersi di età ed ombre in attesa, si sta come l’aria accanto a distese di verde”. Nello scorrere  di stagioni che annunciano il rinnovo, la positività, la  fiducia e la speranza vengono materializzate e dipinte con i colori della natura “il colore ed il nero, in un ripetersi d’esistenza”… così la poetessa dipinge le emozioni che “hanno radici come la storia”. Quaranta liriche che, accarezzando l’aria, compongono “Le Identità del Cielo” , questo il titolo del tomo pubblicato da Lepisma Edizioni, ed è guardando al cielo che Michela Zanarella riesce a far trasparire la luce ovunque, facendo dono al lettore della soave leggerezza dell’anima, che induce ad una personale meditazione attraverso una espressione elegante, gentile e forbita di versi puliti e limpidi, che non mancano dell’omaggio ad Alda Merini, ad Antonia Pozzi e all’amata città dov’essa vive,  Roma.

    [... continua]

  • A prescindere dal nome con il quale la si definisce, è devastante, inesorabilmente devastante.
    I suoi “esecutori” possono arrecare danni irreversibili. Si insidiano con sapiente maestria nei luoghi più cari, all’apparenza più sicuri e lì ricavano la loro tana dove, pazientemente, coltivano le loro prede che, ignare, vanno loro incontro con l’ingenuità e l’innocenza della fanciullezza. Un tema difficile e delicato, quello della pedofilia, grande malattia psichica, ma c’è chi come Laura Scanu, per parlarne… entra nelle favole, metafore della vita, raccontate dai nonni.
    Vi entra in punta di piedi, per conoscere e far conoscere “il drago”, un drago che andrebbe sconfitto “Prima che cali il silenzio”.
    Nel leggere questo tomo, si possono ascoltare tutte le voci mute di chi ha subìto, ma c’è altro, c’è l’insolita visione dei fatti da parte, questa volta, non della preda, della vittima, ma del carnefice. E’ lui che racconta, è sempre lui che, arrotolandosi, guizza fuori da se stesso in modo a volte morboso e consapevole, altre rassegnato al suo destino ma irremovibile negli intenti.
    “Prima che cali il silenzio”, con i suoi diciotto capitoli disegna una spirale nella mente del lettore che, si trova a percorrerla tra infinti interrogativi in raccolti ed inquietanti stati d’animo.
    Un libro che, nell’immagine di San Giorgio e il Drago, svela il significato dei suoi simbolismi: la spada rappresenta la denuncia, San Giorgio la vittima e il Drago la pedofilia così introdotto dalla sapiente prefazione della dottoressa Anna Maria Pilozzi e “arginato” dalla documentata postfazione di Annabella Stella Buonocore. "Prima che cali il silenzio” di Laura Scanu apre alla visione di un torrente impetuoso ed inquietante che, dopo aver violato con la sua irruenza ogni cosa, anche la più inerme e delicata, termina nel mare la sua corsa.

    [... continua]

  • L’eternità di Roma, l’orgoglio di essere romani ma anche piccoli spaccati di quotidianità, raccolti a “quattro mani” dai bravi autori Davide Finesi e Gianmarco Fumasoli, emergono in “Roma secondo noi” con un  ritmo che, su sponde di poesia, ondeggia tra ottonari, senari accoppiati ed endecasillabi in vernacolo romanesco “dei nostri tempi”. Versi che, senza pretese, “riempiono er core”, invitano alla riflessione, rubano un sorriso.
    Una carrellata di liriche in sovraimpressione su foto in bianco e nero di Alceste Serbolonghi; i monumenti, i ponti, gli obelischi e gli angoli di Roma, sembrano accogliere le rime che, tramutate in farfalle, volteggiano ora sopra un campanile, ora sopra una cupola o tra i Fori, simulando il movimento di una città che non si ferma mai e che, al pari di una gran Donna, si presta al gioco, all’ironia di un poeta, perché sa di esserne la Musa ispiratrice.
    L’introduzione, nella presentazione ufficiale degli autori, vede gli stessi alternarsi alle prese con una “prosa ironica” che vicendevolmente li dipinge e li avvicina con una stretta di mano iniziale, tipica tra colleghi, per poi vederli stretti, nel caldo abbraccio, ideale dell’amicizia.
    Di-versi nella vita, in questo libro lasciano scaturire dal cuore l’identico, intramontabile amore per Roma.

    [... continua]

  • Lola Suàrez, giovane donna che beve rum e fuma il sigaro, che percorre la vita attraverso ricordi, sfide e gallerie d’arte, che s’incanta e si lega ad un quadro che racchiude la sua origine, continuità, speranza… 
    Donna, femmina tanghera, artista, incarta la poesia con la musica e dipinge il passato nel presente. Simona Bertocchi, Lola Suàrez… che dire? Un romanzo di vita, un trascorso in  pagine di storia, un giallo che non smorza mai le sue tinte ma le rinnova ad ogni pagina, in ogni meticolosa, accurata descrizione di personaggi ed eventi, spolverando e risollevando polvere sulla Storia che vede un’Argentina martoriata dalla dittatura che ha inferto profonde, insanabili ferite e al grido di "Nunca Mas": "Mai più", si rinnova la forza, per non dimenticare…
    L’autrice, Simona Bertocchi, fa danzare il romanzo attraverso una scrittura elegante, scorrevole ed armoniosa che percorre le ramblas di Barcellona accompagnata da una fragranza d’ambra e  dal suono di un tango che nasconde una fisarmonica nel cuore e non disdegna di condurre il lettore ad immergersi tra dolorosi percorsi, carichi di “umanità cancellata” e racchiusa in un solo nome: desaparecidos.
    Lola Suàrez vive la sua contemporaneità a trecentosessanta gradi tra arte, amore, inganni e speranza, cavalcando i ricordi dell’infanzia aiutata da Diego, suo padre, senza mai arrendersi e naviga senza sosta rincorrendo la sua idea che si fa sempre più reale, quella che suo fratello Julio, desaparecido, possa essere vivo…
    Leggere un romanzo così intenso, con un finale colmo di intrecci, crea al lettore la sensazione di aver intrapreso un avventuroso viaggio alla scoperta di celate preziose realtà.
    “Che colore ha la poesia?”
    Il “lunfardo, il caminito”… cosa sono?
    Solo divorando le pagine che l’autrice ha impastato come creta per far uscire un’opera d’arte, incidendo con forza, armonia e dovizia di particolari ogni elemento, attraversando il mondo con gli occhi del suo intrigante personaggio, Lola Suàrez, il lettore avrà modo di scoprirlo…

    [... continua]

  • Mi piace pensare alla poetica come ad una vocazione dell’anima, ma questa di Salvatore Gurrado, è una “poesia delle ossa”.
    Sotto la superficie, tra passato e presente, a volte abbarbicato sulla montagna composta da “ossa tremolanti” : - mi tremano le ossa, i frammenti del corpo, nella finita terra…- vi è “un patibolo costante”, rifugio forzato del poeta, altre in cammino, sotto la superficie: “sotto la superficie, solo me ne vado, per quelle strade che non sai della domenica, sopporto i silenzi…”.
    Ma in tutta questa sofferenza è sempre “l’amore, la triste eredità che uccide l’anima”, perché l’assenza dell’amore è dolore più grande è solitudine immensa e “con i Graffi d’anima, ti fa bruciar nella valle del pianto…”.
    Salvatore Gurrado, da sotto la superficie percorre il suo passato e torna bambino, “con il cuore pieno di ferite, un piccolo motore così delicato ma così forte da generare amore, fino alla morte…” e sopravvive così “ il bambino che parlava d’amore” : come un dolce respiro che è emozione del brivido e carezza infinita all’oceano… ma è anche attesa, “tra i giardini di Avalon”, aspettando di essere desiderato, voluto, amato dalla madre.
    In tutte queste liriche, dal verso libero, è la pienezza dell’anima, scandagliata profondamente, anima che non cela il dolore ma lo rivive, senza rabbia, senza cattiveria ma con grande forza, una forza che trova energia dal collegamento tra passato e presente tanto da divenire “Il dolore del sentimento”: questa crudeltà che chiamiamo vita, scrive il poeta, tanto più è alta la gioia, più infinito è il suo dolore.
    E’ così che cammina il poeta, dal profondo buio del dolore, verso un barlume di luce: “Ho dato fuoco alla pioggia” scrive, “ c’è un fuoco che inizia nel mio cuore portandomi fuori dal buio, le cicatrici dell’amore mi hanno condotto di nuovo all’alba…”.
    Liriche forti, appese alla vita attraverso funi silenziose di parole bagnate dalle “lacrime lontane”, che le hanno rese robuste, ma il tempo incancellabile della sofferenza è anche rifugio di “infinito della dolcezza in un bacio in riva al mare” perché d’amore immenso è colmo il cuore del poeta Gurrado, ed è con questo amore che combatte “la scura notte, dove dorme la luna… quell’amor che con tanto dolor respira ancor”.

    [... continua]

  • La poesia di Emilio Basta è una “poesia del rifugio”.
    La mente si annida nella casa natia che, nonostante il logorio del tempo e le crepe, nonostante l’abbandono, resta in piedi ancora solida, per ospitare raggi di luce che scaldano nuovi nidi che respirano vita.
    I ricordi: bianchi merletti intrecciati con il filo della luna e la spuma del mare, ricoprono la dura terra di trame di nostalgia...
    La figura del poeta è quella di un osservatore dell’anima, che vede scorrere come in un film, al rallentatore, scene del passato che a sprazzi conduce, egli stesso, nel presente, nel quale vi si ritrova confuso perché non ne riconosce più la bellezza. E’ colmo di dolore il suo pianto per l’umanità e l’animo trova quiete nell’osservare con gli occhi del cuore la natura guidato, talvolta, dalla voce del Signore.
    Il lettore, nel leggere “Il Silenzio delle Farfalle” avverte la sensazione di “camminare” senza mai toccare terra, sospeso tra passato e vane certezze per il futuro, affronta lo scorrere delle primavere immerso tra prati innevati, sotto cieli stellati, riverberi di luna, silenzi notturni…  ha la sensazione di “essere solo” nell’universo, in un viaggio a ritroso, dove i ricordi riemergono più felici della realtà.
    Realtà nella quale il poeta evita di sostare… quasi che questa potesse in qualche modo disturbare il proseguo del cammino, nel quadro onirico colmo di maestosa e perfetta bellezza della natura.
    Il poeta, nel suo viaggio si lascia condurre dal vento che “apre” ogni suo passaggio e soffia su ogni cosa spettinando la vita: - Sotto le poche stelle il vento morde il bosco e le sue foglie ingiallite – ed ancora: - Il vento soffia leggero, si tuffa nel mare, vola sul fiume, accarezza la mia casa. – Ed è ancora il vento a portare l’omaggio del poeta alla sua terra natia, terra di Venosa, per bocca di Orazio. – Orazio dice: il vento sussurra; Orazio risponde: il vento soffia sui frutti…- Ed è così che il poeta Emilio ama, soffre, si esprime e vuole vivere: come “le farfalle nell’aria, che vivono fuori dal tempo…” e non fanno rumore.

    [... continua]

  • In un piccolo paese del Sud Italia, a venti chilometri dal capoluogo della Sicilia sud orientale, popolato da qualche migliaio di anime, nel ritrovarsi, quattro ragazze, quattro amiche adolescenti, intrecciano i loro pensieri, i loro amori, il difficile rapporto con i genitori, l’amicizia, i segreti…
    Tutto è accompagnato dalla determinata intenzione di voler “raccogliere” ricordi, desideri e sogni in un cofanetto, gelosamente custodito, intanto che la vita “accade” ed ha il sapore dell’estate.
    L’amicizia nella complicità è la traiettoria nel volo libero delle quattro iridescenti farfalle.
    Sogni. Sogni ambiti, sogni racchiusi, sogni spezzati, sogni realizzati e comunque sogni sempre vivi, il tema che la giovane autrice di ”Un buco nell'eternità” Rosalia Raineri, indossa attraverso le quattro ragazze del romanzo, facendole sfilare sulla passerella della vita con i colori più belli che si possano indossare: quelli della gioventù.

    [... continua]

  • Emozioni, sensazioni, immaginazione, pensieri caratterizzano questo romanzo, ambientato negli anni ’40. Un sottile e costante “filo di storia” unisce Roma, (Cento Italia) a Morciano di Romagna (Italia Nord Orientale): è la Storia di Romolo, gemello di Remo e della sua famiglia.
    In una tela di ricordi, tessuti da Romolo, nel mentre che “la storia si compie” e travolge  nelle sue  vicissitudini tutto ciò che l’attraversa, Romolo descrive con l’anima ciò che gli “trasmette” la vicinanza del suo gemello, fino all’alternanza dei pensieri dei due fratelli che, sembrano raccontare l’uno all’altro il pezzo di storia mancante.
    Si dice che i gemelli, abbiano una conoscenza l’uno dell’altro, non sperimentabile dalle altre persone…
    Racconto avvincente, dove di tanto in tanto l’autore paragona il passato al presente, mettendo in evidenza le difficoltà e gli orrori affrontati nel periodo della guerra, ma anche la semplicità, l’altruismo e l’onestà dei sentimenti della gente del paese di Morciano, dove trovano sicuro rifugio i ricordi dei momenti felici vissuti da Romolo bambino insieme al fratello gemello. La significativa figura del pastore, presente come “una visione agli occhi di Romolo, è rassicurante, non solo per lui ma lo diviene anche per il lettore, quasi ne voglia guidare il cammino” a procedere alla lettura.
    La costante del romanzo è “la testa di Romolo” : i suoi pensieri, la sua capacità di immedesimazione, le tante domande che si pone,le paure, le riflessioni (14 motivi per andare avanti) e la figura importante di sua madre Zoraide, donna decisa, forte, che riesce a trasferire in lui, nel suo gemello e negli altri due figli, Vincenzo e Nerina e alla fine anche in suo marito Adamo,(che riconosce in lei il punto fermo della famiglia),  quei valori forti ed indissolubili che li uniscono gli uni agli altri , come solo le “donne d’altri tempi” riuscivano a fare.
    Ogni capitolo del romanzo è preceduto da un aforisma  o da una citazione, la cui riflessione predispone il lettore alla lettura di ciò che segue, con maggiore curiosità.

    [... continua]

  • La storia, nel mondo, è anche la “nostra storia”, perché noi, in qualche parte della Terra, anche se non coinvolti personalmente, la stavamo attraversando ed anche perché può avvenire che qualcuno, che all’epoca dei fatti doveva ancora nascere, forse un giorno non lontano vorrà testimoniarla in un libro... Roberto Turrinunti lo ha fatto, con “Estanislao Kowal”.
    Tenendoci per mano ci ha guidato, con intensa emozione, nella storia di un desaparecido, una delle 30.000 vittime della dittatura militare in Argentina negli anni tra il 1976 ed il 1983.
    Roberto Turrinunti, romagnolo, ha oggi l’età che aveva Estanislao Kowal, anche lui romagnolo, al momento della sua scomparsa.
    Grazie al doloroso coraggio di protesta delle madri di Plaza de Mayo ed alle loro foto, che hanno fatto il giro del mondo, siamo venuti a conoscenza delle atrocità dilagate in Argentina in quegli anni. Alcune volte può anche accadere di avere “sotto casa” una piazza o una strada intitolata ad un “nome sconosciuto” e che la curiosità e la sensibilità di un giovane possano restituirle la meritata luce agli occhi ciechi del mondo, anche attraverso un libro, per non dimenticare.

    [... continua]